STAR BENE CON POCO (Presentazione del libro di Mario Frusi)

'Star bene con poco'

 

 

 

 

Prima presentazione del nuovo innovativo progetto editoriale del Dr. Mario Frusi

Giovedì 9 febbraio alle ore 18 presso libreria L’Ippogrifo (corso Nizza 1, Cuneo) prima presentazione dell’innovativo progetto del Dr. Frusi.

La libreria L’Ippogrifo farà da cornice alla presentazione dell’ultima fatica letteraria di Mario Frusi: “Star bene con poco. Teoria e pratica per il benessere quotidiano” (Edizioni Tecniche e GraphEdit Edizioni).

Si parlerà dei contenuti e dei retroscena e dei protagonisti della sua realizzazione: con Mario Frusi (e con gli altri protagonisti) dialogherà Elisa Buccaresi, filosofa morale e responsabile della divisione hackability (nuove tecnologie e disabilità) del FabLabCuneo, di cui è Presidente.

Sulla scia del successo del suo primo “La malattia ha le sue buone ragioni” – Edizioni Tecniche, 2010, il Dr. Frusi arricchisce la sua indagine in un manualetto pratico atto a guidare il lettore a far fronte ai piccoli o medi malanni che possono affliggerlo nella quotidianità.

Ma con una grande novità: grazie all’ innovativa combinazione di formato cartaceo e ebook (supporto digitale acquistabile direttamente sul sito dell’autore www.noosoma.it a partire dal 9 febbraio, con uno sconto per chi già possieda la copia cartacea) sarà possibile per il lettore avere accesso a una serie di contenuti multimediali inediti (circa ottanta tra video, podcast audio e illustrazioni), di grande supporto per comprendere e approfondire al meglio le tecniche e manipolazioni illustrate nell’opera.

Riconfermandosi capace, con la sua scrittura fresca e culturalmente vivace, di trasmettere nozioni puntuali e precise con toni leggeri e talvolta scanzonati, Frusi ci offre un prezioso strumento di consapevolezza e attenzione verso una serie di piccole abitudini che gli individui mettono in atto in modo automatico, finendo col compromettere in modo importante il proprio stato di salute (fondatore con Eliana Brizio del movimento Noosoma, un sogno per la salute, il medico cuneese ha un approccio professionale di tipo sistemico: prende in considerazione non i sintomi in senso isolato, ma l’intero contesto nel quale la persona si muove, agendo direttamente e a 360° sui meccanismi che interferiscono con il suo naturale benessere).

Ma ci offre soprattutto, e questa è la vera innovazione, un prezioso veicolo per la risoluzione pratica di questi sintomi disturbanti, che grazie alla guida del materiale audiovisivo potranno essere gestiti, modificati, attenuati o addirittura eliminati autonomamente dal sofferente lettore.

L’ebook multimediale è stato realizzato dalla consulente di comunicazione Anna Dellaferrera, in collaborazione con l’associazione FabLab Cuneo, vero e proprio laboratorio di “artigiani digitali” diretto da Elisa Buccaresi ed Alessandro Marcon.

“Star bene con poco” è in formato cartaceo e digitale.

Per informazioni: info@noosoma.it o tel. 0171 693709

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.