PRESENTAZIONE DELLA 2233 A FIRENZE E ULTIME DAL GIRO D'ITALIA DI MILA BROLLO ( Renzo De Stefani e Mila Brollo)

  1) Abbiamo ripreso i giri di presentazione della 2233 naturalmente col mitico on. Casati.

Il prossimo è a Firenze il 10 giugno (cfr volantino allegato). È organizzato dall’associazione progetto Itaca di Firenze che ha sedi in più parti di Italia e una importanze visibilità nazionale nonché buone pratiche diffuse. Dirige le danze Paolo Bazzoffi! Grazie Paolo! Seguirà Parma il 24 giugno. Di Parma vi aggiornerò meglio più avanti quando avrò la locandina.

 

  2)    Naturalmente sapete tutti che il 27 maggio siamo tutti ad Albano Laziale a festeggiare la 7^ Giornata Ufologica. Vi allego per mero scrupolo e per i super-ritardatari depliant e sistemazioni alberghiere e ci vediamo lì!

 

  3)    E poi GRAN FINALE con Mila la vagante che è stata a Palermo e che è data in viaggio per Lampedusa. Ma trovate tutto qui sotto.

 

Baci tanti

                                                                                Renzo De Stefani

 

Da Mila

Vi invio intanto questo. Per il resto, scriverò sugli incontri magici di questi giorni a Palermo. Un abbraccio a tutti!

altre cose sulla "contaminazione del Fareassieme" le trovate sul sito www.biciterapia.it

Sono in dirittura di arrivo. Presto sarò arrivata a Lampedusa e insieme a me, sull’isola, arriveranno anche altri amici della Salute Mentale incontrati lungo il mio giro. Forse anche gli amici palermitani appena conosciuti. Mi piacerebbe venissero tuttituttitutti: Chi volesse aggiungersi, lo facciaaaaaaaaaaaa!

Per info chiedere a  commerciale1@tourgest.com

Arriverò uno o due  giorni prima di tutti per aver modo di organizzare gli incontri.

Questa una ipotesi di programma per prenderci cura, dare cura e fare cura a noi tutti (è o non è BICITERAPIA????). Ogni partecipazione a cosa proposta, tranne forse l’incontro della sera, è assolutamente libera.

Io posso offrire lo Yoga della Risata perchè è cosa che fa bene al mattino, che può coinvolgere chiunque lo volesse praticare compresi i lampedusiani (lo faremo in un luogo pubblico del paese) e perchè ridere assieme è bellissimo.

(Prego Linda di aiutarmi a fare qualche locandina da portare per dare info ai locali su chi siamo e sul programma).

Sicuramente avremo l’onore di incontrare il Sindaco Giusi Nicolini, in data ancora da definirsi. Io l’adoro.

Propongo che ci si veda ogni giorno al calar della sera, per un breve scambio di riflessioni, idee, pensieri, per risolvere eventuali problemi e per farci mille carezze metaforiche e … anche qualcuna reale, perchè no?

L’isola è un luogo speciale e noi, sull’isola, siamo speciali. Ne avremo grande rispetto. In questi giorni c’è massima emergenza e dovremo sempre con grande attenzione, considerarlo.

Se sarà possibile, mi piacerebbe tanto organizzare una cena del “fareassieme” aperta a chi vive sull’isola:

IMPORTANTE: ognuno porti da casa qualche specialità da condividere!

Cercherò di coinvolgere quanti più possibile del luogo e …ormai mi conoscete, se so fare qualcosa, questo è il  genere  di cose che mi riesce ��

Tra noi ci sarà una cara amica artista-fotografa, Linda: potrebbe darci due o tre regole iniziali, già il primo giorno,  per fare scatti interessanti ?!

 

arrivo sabato 28.05

ore 18  I incontro tra tutti i partecipanti della biciterapiamila e informazioni varie

domenica 29.05

ore 8,30 Yoga della risata

ore 18 incontro di Parole Ritrovate a Lampedusa

lunedì 30.05

ore 8,30 Yoga della risata

escursione sull’isola

ore 18 incontro Parole Ritrovate a Lampedusa

martedì 31.05

ore 8,30 Yoga della risata

incontro con CSM dell’isola

incontro Parole Ritrovate a Lampedusa e cena del “Fareassieme”

Mercoledì 01.06

ore 8,30 Yoga della risata

ore 18 storia e storie di (quel) mare. Incotro con abitanti dell’isola

giovedì 02.06

ore 8,30 Yoga della risata

ore 18 incontro di Parole Ritrovate

venerdì 03.06

ore 8,30

Yoga della risata

Festa e cena del Fareassieme e saluti all’isola

sabato 04.06 Partenza ��


RAGAZZI, MA CI PENSATE? CE L’HO FATTA!

Grazie a tutti coloro che insieme a me ci hanno creduto.

 

Mila Brollo

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28523

TOTALE VISITE

43527

Dati aggiornati

al 21-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).