RIPENSARE L’USO DEGLI PSICOFARMACI (Convegno a Reggio Emilia)

RIPENSARE L’USO DEGLI PSICOFARMACI

alla luce delle evidenze scientifiche e delle richieste di utenti e famigliari

 

con ROBERT WHITAKER

 

MERCOLEDI’ 2 NOVEMBRE 2016

 

REGGIO EMILIA

 

Campus Universitario Sala Galloni - Via Amendola 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

9.00 PRESENTAZIONE DEL SEMINARIO

Luigi TAGLIABUE (Rivista Sperimentale di Freniatria)

Marcello MACARIO (Associazione Rete Italiana Noi e le Voci)

Gisella TRINCAS (UNASAM)

 

9.30 RIPENSARE L’USO DEGLI PSICOFARMACI

Robert WHITAKER

 

10.30 DIBATTITO

(sono previsti interventi di Gaddomaria GRASSI, Fabrizio STARACE, Giuseppe TIBALDI, Marco D’ALEMA,

Raffaella POCOBELLO, Barbara D’AVANZO, Catterina VERONA, Valerio CANZIAN…..)

 

11.00 COFFE BREAK

 

11.30 COMMENTI E REPLICA

Robert WHITAKER

 

12.00 DIBATTITO E PROPOSTE CONCRETE PER IL PROSSIMO FUTURO

 

13.00 CHIUSURA SEMINARIO

 

COME ARRIVARE

IN AUTO

Autostrada A1, uscita Reggio Emilia, seguire indicazione TANGENZIALE direz. Modena,

uscire uscita n. 1; alla 2^ rotonda (1^ uscita) si entra nel parcheggio della AUSL.

IN TRENO

Autobus n. 2 direzione Modena, fermata Campus S. Lazzaro

 

(di fronte all’ingresso pedonale dell’Azienda USL)

 

_________________________________________________________________________

 

Una voce indipendente per un uso saggio degli psicofarmaci Robert Whitaker è un giornalista scientifico americano che ha lavorato al Massachusets Institute of Technology ed alla Harvard Medical School; da tempo si occupa di ricerca indipendente in ambito psichiatrico, in particolare riguardo agli psicofarmaci.

La traduzione italiana di “Anatomy of an Epidemic” è stata pubblicata nel 2013 con il titolo di “Indagine su un’epidemia” (Giovanni Fioriti Editore).

 

 

La Rivista Sperimentale di Freniatria, il più antico periodico italiano di psichiatria, è nata nel 1875 e da allora è stata pubblicata ininterrottamente, diventando uno dei più importanti

laboratori culturali e scientifici per le discipline neuropsichiatriche, sia in Italia che in Europa. Nella Rivista si sono rispecchiati i movimenti culturali, gli orientamenti ideali, gli interrogativi, i problemi, le domande fondamentali, gli sviluppi e le svolte che hanno contrassegnato la storia della psichiatria, talvolta segnandola profondamente, tal altra riflettendone il movimento in nuove direzioni.

La Rivista, che si rivolge a chi opera nel campo della salute mentale, ha inteso privilegiare

nell’ultimo decennio un intenso confronto fra professionisti e utenti, familiari, associazioni,

riconoscendo pari dignità alla parola di tutti i soggetti coinvolti. In particolare la Rivista ha

recentemente pubblicato un fascicolo sull’uso critico degli psicofarmaci, con i contributi di B. D’Avanzo, A. Maone, G. Tibaldi, H. Glover, A. Clavenna, C. Chiamulera, R. De Giorgi.

 

L’Associazione “Rete Italiana Noi e le Voci” (www.parlaconlevoci.it) si è costituita nel 2012 per offrire opportunità di informazione e confronto a tutte le persone uditrici di voci e a

operatori, famigliari, amici e cittadini che desiderano accostarsi a questa esperienza

considerando le voci come portatrici del vissuto della persona, piuttosto che il sintomo

incomprensibile di una malattia mentale.

Vi sono attualmente in Italia oltre 30 gruppi di auto-aiuto di uditori di voci. L’Associazione si riconosce nei valori e nelle attività portate avanti da INTERVOICE, la rete internazionale per la formazione, lo studio e la ricerca sulle voci (www.intervoiceonline.org).

 

L’Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale è una rete nazionale di Associazioni per la Salute Mentale a cui aderiscono 70 Associazioni impegnate in tutte le regioni d’Italia. A livello Europeo aderisce ad EUFAMI (European Federation of Associations of Families of Mentally Ill People).

L’U.N.A.SA.M. si propone, tra l’altro:

• la lotta contro ogni forma di discriminazione e la difesa della dignità, della libertà e dei diritti

delle persone con sofferenza mentale,

• il superamento della pratica psichiatrica quale mero “trattamento della malattia” a favore

dello sviluppo di servizi di salute mentale comunitaria e di pratiche fondate sui bisogni e i

desideri espressi dalle persone che vivono la condizione di un disturbo mentale;

• il riconoscimento del diritto di ogni persona ad un progetto terapeutico riabilitativo

personalizzato, che garantisca a ciascuno di essere protagonista e responsabile del proprio

percorso di ripresa;

• Il riconoscimento della piena libertà di espressione da parte di ogni persona che si rivolge ai servizi di salute mentale, nell’esercizio del consenso informato per ogni procedura a cui

dovesse essere sottoposta.

 

 

LA PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO È GRATUITA 

Me è necessario iscriversi anticipatamente inviando una mail a: info@parlaconlevoci.it

indicando nome e cognome e specificando se: utente, famigliare, operatore, volontario, altro…

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

34817

TOTALE VISITE

51656

Dati aggiornati

al 25-06-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

Pronto intervento emozioni

Strategie di mindfulness per affrontare con serenità le difficoltà della vita

Il volume affronta le principali e più diffuse emozioni dolorose, descrivendone sintomi, rimedi e terapie.

La paura, l’abbandono, l’insuccesso o il dolore sono un’esperienza comune nella vita di chiunque. Eppure, spesso facciamo poco o niente per riparare i danni che queste emozioni procurano. Perché? Semplicemente, perché non abbiamo gli strumenti adatti per gestirle: ci sembra eccessivo ricorrere a uno psicanalista, e insufficiente parlarne a un amico.

Così accade che trascuriamo le nostre ferite psicologiche perché pensiamo che non esistano rimedi semplici, rapidi ed efficaci per guarirle.

Primo soccorso emotivo
Ognuno di noi può imparare facilmente tecniche e interventi di primo soccorso emotivo, accelerando la «guarigione» dalle proprie ferite e prevenendo l’arrivo di quelle future. Il volume propone tecniche ispirate alla mindfulness, l’approccio che consente di sviluppare la flessibilità mentale e aumentare l’autoconsapevolezza, per permettere a ognuno di noi di costruirsi il personale  kit essenziale di primo soccorso emotivo, da tenere sempre a portata di mano.