LETTERA ALLA GIUNTA REGIONALE SUL RIORDINO RESIDENZIALITA' PSICHIATRICA - RICHIESTA DI AUDIZIONE (Comitato per la Salute Mentale in Piemonte)

Al Sig. Presidente

e ai componenti della IV Commissione Permanente

Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale

del Piemonte

 

Al Sig. Presidente

Dr. Sergio Chiamparino

Al Sig. Assessore alla Sanità

Al Sig Assessore all’Assistenza

Ai Sig.i Assessori

Giunta Regionale del Piemonte

 

Oggetto: richiesta di audizione per osservazioni in merito alla bozza di deliberazione di integrazione della DGR 30-1517/2015

Lo scrivente Comitato per la Salute Mentale in Piemonte è un comitato spontaneo a cui aderiscono cittadini e organizzazioni diverse (associazioni di volontariato, utenti, familiari, operatori pubblici e privati, organizzazioni professionali, sindacati) che condividono alcune posizioni sulla salute mentale e intendono sostenerle presso l’opinione pubblica e le istituzioni.

Il 21 aprile 2016 una nostra delegazione è stata audita dalla IV Commissione permanente del Consiglio Regionale, cui ha sottoposto un documento di considerazioni critiche e proposte di miglioramento della DGR 30 sulla residenzialità psichiatrica.

A fronte della recente presentazione da parte della Giunta regionale di una bozza di integrazione alla DGR30, chiediamo alle SSLL di essere ricevuti per poter esporre in maggiore dettaglio le ragioni delle nostre perduranti perplessità e formulare ulteriori proposte di miglioramento.

Le modifiche proposte dalla Giunta contengono, a nostro avviso, alcuni importanti passi avanti ma anche svariate criticità residue. In particolare:

  • Viene ancora una volta riproposto l’infondato “dogma” per cui le cosiddette comunità protette avrebbero il monopolio della funzione terapeutica, mentre ai gruppi appartamento sarebbe riservata una pura funzione assistenziale
  • Su questa base si escludono impropriamente dai LEA una gran parte dei gruppi appartamento sulle 24 ore e tutti quelli sulle 12 ore e a fasce, in contrasto con la normativa sui LEA vigente  (Dpcm 2001) che considera extra lea solo le strutture “assistenziali a bassa intensità”, ovvero, al massimo, i gruppi appartamento coperti per fasce orarie
  • Tale scelta, verosimilmente dettata da ragioni economiche, tradisce anche un pregiudizio culturale avverso alle soluzioni riabilitative “leggere” di tipo territoriale, impedendo di fatto agli utenti di curarsi all’interno di civili abitazioni, le più prossime al mondo normale. Si tratta di un profondo travisamento dei principi della riforma psichiatrica, della vigente legge 180, dei successivi Progetti Obiettivi e del Piano d’Azioni Nazionale per la Salute mentale
  •  Affermando a priori l’inappropriatezza dell’inserimento di utenti con bisogni terapeutici in gruppi appartamento e di utenti con bisogni assistenziali in comunità, la Dgr ordina ai Dsm di attuare una sorta di “deportazione” incrociata (dagli appartamenti alle comunità e viceversa) che riguarderà centinaia di persone. E’ ovvio che tale operazione non solo è contraria ai principi della riforma psichiatrica sopra ricordati, ma viola i più elementari diritti degli utenti e dei loro familiari
  •  In particolare viene clamorosamente contraddetto nei fatti il principio della libera scelta dei luoghi di cura, che la nuova bozza della  Dgr si era appena premurata di riconoscere in teoria
  •  Viene al contempo negato il diritto-dovere dei servizi di utilizzare, in scienza e coscienza, comunità, gruppi appartamento o appartamenti supportati (che la Dgr nemmeno cita), con indicazioni differenziate e individualizzate, sulla base del principio dei percorsi di cura complessi, previsto dal Piano d’Azioni Nazionale per la Salute mentale del 2013 e da una vasta letteratura scientifica, prodotta anche in Piemonte.
  • Peraltro la metodologia proposta dall’Assessorato per distinguere gli utenti con prevalenti bisogni sanitari da quelli con prevalenti bisogni assistenziali, appare molto fragile in termini di validità scientifica: non è sostenuta da alcun riferimento bibliografico specifico e si limita ad utilizzare, in modo estemporaneo, due scale (Gaf e Honos) la cui attendibilità per questo genere di valutazione è esplicitamente messa in dubbio dalla letteratura stessa che le riguarda (in particolar modo la Honos)  
  • A una parte dei gruppi appartamento, coperti sulle 24 ore, (SRP2 di livello 2) viene riconosciuta una funzione terapeutica. Tale “apertura” lodevole nelle intenzioni è però contraddetta nei fatti poiché il monte ore previsto è completamente inadeguato a svolgere una reale funzione terapeutica. Con l’organizzazione proposta (per dieci utenti un operatore da solo in turno sulle 24 ore con la compresenza di un secondo operatore per circa 5 ore giornaliere) è possibile solo un superficiale lavoro di badanza che però, paradossalmente, viene posto a totale carico del servizio sanitario nazionale.
  • Le SRP2 di livello 2 diventano così solo un “contentino” simbolico, privo di reale utilità. Per funzionare come strutture terapeutiche dovrebbero avere gli stessi standard di personale pro-capite delle SRP2 di livello 1, ridotte in proporzione al minor numero di ospiti (dieci contro venti). Non si tratta infatti di strutture terapeutiche di serie B, per pazienti meno gravi, come pretenderebbe la Dgr, bensì di un modello specifico di struttura terapeutica: in contesto di civile abitazione, di dimensioni più ridotte, e con indicazioni distinte rispetto alle SRP2 di livello 1, ma con uguale dignità clinica e quindi, necessariamente, con costi pro capite analoghi. 
  • Anche il monte ore previsto per le SRP3 a 24 e 12 ore rimane profondamente inadeguato. Ma soprattutto nelle SRP3 con copertura sulle 24 la presenza notturna è assicurata tramite le cosiddette “notti passive”. Tale meccanismo è inaccettabile poiché la “reperibilità con obbligo di presenza” implica che l’operatore sia in sede ma non in servizio e non venga retribuito, se non in maniera irrisoria. Si tratta di una soluzione organizzativa non rispettosa del diritto al riposo de lavoratori e rischia di compromettere anche la qualità del servizio.
  • Vengono introdotti meccanismi di flessibilità nell’impiego di personale e previsti progetti individuali aggiuntivi; meccanismi certamente utili ma a nostro avviso non sufficienti e da precisare meglio.
  • Inoltre non è ancora risolto in maniera soddisfacente il problema della pari ammissibilità dei titoli di studio

 Queste ed altre parimenti cruciali difficoltà di tipo tecnico e culturale (quale soprattutto l’assenza di ogni concreto riferimento al potenziamento dei servizi territoriali alternativi o successivi alla residenzialità, fatta eccezione per lo Iesa) richiedono ulteriori approfondimenti e costruttivi confronti, che vorremmo contribuire a rendere possibili, attraverso un dialogo diretto con le SSLL.

 

Ancora confidiamo che il licenziamento di un provvedimento così delicato e controverso, ma così atteso da tutte le parti in causa, possa infine avvenire attraverso un ascolto reale, e non solo formale, dei suoi principali destinatari e protagonisti: utenti, familiari e operatori  

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.