ARRIVEDERCI ADRIANA!

 

 

Oggi, Martedì 22 Agosto 2016, al Parco della Resistenza è stato dato l'ultimo saluto ad Adriana Mocellini, una dei soci fondatori di MenteInPace. 


Pubblichiamo due commenti di Maria Grazia Tomaciello e Meo Cometti.

 

.. Ho conosciuto Adriana nel 2003 quando ha preso avvio il percorso della Associazione MenteInPace..a cui lei ha dato molte delle sue energie...sul piano morale e umano..oltre che di indispensabile supporto organizzativo..
Ho apprezzato la sua coerenza...la sua intransigenza.. il suo cercare sempre il senso più vero dentro ai passi che faceva 'insieme' a tanti di noi.. uniti dalla volontà di giustizia e di sostanziale solidarietà per contrastare le fragilità e affermare la dignità delle persone...
Questi pensieri..queste emozioni mi restano di lei...e sono per me un dono...che mi lascia con la sua testimonianza di donna...compagna di un pezzo del mio viaggio in questa comunità.
Abbraccio tutti i suoi cari...


Maria Grazia

 

Bella e frequentatissima cerimonia funebre in onore di Adriana. Interessanti e commoventi i ricordi espressi da Calandri e da Ida Isoardi! Ciao Adriana. Continuerai a volare in alto, fiera della tua condizione di donna impegnata sempre nelle giuste cause, incorruttibile e intransigente.Ci mancherai. Un abbraccio a Franco Bagnis, al figlio e alla nipote.


Meo Cometti

 

nella foto la folla numerosa al momento del saluto

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28553

TOTALE VISITE

43558

Dati aggiornati

al 22-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Famiglie sospese. Sostenere la genitorialità di fronte ai disturbi mentali degli adulti

 

di F. TasselliM. PercudaniA. Zanobio (a cura di)

 

Descrizione del libro

I figli di persone affette da disturbo mentale sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare a loro volta una qualche forma di malessere psichico. Inoltre, come si può facilmente immaginare, per questi genitori è significativamente più difficile provvedere alle esigenze di natura fisica, psicologica ed emotiva dei propri figli durante il percorso di crescita. Questo volume vuole analizzare la tematica del riconoscimento e del sostegno alla genitorialità di quanti sono affetti da una psicopatologia così che, attraverso un lavoro di ordine educativo e riflessivo, si possa raggiungere una finalità preventiva e protettiva rispetto alla trasmissione di una sofferenza psichica ai figli. Negli ultimi decenni, infatti, in molti Paesi si sono realizzati interventi preventivi per questi minori e per le loro famiglie proprio al fine di incrementare i fattori protettivi, promuovere un sano sviluppo e ridurre conseguentemente il rischio di sviluppare disturbi mentali. Il libro raccoglie molteplici contribuiti di esperti nazionali e internazionali - con puntuali riferimenti a modelli preventivi fondati su evidenze scientifiche - e offre una diversa prospettiva della trasmissione transgenerazionale delle problematiche psichiche. Molteplici sono i destinatari di questo testo: in primis, gli operatori della salute (psichiatri, neuropsichiatri infantili, psicologi, medici di medicina generale, pediatri, infermieri, educatori, assistenti sociali) che troveranno, per la prima volta, indicazioni aggiornate e sistematizzate per lavorare anche in direzione preventiva. Inoltre, il libro vuole essere un utile strumento per insegnanti e operatori delle scienze dell'educazione interessati e coinvolti nelle problematiche relative alla prevenzione dei disturbi mentali nei bambini e negli adolescenti. Infine, il libro è dedicato ai genitori che presentano un disturbo psichico: anche se non sono in cura, sanno di essere sofferenti ed è importante che inizino a preoccuparsi e ad occuparsi della salute mentale dei loro figli.