Servizi psichiatrici, riforma al palo: il Tar sospende per la seconda volta la delibera della Regione (Alessandro Mondo)

Nuova battuta d’arresto per la giunta-Chiamparino: l’udienza di merito è stata fissata ad ottobre.

 

TORINO

Nuova battuta di arresto per la Regione: il Tar Piemonte, per la seconda volta, ha sospeso la delibera regionale che riforma la rete dei servizi psichiatrici in Piemonte accogliendo le motivazioni dei ricorrenti (associazioni e famiglie dei malati), difesi dall’avvocato Vincenzo Palmieri. Un brutto colpo per la giunta-Chiamparino, che su questa materia continua a trovarsi in mezzo al guado. «Considerato che il ricorso e i motivi aggiunti pongono delicate questioni giuridiche la cui disamina non appare compatibile con la cognizione sommaria propria della presente fase cautelare, necessitando di adeguato approfondimento nella sede di merito e considerato che in relazione alla tempistica dei provvedimenti impugnati può ritenersi sussistente il danno grave e irreparabile dedotto dalla parte ricorrente nelle more della definizione del presente giudizio», i magistrati hanno accolto la domanda cautelare fissando l’udienza di merito per l’11 ottobre 2017. Fino ad allora, tutto resterà com’è.  

 

PRIME REAZIONI  

Esulta l’opposizione in Consiglio regionale, a fronte di un tema che ha suscitato più di un malumore nella stessa maggioranza. «Giustizia è fatta: il Tribunale amministrativo ha accolto la richiesta delle associazioni, degli enti gestori e delle amministrazioni di sospendere la delibera di revisione della rete ospedaliera - commenta Gian Luca Vignale, consigliere regionale di Forza Italia -. Ci auguriamo che questa sospensione convinca finalmente la giunta regionale a rivedere le proprie posizioni e a volere aprire un confronto serio e concreto con associazioni, famigliari, pazienti e con il Consiglio Regionale per la scrittura di un testo condiviso che possa finalmente dare la corretta impostazione alla rete dei servizi residenziali psichiatrici». E ancora: «E’ indubbio che se vi fosse stato da subito la volontà di confrontarsi con il mondo della psichiatria piemontese avremmo evitato frizioni e timori per centinaia di famiglie, lavoratori e imprese. La vittoria di oggi non ci deve distogliere dall’obiettivo finale: sostenere l’assistenza domiciliare, potenziare le borse lavoro, censire il consumo di farmaci – conclude Vignale. Oggi stesso porrò la questione nella competente Commissione, chiedendo di programmare un’audizione dell’assessore Saitta».  

 

Pubblicato il 26/01/2017

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.