RIORDINO PSICHIATRIA: RICHIESTA DI AUDIZIONE PRESSO LA GIUNTA REGIONALE (Fenascop, AGCI Solidarietà Piemonte, DiAPsi, ALMM)

Preg.mo Presidente della Giunta Regionale Dott. Sergio Chiamparino

 

Ill.mi Membri della Giunta Regionale

Dott. Aldo Reschigna Dott. Francesco Balocco Dott.ssa Monica Cerutti Dott.ssa Giuseppina De Santis Dott. Augusto Ferrari Dott. Giovanni Maria Ferraris Dott. Giorgio Ferrero Dott.ssa Antonella Parigi Dott.ssa Giovanna Pentenero Dott. Antonio Saitta Dott. Alberto Valmaggia

 

Oggetto: Richiesta di udienza per modifiche e integrazioni alla bozza di deliberazione di integrazione della DGR 30-1517/2015 e s.m.i.

 

Gli scriventi rappresentano un ampio numero delle istituzioni del privato imprenditoriale e del privato sociale che da molti anni gestiscono strutture residenziali e semiresidenziali per pazienti con problemi psichiatrici, mentre altri degli scriventi presiedono associazioni che si prendono cura dei problemi dei familiari e delle famiglie che soffrono per le analoghe problematiche. Tutti, nello scorso anno, ci siamo dovuti avvalere dell’aiuto di uffici legali e rivolgerci al Tribunale Amministrativo Regionale per ottenere la sospensione della DGR 30.

Abbiamo ricevuto a fine luglio u.s. l’ultima versione della bozza di deliberazione regionale rubricata “Revisione della residenzialità psichiatrica. Integrazione a DGR n. 30-1517/2015 e s.m.i.”. In considerazione che la nuova e terza versione della DGR 30 sarà oggetto nelle prossime settimane del parere della IV Commissione e del voto della Giunta Regionale desideriamo rivolgere la richiesta di poter esporre le nostre perplessità e preoccupazioni in merito al documento proposto all’ Assessorato alla sanità, che evidenzia ancora una volta la distanza tra la bozza di integrazione alla Dgr 30/2015 e gli elementi alla base del ricorso pendente al Tar. In modo molto sintetico desideriamo segnalare alla Vostra attenzione che ci sembra permangano analoghe criticità che abbiamo manifestato rispetto alla vecchia delibera.

 

Certamente alcune modifiche ci sono apparse come positive:

- Costituzione di un Osservatorio della psichiatria, del quale siamo in attesa da anni.

- Il riconoscimento ( almeno verbale ) dell’ importanza della scelta del luogo di cura

- L’accreditamento dei gruppi appartamento.

 

Tuttavia, desideriamo segnalare:

- che nel corso di questi mesi non è stata offerta ai numerosi ricorrenti nessuna interlocuzione e possibilità di confronto scientifico sui rilievi effettuati dall’Assessorato e che la nuova versione è frutto esclusivo ed unilaterale dell’Assessorato alla Sanità. Si rammenta che la richiesta di concertazione, oltre all’evidente intento costruttivo, è sostenuta dalla disponibilità offerta dai ricorrenti in sede giurisdizionale ad un rinvio della decisione di merito sui ricorsi avverso la DGR 30-1517/2015.

- che la stessa scelta del personale ( forte prevalenza di operatori socio sanitari, educatori, nessun psicoterapeuta, riduzione delle ore di presenza dello psichiatra, cancellazione della ‘pronta reperibilità’ dello stesso ) costituisce testimonianza del declassamento di finalità terapeutiche, comportando un indirizzo verso un lavoro puramente assistenziale e di “badanza”. In particolare la riduzione delle prestazioni della figura dello psichiatra precluderà le possibilità di pronto intervento ai numerosi atti autolesivi e anticonservativi dei pazienti. La mancata presenza della figura dello psicoterapeuta (nei suoi vari aspetti di terapia individuale, di gruppo, familiare, di psicodiagnostica ) costituirà l’ annullamento di qualsiasi ‘percorso’ terapeutico ( = tentativo di modificazione stabile dei sintomi ). Il testo presenta una composizione di equipe veramente molto distante da quanto indicato in letteratura scientifica come “equipe multiprofessionale”

- che una sua eventuale applicazione ( che non tiene in considerazione delle figure professionali che fanno ormai parte integrante di molte realtà non solo in Piemonte ) comporterebbe un forte numero di licenziamenti di personale in servizio da anni ( circa700 in tutta la Regione Piemonte ) e l’ assunzione di circa 300 nuovi operatori inesperti e con qualifiche professionali di minore livello.

- I servizi generali (ausiliari) non sono stati considerati all’interno del sistema tariffario: né quantificati, né inseriti nel costo nelle tabelle allegate. Si tratta pertanto di un sistema tariffario che non è congruo con i criteri organizzativi, gestionali e strutturali, che non utilizza le tabelle di calcolo di precedenti testi normativi e legislativi, né di una comparazione del costo per i contribuenti delle analoghe strutture residenziali gestite dalle Asl.

- che un abbassamento delle rette giornaliere attualmente corrisposte di oltre il 25 % comporterà la chiusura di un numero veramente elevato di istituzioni da anni operanti

- che introducendo scale di valutazione delle condizioni cliniche dei pazienti (delle quali è dubbio il valore scientifico in tutta la letteratura ) l’Assessorato ha rilevato ‘impropri inserimenti’ e che pertanto ne evince spostamenti per quasi il 50% dei pazienti attualmente inseriti. E’ evidente una specie di sentenza di imperizia del lavoro svolto dai servizi pubblici invianti e di negligenza da parte dei gestori delle istituzioni medesime. Ma anche una choccante opera di ‘trasloco’ dei pazienti. Il risultato di questo intervento porterà ad un elevato aggravio dei costi, alla chiusura di diverse strutture ed avrà un effetto contrario all’obiettivo della dgr di riordino ovvero la riduzione dei costi.

- che anche il difficile tema della distinzione dei casi che fruiscono di trattamenti sanitari dai casi che fruiscono di semplice assistenza è stato sbrigativamente affrontato con scale di valutazione di dubbia scientificità e/o di rilievo del luogo di inserimento, criteri che comunque esulano da una seria ricerca clinica e scientifica.

- Nella nuova versione anche gli strumenti di lavoro più utilizzati e pubblicizzati nella letteratura internazionale (centri diurni, borse lavoro ) che la Dgr 357/ 97 almeno menzionava, non vengono neanche più presi in considerazione.

 

Per tutti i motivi precedentemente elencati, seppure in modo sintetico, siamo nuovamente a chiedere una audizione dalla vostra Giunta, prima che la nuova versione della Dgr venga approvata.

Con riserva di tutela delle proprie posizioni e dei propri interessi.

 

Distinti saluti.

 

Torino, 1 settembre 2016

 

Metello Corulli Presidente Fenascop Piemonte metelloc@altervox.it

Giuseppe D’Anna AGCI Solidarietà Piemonte gd.danna@gmail.com  

Barbara Bosi Graziella ALMM bosi@almm.it

 

Gozzellino Presidente Presidente Diapsi diapsipiemonte@gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

34817

TOTALE VISITE

51656

Dati aggiornati

al 25-06-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

Pronto intervento emozioni

Strategie di mindfulness per affrontare con serenità le difficoltà della vita

Il volume affronta le principali e più diffuse emozioni dolorose, descrivendone sintomi, rimedi e terapie.

La paura, l’abbandono, l’insuccesso o il dolore sono un’esperienza comune nella vita di chiunque. Eppure, spesso facciamo poco o niente per riparare i danni che queste emozioni procurano. Perché? Semplicemente, perché non abbiamo gli strumenti adatti per gestirle: ci sembra eccessivo ricorrere a uno psicanalista, e insufficiente parlarne a un amico.

Così accade che trascuriamo le nostre ferite psicologiche perché pensiamo che non esistano rimedi semplici, rapidi ed efficaci per guarirle.

Primo soccorso emotivo
Ognuno di noi può imparare facilmente tecniche e interventi di primo soccorso emotivo, accelerando la «guarigione» dalle proprie ferite e prevenendo l’arrivo di quelle future. Il volume propone tecniche ispirate alla mindfulness, l’approccio che consente di sviluppare la flessibilità mentale e aumentare l’autoconsapevolezza, per permettere a ognuno di noi di costruirsi il personale  kit essenziale di primo soccorso emotivo, da tenere sempre a portata di mano.