I PROSSIMI EVENTI AL QI (QI-Centro di Aggregazione Giovanile, Cuneo)

 Cari Soci

 nell'augurarvi Buon 2017 vi segnaliamo il primo evento dell'anno a cui siete tutti invitati:

 SABATO 15 GENNAIO 2017 dalle ore 19:00

  INAUGURAZIONE DI                                                

 

 QUOZIENTE ARTISTICO                  

 COLLETTIVA DEL LICEO ARTISTICO DI CUNEO 

 

inoltre vi ricordiamo che proseguono le attività del Qi:

ogni LUNEDI' alle ore 18:00

 VINIYOGA                

Insegnante Anna Conta

La tradizione del Viniyoga deriva dall’insegnamento di Tirumalai Krishnamacharya, in modo particolare dalla linea di trasmissione di suo figlio T. K. V. Desikachar,

Il termine viniyoga  fa riferimento a una «applicazione progressiva» delle tecniche dello yoga, e all’importanza e alla necessità di adattare e calibrare la pratica alla singola persona.

Il Viniyoga non va considerato una tradizione chiusa e immutabile, ma piuttosto un metodo di pratica i cui principi possono adattarsi a ogni genere di praticante: dal bambino all’adulto, dall’atleta alla persona sedentaria o ammalata.

Esso coinvolge ogni livello dell’individuo rispettandone l’unicità e le aspirazioni. Le tecniche di āsanaprāṇāyāma e mudrā proposte nel Viniyoga variano a seconda delle capacità e delle necessità del singolo praticante. La pratica può dunque prendere diverse direzioni: quella della cura (cikitsā), della protezione (rakṣaṇa), dell’apprendimento sistematico (śikṣaṇa), dello sviluppo delle potenzialità individuali (śakti) o dell’interiorizzazione (adhyātmika).

ogni MARTEDI' alle ore 18:00 e VENERDI' alle ore 17:00

 TONE-UP                    

Insegnante Rosella Caccio

ogni VENERDI' dalle ore 20:15 alle 22:00

 MEDITAZIONE BUDDISTA CHAN              

organizzato dall' ASSOCIAZIONE  UNIDHARMA 

www.unidharma.weebly.com 

La pratica è adatta a tutti, principianti o meno e di qualsiasi età. Si richiede un abbigliamento comodo e calzini antiscivolo .

Per informazioni  telefonare al 347 815 2565


Qi - Centro di Aggregazione Giovanile
Corso V. Emanuele II, 33
Cuneo
Tel. 0171/070422
sy.qi33@gmail.com <sy.qi@gmail.com>
www.qi33.it

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28292

TOTALE VISITE

43180

Dati aggiornati

al 15-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).