QUALE CURA nella CASA? (Convegno su domiciliarità del DSM ASL TO1)

La valutazione degli esiti

del trattamento in

Gruppo Appartamento e nel Progetto Domiciliarità

del DSM ASL TO1

 

31 Maggio 2016

ore 9.00 - 13.00

Aula Magna Istituto Rosmini Via Rosmini 4, Torino

 

Il Dipartimento di Salute Mentale ASL TO1, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino, convinto dell’importanza di valutare l’efficacia dei propri interventi, ha condotto uno studio sugli esiti del trattamento attuato nella Residenzialità e nel Servizio Domiciliarità, coinvolgendo nel progetto operatori e utenza.

In questa sede verranno esposti i risultati delle valutazioni che hanno coinvolto 172 pazienti inseriti nei Gruppi Appartamento e 52 pazienti seguiti al proprio domicilio, con una prima rilevazione dei dati (T0) a cui hanno fatto seguito ulteriori rilevazioni a distanza di 6 mesi (T1) e 12 mesi (T2) .

 

PROGRAMMA

 

- Saluti e introduzione – G.M. Soro, V. Xocco

- L’organizzazione ed il modello del Servizio Residenzialità ASL TO1 – G. Di Franco

- L’organizzazione ed il modello del Servizio Domiciliarità ASL TO1 – A. Marchetti, G. Balice

- Lo studio: impianto metodologico di ricerca – M. Settanni

- Lo studio: descrizione ed osservazioni sul campione di ricerca – L. Reano, M.N. Tiezzi

- Lo studio: risultati – L. Reano, M.N. Tiezzi

- Conclusioni – V. Xocco

 

La partecipazione è libera e gratuita

 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.