GIORNATA DELLA MEMORIA“Omaggio a Herbert Pagani”

Marco Ferradini

 

“Omaggio a Herbert Pagani”

 

nell’ambito delle celebrazioni per la

Giornata Nazionale della Memoria

 

CUNEO, Teatro Toselli,

Domenica 29 gennaio, ore 21

Ingresso libero

 

Dopo il concerto evento a Tel Aviv presso il “Centro Peres per la Pace”, Marco Ferradini porta in

teatro il suo tributo a Herbert Pagani.

Lo spettacolo è un itinerario che vede la lettura di scritti alternarsi a brani celebri di Herbert

Pagani e dello stesso Ferradini - cantautore DOC a partire dai successi “Teorema” e “Schiavo

senza catene” - il cui ultimo lavoro "La mia generazione" è dedicato a ricordare l'artista e amico

Herbert Pagani e vede tra gli ospiti Ron, Eugenio Finardi, Fabio Concato, Alberto Fortis, Andrea

Mirò, Syria, Fabio Treves, Shel Shapiro ed altri.

Herbert Pagani, di origine ebrea - animo pacifista ed artista poliedrico che ha trascorso parte

della sua gioventù, dopo l’espulsione dalla Libia in Italia, Germania e Francia - è stato voce di

Radio Monte Carlo ed autore per grandissimi artisti italiani ed internazionali. Indimenticabile la

sua “Les amants d'un jour” interpretata da Edith Piaf e portata in Italia al successo da Gino Paoli,

Ornella Vanoni e Milva.

Marco Ferradini sarà accompagnato sul palco da Anna Jencek (attrice e voce recitante), Josè

Orlando (pianoforte), “Charlotte” (voce e tastiere)

 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.