QUANDO LE PATATE DEI CONTADINI NON PIACCIONO (Mario Chirico)

Dal 1999 l'associazione Il Tiretto (di Novi Ligure - ndr) segue le persone inciampate nel disagio mentale sostenendole nel percorso di riabilitazione e di reinserimento nel tessuto sociale.
A causa dei pregiudizi, uno degli ostacoli maggiori all'effettiva emancipazione dalla malattia è la mancanza di opportunità lavorative e quindi di indipendenza economica.
Per superare queste difficoltà nel 2012 l'associazione, con il progetto Pazza Idea, inizia una attività agricola a Lerma (terreno dato in comodato d'uso dalla famiglia Storace) in cui sono impegnate undici persone e nel 2015, trasformando il progetto in Coop. Sociale Onlus "Pazza Idea", si realizza una vera e propria Azienda Agricola che attualmente lavora 1,5 ettari.
Per i piccoli produttori, la stagione è padrona, nell'orto sono state seminate le prossime produzioni primaverili e rimane da raccogliere poco delle coltivazioni invernali, insomma poche cose che probabilmente non permetterebbero di sostenere neppure il costo di un mercato.
Alla Coop. Pazza Idea, nell'ambito dei mercati di Campagna Amica, organizzati dalla Coldiretti, è chiesto di partecipare a quelli che si terranno presso il Serravalle Retail Park tutti i fine settimana sino al termine di Dicembre.
Per le persone che collaborano a questo progetto, è una opportunità di lavoro e quindi di reddito che non può essere negata e la cooperativa accetta.
Queste persone venerdì erano sul campo a raccogliere e ieri erano al Retail Park col grembiule giallo di campagna amica e i prodotti bene esposti sul banco.
Si inizia la vendita e passano pure le autorità del Comune di Serravalle e dell'Outlet.
Poi la notizia: il progetto degli Agrimercati di Campagna Amica presso il Retail Park è stato (come direbbe Crozza-Briatore) stoppato. Evidentemente non piace. Sa troppo di terra in luoghi, dove la plastica è regina.
C'è grande sconcerto nel costatare che il lavoro, l'impegno di queste persone, non vale la bellezza artificiale del mercato "cool" firmato. 
Troppo semplice, stonato, troppo vero, troppo antico per una visione di mercato immaginata moderna.
Ma la modernità dovrebbe essere ben altra cosa, ad esempio moderno dovrebbe essere valorizzare il lavoro di chi produce con le proprie mani il proprio futuro vendendo non sogni ma cose vere, moderno è contribuire a far diventare realtà il sogno di essere accettati, moderno saper valorizzare il proprio lavoro proprio valorizzando il lavoro degli altri.
Non conosco le motivazioni che hanno portato a questa scelta, le posso solo immaginare e spero di avere torto, ma qualunque esse siano, questa scelta sarebbe dovuto essere comunicata, in nome di locuzioni come rispetto e educazione, che nel tempo anche chi ne è organicamente sprovvisto le può imparare, almeno alla fine del primo appuntamento previsto e non dopo solo un'ora di presenza.
Oltre a tutto questo indica che chi ha dato l'autorizzazione affinché questi mercati fossero allestiti in quel luogo, lo ha fatto con leggerezza, senza la dovuta attenzione al lavoro e agli impegni degli altri e questo non gli fa onore.
Certo questo mi fa meglio capire quello che un amico, il giorno prima, mi aveva detto: "No! Io non vado, non posso collaborare con chi vuole creare un mondo falso all'interno di un mondo terribilmente vero”.

 

Mario Chirico

Associazione "Il Tiretto"

Novi Ligure

 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.