SUBurbia riparte e guarda a Km0 (Casa del Quartiere Donatello)

Sabato 15 ottobre riparte SUBurbia, il Non locale Musicale della Casa del Quartiere Donatello con la nuova stagione autunno/inverno.

Per questa 3° stagione il gruppo dei giovani CQD ha pensato di orientare le scelte ai tanti gruppi che esistono sul territorio Piemontese, in un'ottica di Km0.

“ Riceviamo quotidianamente richieste di gruppi da tutta Italia, dice Niccolò, e siccome il nostro progetto prevede una serata al mese è impossibile accontentare tutti, per questo abbiamo deciso di valorizzare il nostro territorio, dando priorità alle band cuneesi e piemontesi”.

Quest'anno SUBurbia potrà godere di un piccolo contributo della Fondazione CRC, spiega l'Animatore Sociale della CQD, che ci aiuterà a poter proseguire l'esperienza”

Suburbia offre gratuitamente concerti dal vivo per tutti i giovani del territorio nel periodo in cui le proposte aggregative/culturali si riducono per l'inverno e sopravvive grazie alla partecipazione delle persone; per questo invitiamo tutti i giovani che amano la musica dal vivo e si sono affezionati a SUBurbia di contribuire alla sua sopravvivenza.

 

Per la prima serata saliranno sul palco a partire dalle ore 22.00

 

BLUESMOKE: questo giovane trio (composto da Bonardo Mariavittoria alla voce ; Sorba Tommaso: al pianoforte e Calvo Giorgio alla batteria) conosciutosi nella aule del Conservatorio Ghedini di Cuneo aprirà la danze della terza stagione del SUBurbia, spaziando tra il Blues e il Jazz, sulle note di artisti come Stevie Wonder, Ray Charles, Duke Ellington ed Herbie Hancock.

 

Med In Itali nascono nel 2007 dalle menti e le mani di Niccolò Maffei e Matteo Bessone e si possono definire un progetto che trova il proprio fulcro nella contaminazione di generi. Nati come buskers (artisti di strada) sulle strade di Dublino, di ritorno in Italia i Med In Itali trovano una prima formazione definitiva con chitarra acustica, sax, batteria e basso. Nel 2008 incidono il primo demo-tape, “Soluzione al Tempo”, che ottiene un ottimo riscontro da parte di numerose fanzine online e permette al gruppo di accedere ad importanti concorsi. Il brano “Soluzione al tempo” viene premiato come canzone della settimana su Kataweb e “Svanita Paura” inserito nella mixtape di Rockol. Nell’estate dello stesso anno vincono la settima edizione di Torino Sotterranea, acquisendo così la possibilità di aprire il Traffic Free Festival, e accedono alle fasi finali del 3dContest, che gli offre l’opportunità di condividere il palco con Niccolò Fabi (Mokadelic) e Morgan. Nell'Aprile del 2010 presentano il secondo lavoro e prima pubblicazione ufficiale per l’etichetta Hertz Brigade Records: "Bruco EP". Accolto ottimamente dalla critica, il sound del disco e il forte impatto live portano i Med In Itali nell’estate del 2010 sui palchi di Collisioni Festival, Indi(e)avolato Fest, Atellana, Upload e ad aprire i concerti di Moltheni, Marta sui Tubi, Roberto Angelini, LnRipley, 2Pigeons, Enrico Capuano e molti altri. Dopo una lunga serie di concerti (oltre 100 in due anni) alla fine del 2011, i Med In Itali entrano nuovamente in studio per dedicarsi alle registrazioni del primo LP dal titolo “Coltivare Piante Grasse”, uscito l’11 settembre 2012 per l’etichetta Libellula. Il disco, che vede la produzione artistica di Josh Sanfelici (Mau Mau, Roy Paci, etc.), per la critica è una conferma del potenziale e consente alla band di realizzare un tour di oltre 80 date in un anno in tutta Italia, in cui spiccano la partecipazione al festival di XL di Repubblica all’Auditorium Parco della Musica di Roma e quella al Premio Lunezia nell’estate del 2013. Con l’ingresso di Dario Scopesi al basso e contrabbasso e di Nicolò Bottasso a tromba, flicorno e violino la band raggiunge la formazione attuale con cui nel 2016 pubblicherà il suo secondo lavoro discografico dal titolo “Si scrive Med in Itali” (Libellula), che vede la co-produzione artistica di Andrea Bergesio (Marco Notari, Mambassa, etc.) e gli arrangiamenti di fiati di Carolina Bubbico e Nicolò Bottasso.

Dj Grissino, il non Rom più Rom del peggiore Rom dei bar d'Italia!
ha un'età compresa tra i 25 e i 30 anni ed origini veneto/napoletane. 
Appassionato sin da ragazzo di rap, old school,funk swing & jazz in vinile, approda un giorno al Balkan e ne resta fulminato.
a tale punto da diventarne uno dei massimi esponenti del genere in Italia. 
Data la sua cultura musicale,si ritrova comunque a selezionare un po di tutto, dal Trip Hop alla Jungle, dal FunkyBreaks all'Electroswing, il tutto mixato con gusto, con l'orecchio religioso alla qualità con quella punta di politica popolare fatta di scratch session live, che fa sempre bene!
È attivo da 8 anni e ha suonato un po' ovunque in Italia e in Europa.

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41551

TOTALE VISITE

60545

Dati aggiornati

al 16-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Stefano Vicari

Andrea Pamparana

 

IL FILO TESO

Edizioni Giunti EDU

 

“Il primo segreto è non aver paura. I ragazzi la sentono e non si fidano di chi ha paura di loro. E poi sono stato fortunato. Gilberto, non volendo, mi ha fatto capire in che guaio si è cacciato”. “Il male oscuro degli adolescenti di oggi non è quel ragazzo nudo sul tetto della scuola che si voleva suicidare. Quella, lo sappiamo – vero, Francesco? – è una malattia. Il male oscuro di questa generazione è l’ignoranza. La cultura è la medicina. La cultura come curiosità del sapere”.  Storie di giovani vite sul filo, che tentano equilibrismi incerti tra salute e disturbo mentale, con il rischio costante che quel filo teso si spezzi e si cada nel vuoto. Un filo che è anche un legame, un materiale fragile che ciò nonostante unisce, ricollega, mette insieme... È il filo rosso che lega i tre protagonisti del libro: Francesco Nitti, primario di neuropsichiatria infantile, appassionato e competente, e Antonio Martini, un giornalista curioso che vuole fare un documentario sull’autismo. E poi ci sono loro, i ragazzi e le ragazze che vivono il disagio psichico: Pamela, consumata dall’anoressia; Mario, così grande e grosso, pieno di angoscia che manifesta in esplosioni di aggressività incontrollabili; Valentina, che chiede disperatamente di essere ascoltata tentando il suicidio; Giulia, tossica, vittima di violenze e sfruttamento sessuale; Arianna, che scappa con il fidanzato senza comprenderne i rischi a causa della sua disabilità intellettiva; Marinella, persa nel suo mondo disegnato dall’autismo; Gilberto, fragile e manipolabile, che si lascia catturare dal blue whale. Infine Carmelo, nato Carmelina, che si batte per essere ciò che si sente di essere…  Un romanzo intenso che, attraverso il vissuto dei protagonisti, porta alla luce l’intreccio di storie dalle mille sfaccettature, ci offre uno spaccato inedito della realtà dei disturbi psichiatrici tra gli adolescenti – considerati ancora un tabù – e si prefigge di rimodulare la definizione di disagio mentale per dargli l’aspetto che ha per natura: un disturbo come altri, da riconoscere e curare.

 

visualizza la scheda del libro cliccando

https://www.giunti.it/catalogo/il-filo-teso-9788809881099

 

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/