ARRIVEDERCI ADRIANA!

 

 

Oggi, Martedì 22 Agosto 2016, al Parco della Resistenza è stato dato l'ultimo saluto ad Adriana Mocellini, una dei soci fondatori di MenteInPace. 


Pubblichiamo due commenti di Maria Grazia Tomaciello e Meo Cometti.

 

.. Ho conosciuto Adriana nel 2003 quando ha preso avvio il percorso della Associazione MenteInPace..a cui lei ha dato molte delle sue energie...sul piano morale e umano..oltre che di indispensabile supporto organizzativo..
Ho apprezzato la sua coerenza...la sua intransigenza.. il suo cercare sempre il senso più vero dentro ai passi che faceva 'insieme' a tanti di noi.. uniti dalla volontà di giustizia e di sostanziale solidarietà per contrastare le fragilità e affermare la dignità delle persone...
Questi pensieri..queste emozioni mi restano di lei...e sono per me un dono...che mi lascia con la sua testimonianza di donna...compagna di un pezzo del mio viaggio in questa comunità.
Abbraccio tutti i suoi cari...


Maria Grazia

 

Bella e frequentatissima cerimonia funebre in onore di Adriana. Interessanti e commoventi i ricordi espressi da Calandri e da Ida Isoardi! Ciao Adriana. Continuerai a volare in alto, fiera della tua condizione di donna impegnata sempre nelle giuste cause, incorruttibile e intransigente.Ci mancherai. Un abbraccio a Franco Bagnis, al figlio e alla nipote.


Meo Cometti

 

nella foto la folla numerosa al momento del saluto

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.