LETTERA ALLA IV COMMISSIONE REGIONALE SULLA RISCRITTURA DELLA DGR n.30 SULLE STRUTTURE PSICHIATRICHE RESIDENZIALI (Comitato per la Salute Mentale in Piemonte)

Al Sig. Presidente

e ai componenti della IV Commissione Permanente

Consiglio Regionale del Piemonte

 

Al Sig. Presidente

Al Sig. Assessore alla Sanità

Giunta Regionale del Piemonte

 

e p.c. alla Sig.a Sindaca

della Città di Torino

 

 

Oggetto: riscrittura della Dgr 30 del 3 giugno 2015 sul riordino dei servizi residenziali psichiatrici

 

 

La IV Commissione permanente Sanità e Assistenza del Consiglio Regionale dovrà esaminare nei prossimi giorni il documento di modifica della Dgr30 sulla residenzialità psichiatrica, con cui la Giunta intende evitare il pronunciamento nel merito del TAR.

Intendiamo informare le S.V. che l’elaborazione di tale documento non è stata accompagnata, a nostra conoscenza, da alcuna consultazione nel merito con i soggetti in causa (associazioni di utenti e familiari, comitati spontanei, enti ricorrenti, dipartimenti di salute mentale pubblici); si sono svolti solo alcuni incontri, concentrati in due giorni, in cui la Giunta ha comunicato le proprie intenzioni di modifica, in modo generico, senza contraddittorio e senza rendere pubblica alcuna bozza di testo.

Dalle prime anticipazioni, a fronte di alcune “aperture” che potrebbero riguardare aspetti più di forma che di sostanza, NON RISULTA che siano state recepite alcune fondamentali indicazioni culturali e politiche contenute nelle mozioni Gariglio e Vignale, approvate nel dicembre 2015.

In particolare verrebbero riproposte posizioni inaccettabili dal punto di vista tecnico : ad esempio quella per cui i cosiddetti gruppi appartamento (a parte alcuni con “copertura” sulle 24 ore) potrebbero svolgere solo una funzione assistenziale, mentre le cosiddette comunità protette solo una funzione terapeutica. Tale affermazione, come illustrato dal nostro Comitato nell’audizione concessa da codesta Commissione il 21 aprile 2016, è in contrasto con la letteratura scientifica e con una consolidata tradizione di buone pratiche maturata in Piemonte. Se confermata, con il pretesto dell’inappropriatezza, costringerebbe i servizi a dimissioni indiscriminate e vere e proprie deportazioni di utenti da una struttura all’altra.

Non vi sarebbe inoltre alcuna garanzia che venga evitato l’impoverimento delle équipes, riducendo la presenza delle figure professionali più qualificate e irrigidendo gli standard di personale al punto da non consentire alcuna pluralità di modelli terapeutici

La riscrittura del documento sembra poggiare su una discutibile interpretazione dei dati del censimento delle strutture residenziali piemontesi svolto frettolosamente nello scorso autunno, che non è ancora stato reso pubblico, sulla cui fondatezza scientifica e metodologica è impossibile esprimere un giudizio. Il rischio è che la Giunta riproponga una visione immiserita dei bisogni sanitari residenziali come bisogni di prestazioni para-ospedaliere, e di badanza-sorveglianza, autoreferenziali, lontane dal concetto di “percorsi di cura esigibili”, previsto dal Piano d’Azioni Nazionale della Salute mentale del 2013 e richiamato dalle mozioni consiliari dello scorso dicembre

Facciamo appello a codesta Commissione e alla sensibilità di tutti gli Amministratori coinvolti: prima di approvare la delibera rendete possibili vere consultazioni: risparmiate al Piemonte una nuova delibera autoreferenziale, che porti a un generale appiattimento verso il basso della filiera residenziale, senza alcun potenziamento dei servizi territoriali e domiciliari: non solo porterebbe a una nuova ondata di ricorsi, ma verrebbe percepita come una violazione dei diritti di cittadini fra i più fragili e sofferenti.

 

In una stagione politica come questa la reiterazione degli errori potrebbe avere conseguenze ancora più drammatiche e irreparabili.

 

Comitato per la Salute Mentale in Piemonte

 

per info sul Comitato vai a http://csmpiemonte.it/

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28292

TOTALE VISITE

43180

Dati aggiornati

al 15-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).