HEALING VOICES. Un film documentario sulla malattia mentale e sulla guarigione (Parlaconlevoci.it)

HEALING VOICES

(Voci che guariscono)


Un film documentario sulla malattia mentale e sulla guarigione (“recovery”)

HEALING VOICES (www.healingvoicesmovie.com ) è un film-documentario che esplora le esperienze comunemente etichettate come "psicosi" o "malattia mentale" attraverso le storie di vita di tre persone che hanno trovato un modo per superare situazioni di grave disagio mentale ed integrare queste esperienze nella propria vita dando loro un significato. Il film racconta la storia di Oryx, Jen e Dan per un periodo di circa 5 anni e include anche interviste con Robert Whitaker (giornalista scientifico), Will Hall (esperto "per esperienza") e Marius Romme (psichiatra) sulla storia della psichiatria e sull'apparente successo del "modello medico" nella cura delle malattie mentali. Il film sfida lo spettatore a cambiare il modo in cui considera l'esperienza della malattia mentale e fa emergere un messaggio di guarigione e di speranza nella diffusione di modelli culturali e di cura che abilitino le persone ad avere la vita che desiderano vivere.

L’ Associazione “Rete Italiana Noi e le Voci”, che è uno dei partner del film, organizza le seguenti PROIEZIONI a cui farà seguito un dibattito con il pubblico:


Modena, lunedì 24 ottobre (dibattito con Will Hall e Oryx Cohen)


Trieste, martedì 25 ottobre (dibattito con Will Hall e Oryx Cohen)


Savona, giovedì 27 ottobre (dibattito con Will Hall e Oryx Cohen)


Sul sito www.parlaconlevoci.it  troverete a breve tutte le informazioni riguardanti le proiezioni.

Il film è in inglese e per renderlo fruibile dal pubblico italiano lo abbiamo tradotto e sottotitolato.


Per coprire i costi della traduzione e della sottotitolazione abbiamo lanciato una CAMPAGNA DI CROWDFUNDING, con l’obiettivo di raccogliere 1.500 euro, su:


https://www.retedeldono.it/it/progetti/associazione-di-promozione-sociale-rete-italiana-noi-e-le-voci/voci-che-guariscono-healing


Contribuite con una (piccola) donazione!!!

Per vedere un TRAILER DEL FILM cliccate qui:


https://youtu.be/QwPXXfML0hI



Fate girare l’informazione tra i vostri contatti!!

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28292

TOTALE VISITE

43180

Dati aggiornati

al 15-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).