SUBurbia riparte e guarda a Km0 (Casa del Quartiere Donatello)

Sabato 15 ottobre riparte SUBurbia, il Non locale Musicale della Casa del Quartiere Donatello con la nuova stagione autunno/inverno.

Per questa 3° stagione il gruppo dei giovani CQD ha pensato di orientare le scelte ai tanti gruppi che esistono sul territorio Piemontese, in un'ottica di Km0.

“ Riceviamo quotidianamente richieste di gruppi da tutta Italia, dice Niccolò, e siccome il nostro progetto prevede una serata al mese è impossibile accontentare tutti, per questo abbiamo deciso di valorizzare il nostro territorio, dando priorità alle band cuneesi e piemontesi”.

Quest'anno SUBurbia potrà godere di un piccolo contributo della Fondazione CRC, spiega l'Animatore Sociale della CQD, che ci aiuterà a poter proseguire l'esperienza”

Suburbia offre gratuitamente concerti dal vivo per tutti i giovani del territorio nel periodo in cui le proposte aggregative/culturali si riducono per l'inverno e sopravvive grazie alla partecipazione delle persone; per questo invitiamo tutti i giovani che amano la musica dal vivo e si sono affezionati a SUBurbia di contribuire alla sua sopravvivenza.

 

Per la prima serata saliranno sul palco a partire dalle ore 22.00

 

BLUESMOKE: questo giovane trio (composto da Bonardo Mariavittoria alla voce ; Sorba Tommaso: al pianoforte e Calvo Giorgio alla batteria) conosciutosi nella aule del Conservatorio Ghedini di Cuneo aprirà la danze della terza stagione del SUBurbia, spaziando tra il Blues e il Jazz, sulle note di artisti come Stevie Wonder, Ray Charles, Duke Ellington ed Herbie Hancock.

 

Med In Itali nascono nel 2007 dalle menti e le mani di Niccolò Maffei e Matteo Bessone e si possono definire un progetto che trova il proprio fulcro nella contaminazione di generi. Nati come buskers (artisti di strada) sulle strade di Dublino, di ritorno in Italia i Med In Itali trovano una prima formazione definitiva con chitarra acustica, sax, batteria e basso. Nel 2008 incidono il primo demo-tape, “Soluzione al Tempo”, che ottiene un ottimo riscontro da parte di numerose fanzine online e permette al gruppo di accedere ad importanti concorsi. Il brano “Soluzione al tempo” viene premiato come canzone della settimana su Kataweb e “Svanita Paura” inserito nella mixtape di Rockol. Nell’estate dello stesso anno vincono la settima edizione di Torino Sotterranea, acquisendo così la possibilità di aprire il Traffic Free Festival, e accedono alle fasi finali del 3dContest, che gli offre l’opportunità di condividere il palco con Niccolò Fabi (Mokadelic) e Morgan. Nell'Aprile del 2010 presentano il secondo lavoro e prima pubblicazione ufficiale per l’etichetta Hertz Brigade Records: "Bruco EP". Accolto ottimamente dalla critica, il sound del disco e il forte impatto live portano i Med In Itali nell’estate del 2010 sui palchi di Collisioni Festival, Indi(e)avolato Fest, Atellana, Upload e ad aprire i concerti di Moltheni, Marta sui Tubi, Roberto Angelini, LnRipley, 2Pigeons, Enrico Capuano e molti altri. Dopo una lunga serie di concerti (oltre 100 in due anni) alla fine del 2011, i Med In Itali entrano nuovamente in studio per dedicarsi alle registrazioni del primo LP dal titolo “Coltivare Piante Grasse”, uscito l’11 settembre 2012 per l’etichetta Libellula. Il disco, che vede la produzione artistica di Josh Sanfelici (Mau Mau, Roy Paci, etc.), per la critica è una conferma del potenziale e consente alla band di realizzare un tour di oltre 80 date in un anno in tutta Italia, in cui spiccano la partecipazione al festival di XL di Repubblica all’Auditorium Parco della Musica di Roma e quella al Premio Lunezia nell’estate del 2013. Con l’ingresso di Dario Scopesi al basso e contrabbasso e di Nicolò Bottasso a tromba, flicorno e violino la band raggiunge la formazione attuale con cui nel 2016 pubblicherà il suo secondo lavoro discografico dal titolo “Si scrive Med in Itali” (Libellula), che vede la co-produzione artistica di Andrea Bergesio (Marco Notari, Mambassa, etc.) e gli arrangiamenti di fiati di Carolina Bubbico e Nicolò Bottasso.

Dj Grissino, il non Rom più Rom del peggiore Rom dei bar d'Italia!
ha un'età compresa tra i 25 e i 30 anni ed origini veneto/napoletane. 
Appassionato sin da ragazzo di rap, old school,funk swing & jazz in vinile, approda un giorno al Balkan e ne resta fulminato.
a tale punto da diventarne uno dei massimi esponenti del genere in Italia. 
Data la sua cultura musicale,si ritrova comunque a selezionare un po di tutto, dal Trip Hop alla Jungle, dal FunkyBreaks all'Electroswing, il tutto mixato con gusto, con l'orecchio religioso alla qualità con quella punta di politica popolare fatta di scratch session live, che fa sempre bene!
È attivo da 8 anni e ha suonato un po' ovunque in Italia e in Europa.

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI