LETTERA ALLA GIUNTA REGIONALE SUL RIORDINO RESIDENZIALITA' PSICHIATRICA - RICHIESTA DI AUDIZIONE (Comitato per la Salute Mentale in Piemonte)

Al Sig. Presidente

e ai componenti della IV Commissione Permanente

Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale

del Piemonte

 

Al Sig. Presidente

Dr. Sergio Chiamparino

Al Sig. Assessore alla Sanità

Al Sig Assessore all’Assistenza

Ai Sig.i Assessori

Giunta Regionale del Piemonte

 

Oggetto: richiesta di audizione per osservazioni in merito alla bozza di deliberazione di integrazione della DGR 30-1517/2015

Lo scrivente Comitato per la Salute Mentale in Piemonte è un comitato spontaneo a cui aderiscono cittadini e organizzazioni diverse (associazioni di volontariato, utenti, familiari, operatori pubblici e privati, organizzazioni professionali, sindacati) che condividono alcune posizioni sulla salute mentale e intendono sostenerle presso l’opinione pubblica e le istituzioni.

Il 21 aprile 2016 una nostra delegazione è stata audita dalla IV Commissione permanente del Consiglio Regionale, cui ha sottoposto un documento di considerazioni critiche e proposte di miglioramento della DGR 30 sulla residenzialità psichiatrica.

A fronte della recente presentazione da parte della Giunta regionale di una bozza di integrazione alla DGR30, chiediamo alle SSLL di essere ricevuti per poter esporre in maggiore dettaglio le ragioni delle nostre perduranti perplessità e formulare ulteriori proposte di miglioramento.

Le modifiche proposte dalla Giunta contengono, a nostro avviso, alcuni importanti passi avanti ma anche svariate criticità residue. In particolare:

  • Viene ancora una volta riproposto l’infondato “dogma” per cui le cosiddette comunità protette avrebbero il monopolio della funzione terapeutica, mentre ai gruppi appartamento sarebbe riservata una pura funzione assistenziale
  • Su questa base si escludono impropriamente dai LEA una gran parte dei gruppi appartamento sulle 24 ore e tutti quelli sulle 12 ore e a fasce, in contrasto con la normativa sui LEA vigente  (Dpcm 2001) che considera extra lea solo le strutture “assistenziali a bassa intensità”, ovvero, al massimo, i gruppi appartamento coperti per fasce orarie
  • Tale scelta, verosimilmente dettata da ragioni economiche, tradisce anche un pregiudizio culturale avverso alle soluzioni riabilitative “leggere” di tipo territoriale, impedendo di fatto agli utenti di curarsi all’interno di civili abitazioni, le più prossime al mondo normale. Si tratta di un profondo travisamento dei principi della riforma psichiatrica, della vigente legge 180, dei successivi Progetti Obiettivi e del Piano d’Azioni Nazionale per la Salute mentale
  •  Affermando a priori l’inappropriatezza dell’inserimento di utenti con bisogni terapeutici in gruppi appartamento e di utenti con bisogni assistenziali in comunità, la Dgr ordina ai Dsm di attuare una sorta di “deportazione” incrociata (dagli appartamenti alle comunità e viceversa) che riguarderà centinaia di persone. E’ ovvio che tale operazione non solo è contraria ai principi della riforma psichiatrica sopra ricordati, ma viola i più elementari diritti degli utenti e dei loro familiari
  •  In particolare viene clamorosamente contraddetto nei fatti il principio della libera scelta dei luoghi di cura, che la nuova bozza della  Dgr si era appena premurata di riconoscere in teoria
  •  Viene al contempo negato il diritto-dovere dei servizi di utilizzare, in scienza e coscienza, comunità, gruppi appartamento o appartamenti supportati (che la Dgr nemmeno cita), con indicazioni differenziate e individualizzate, sulla base del principio dei percorsi di cura complessi, previsto dal Piano d’Azioni Nazionale per la Salute mentale del 2013 e da una vasta letteratura scientifica, prodotta anche in Piemonte.
  • Peraltro la metodologia proposta dall’Assessorato per distinguere gli utenti con prevalenti bisogni sanitari da quelli con prevalenti bisogni assistenziali, appare molto fragile in termini di validità scientifica: non è sostenuta da alcun riferimento bibliografico specifico e si limita ad utilizzare, in modo estemporaneo, due scale (Gaf e Honos) la cui attendibilità per questo genere di valutazione è esplicitamente messa in dubbio dalla letteratura stessa che le riguarda (in particolar modo la Honos)  
  • A una parte dei gruppi appartamento, coperti sulle 24 ore, (SRP2 di livello 2) viene riconosciuta una funzione terapeutica. Tale “apertura” lodevole nelle intenzioni è però contraddetta nei fatti poiché il monte ore previsto è completamente inadeguato a svolgere una reale funzione terapeutica. Con l’organizzazione proposta (per dieci utenti un operatore da solo in turno sulle 24 ore con la compresenza di un secondo operatore per circa 5 ore giornaliere) è possibile solo un superficiale lavoro di badanza che però, paradossalmente, viene posto a totale carico del servizio sanitario nazionale.
  • Le SRP2 di livello 2 diventano così solo un “contentino” simbolico, privo di reale utilità. Per funzionare come strutture terapeutiche dovrebbero avere gli stessi standard di personale pro-capite delle SRP2 di livello 1, ridotte in proporzione al minor numero di ospiti (dieci contro venti). Non si tratta infatti di strutture terapeutiche di serie B, per pazienti meno gravi, come pretenderebbe la Dgr, bensì di un modello specifico di struttura terapeutica: in contesto di civile abitazione, di dimensioni più ridotte, e con indicazioni distinte rispetto alle SRP2 di livello 1, ma con uguale dignità clinica e quindi, necessariamente, con costi pro capite analoghi. 
  • Anche il monte ore previsto per le SRP3 a 24 e 12 ore rimane profondamente inadeguato. Ma soprattutto nelle SRP3 con copertura sulle 24 la presenza notturna è assicurata tramite le cosiddette “notti passive”. Tale meccanismo è inaccettabile poiché la “reperibilità con obbligo di presenza” implica che l’operatore sia in sede ma non in servizio e non venga retribuito, se non in maniera irrisoria. Si tratta di una soluzione organizzativa non rispettosa del diritto al riposo de lavoratori e rischia di compromettere anche la qualità del servizio.
  • Vengono introdotti meccanismi di flessibilità nell’impiego di personale e previsti progetti individuali aggiuntivi; meccanismi certamente utili ma a nostro avviso non sufficienti e da precisare meglio.
  • Inoltre non è ancora risolto in maniera soddisfacente il problema della pari ammissibilità dei titoli di studio

 Queste ed altre parimenti cruciali difficoltà di tipo tecnico e culturale (quale soprattutto l’assenza di ogni concreto riferimento al potenziamento dei servizi territoriali alternativi o successivi alla residenzialità, fatta eccezione per lo Iesa) richiedono ulteriori approfondimenti e costruttivi confronti, che vorremmo contribuire a rendere possibili, attraverso un dialogo diretto con le SSLL.

 

Ancora confidiamo che il licenziamento di un provvedimento così delicato e controverso, ma così atteso da tutte le parti in causa, possa infine avvenire attraverso un ascolto reale, e non solo formale, dei suoi principali destinatari e protagonisti: utenti, familiari e operatori  

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:42498

 

TOTALE VISITE: 61937

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni35

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:50

 

Dati aggiornati

al 14-12-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie Francois Delatour

 

Alimentazione e salute mentale

 

Pendragon.Edizioni

 

dalla Newsletter n.623 di PSICORADIO

 

In questa puntata parliamo dei corpi delle persone con un disturbo psichico; quel corpo che è quasi un rimosso, quando si parla di salute mentale. Corpi che troppo spesso sono vittima degli effetti collaterali di psicofarmaci e di cattivi stili di vita di cui ci si occupa troppo poco, come fossero conseguenze inevitabili del disturbo psichico.

Un esempio: alcuni psicofarmaci provocano un forte acquisto di peso, anche 10 o 20 chili, che in breve tempo trasforma il corpo.

Marie Francois Delatour , presidente del CUFO (Comitato Utenti, Familiari e Operatori), che riunisce 34 associazione della salute mentale, insieme alla nutrizionista Anna di Muzio , ha scritto un libro dal titolo “ Alimentazione e salute mentale ”, edito da Pendragon.

“ Lo spunto principale del libro è stata proprio la preoccupazione dei familiari e dei pazienti rispetto agli effetti collaterali di molti psicofarmaci. - racconta Delatour - Da qui nel 2015 è partito un percorso con l’Azienda USL di Bologna, per migliorare il benessere fisico delle persone con disagio psichico, attraverso piani alimentari, diete personalizzate, attività fisica e un continuo monitoraggio degli obiettivi raggiunti dai singoli pazienti.

I risultati sono stati subito evidenti: riduzione del peso, migliore qualità del sonno, un’attività intestinale più regolare e in alcuni casi anche una riduzione delle quantità di farmaci assunti ”. Il programma ha coinvolto famiglie, utenti accolti in gruppi appartamento o in altre strutture residenziali; molti all’inizio del progetto non cucinavano mai in casa e spesso non sapevano realizzare neanche le ricette più semplici. Poi “ hanno scoperto il piacere di cucinare insieme e anche della convivialità della tavola. Il cibo è diventato lo strumento per stare con gli altri”.

“ Alimentazione e salute mentale” non insegna solo a mangiare meglio : una parte del libro è dedicata a teorie di cui oggi si sente parlare sempre più spesso, che collegano alcuni disturbi mentali con il sistema immunitario, lo stato di alcuni organi, primo tra tutti l’intestino, ed i livelli di infiammazione presenti nel corpo. Per esempio, viene ricordata la recente traduzione di un libro di Edward Bullmore - neuropsichiatra, neuroscienziato e dal 1999 professore di psichiatria all'università di Cambridge: La mente in fiamme – un nuovo approccio alla depressione , (Bollati-Boringhieri). Il testo inizia con spiegazioni sul funzionamento del sistema immunitario e con risultati di studi secondo i quali l’infiammazione del corpo puo’ rientrare tra le cause della depressione (per chi vuole approfondire ) .
Secondo questo approccio, curare un disturbo psichico non vuol dire solo attenuarne i sintomi, ma prendersi cura del paziente nel suo complesso, corpo e mente - che non sono ambiti così separati.

 

 

clicca sulla scheda del libro: 

http://www.pendragon.it/libro.do?id=2849

 

Turismo
in Langa

 

Regala un’emozione… nelle Langhe

In occasione del Natale 2019, l’Associazione Turismo in Langa vi propone alcune idee regalo nella meravigliosa cornice delle Langhe e del Roero.

clicca su http://www.turismoinlanga.it/it/regala-unemozione-nelle-langhe/

PANETTONE GELATO

 

Ogni anno a Natale il panettone non può mancare sulla tua tavola, ma quest’anno vorresti cambiare un po’? Eccovi accontentati! Questa è una soluzione velocissima per creare un dessert al cucchiaio goloso e gradito da tutti, a partire da un panettone classico. Ti mostro come preparare il panettone gelato, questa volta farcito con gelato alla stracciatella, ma puoi sbizzarrirti secondo i tuoi gusti, con gelato dai gusti cremosi o alla frutta, oppure utilizzare un panettone al cioccolato, o ancora, un panettone classico all’uvetta, senza canditi, e arricchito con gocce di cioccolato. 

 

Per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/panettone-gelato/