ARRIVEDERCI ADRIANA!

 

 

Oggi, Martedì 22 Agosto 2016, al Parco della Resistenza è stato dato l'ultimo saluto ad Adriana Mocellini, una dei soci fondatori di MenteInPace. 


Pubblichiamo due commenti di Maria Grazia Tomaciello e Meo Cometti.

 

.. Ho conosciuto Adriana nel 2003 quando ha preso avvio il percorso della Associazione MenteInPace..a cui lei ha dato molte delle sue energie...sul piano morale e umano..oltre che di indispensabile supporto organizzativo..
Ho apprezzato la sua coerenza...la sua intransigenza.. il suo cercare sempre il senso più vero dentro ai passi che faceva 'insieme' a tanti di noi.. uniti dalla volontà di giustizia e di sostanziale solidarietà per contrastare le fragilità e affermare la dignità delle persone...
Questi pensieri..queste emozioni mi restano di lei...e sono per me un dono...che mi lascia con la sua testimonianza di donna...compagna di un pezzo del mio viaggio in questa comunità.
Abbraccio tutti i suoi cari...


Maria Grazia

 

Bella e frequentatissima cerimonia funebre in onore di Adriana. Interessanti e commoventi i ricordi espressi da Calandri e da Ida Isoardi! Ciao Adriana. Continuerai a volare in alto, fiera della tua condizione di donna impegnata sempre nelle giuste cause, incorruttibile e intransigente.Ci mancherai. Un abbraccio a Franco Bagnis, al figlio e alla nipote.


Meo Cometti

 

nella foto la folla numerosa al momento del saluto

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------