REVISIONE DEI SERVIZI TERRITORIALI IN PSICHIATRIA (Comunicato stampa della Giunta regionale del Piemonte)

Riceviamo da Sebastiano Piglia, DiAPsi Ceva-Mondovì

 

Revisione dei servizi residenziali per la psichiatria, delibera approvata dalla Giunta regionale

Saitta: "Un tavolo dei soggetti interessati per monitorarne l'attuazione,

3 anni di tempo per applicarla"

 

La Giunta regionale del Piemonte ha approvato questa mattina la delibera proposta dagli assessori alla sanità, Antonio Saitta, e alle Politiche sociali, Augusto Ferrari, per la revisione del sistema dei servizi residenziali per la psichiatria.

Riguarda 3mila pazienti collocati in varie strutture residenziali, su un totale di 50mila che in Piemonte sono in carico ai servizi di salute mentale.

"Abbiamo stabilito 3 anni di tempo per darvi attuazione, la nascita operativa di un tavolo di monitoraggio composto dai vari soggetti interessati che ne verificheranno le fase di entrata in vigore graduale e la stretta collaborazione degli Enti gestori nei percorsi di risocializzazione dei pazienti" spiega l'assessore Saitta che ha lavorato fino all'ultimo - ancora dopo la seduta della quarta Commissione consiliare della scorsa settimana - per accogliere le richieste di integrazione e le osservazioni.

"Dal 2009 la residenzialità psichiatrica non era più stata governata  e le inchieste della Corte dei Conti su questo settore imponevano alla Regione Piemonte di normare i soggetti non accreditati; inoltre sentivamo l'esigenza di verificare l'appropriatezza delle cure per tutti i 3mila pazienti, anche perchè il 39% di loro risulta essere accolto non sempre nel luogo più idoneo per le sue esigenze di cura" commenta Saitta che ricorda come la discussione sulla revisione della residenzialità psichiatrica in Piemonte sia partita nel maggio 2015 con numerosi incontri e confronti, sia tecnici che politici.

“Per le famiglie dei pazienti e per i Comuni del Piemonte non ci sarà alcun cambiamento e non dovranno pagare nulla, perchè la Regione ha già deliberato in assestamento il capitolo di 20 milioni di euro all'anno- fino al 2018- di risorse proprie per continuare a coprire il fabbisogno della residenzialità psichiatrica così come è avvenuto finora.”   

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI