SI APRE NUOVO SPORTELLO DI ASCOLTO (Comunicato stampa DiAPsi)

Presso l'Ospedale di Saluzzo verrà aperto uno sportello di ascolto per famigliari di persone con disagio psichico a cura di famigliari e volontari  della DIAPSI Fossano-Savigliano-Saluzzo. L'associazione, nata nel 2000 è composta da famigliari e persone sensibili al tema della salute mentale, è apartitica, senza fini di lucro ed ha come finalità il miglioramento della legge psichiatrica,delle cure, la prevenzione e la difesa dei diritti delle persone fragili. Per concessione del dr. Guerra, direttore sanitario dell'azienda ospedaliera Savigliano-Saluzzo, è stato messo a disposizione dei volontari dell'associazione un locale, in coabitazione con il Tribunale per i diritti del malato, presso l'Ospedale di Saluzzo, dove, chi è in difficoltà ed è solo di fronte al dramma della malattia, potrà avere ascolto e sostegno. Questo servizio vuole essere un supporto morale e di indirizzo verso le strutture territoriali preposte.

 

A partire dal Mese di Marzo ogni 1° e 3° mercoledì del mese dalle ore 14,30 alle 16,30 chi ne ha bisogno troverà persone disposte a dare una mano attraverso la condivisione del proprio “Sapere Esperienziale”

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.