"OPEN DIALOGUE" L'approccio finlandese alle situazioni di crisi (Cooperativa Sociale San Donato)

L'iniziativa "San Donato Incontra.." ritorna con il terzo appuntamento dal titolo:

"OPEN DIALOGUE"
L'approccio finlandese

alle situazioni di crisi psichiatrica

 

 

 

 

 

 

Avremo l'occasione di esplorare insieme le caratteristiche chiave di questo approccio, conoscere la realtà italiana del progetto di implementazione del dialogo aperto e il dettaglio delle attività sul territorio torinese. 

Come di consueto verrà dato ampio spazio al dialogo e al confronto tra tutti i presenti.

 

L'incontro si terrà il
22 febbraio 2017 - dalle ore 17:30 alle 19:30
presso le "Raffinerie Sociali" in via Fagnano n° 30 - 10144 Torino

 

Tra gli ospiti:

Dott. Giuseppe SALAMINA e Dott.ssa Chiara ROSSI - Medici, promotori e referenti del Progetto Nazionale Ccm: "Il dialogo aperto, definizione e valutazione per la trasferibilità dell'approccio nei Dipartimenti di Salute Mentale Italiani"

Dott.ssa Annapaola MARCHETTI - Psichiatra e Referente di Progetto Asl To1
Dott. Giuseppe TIBALDI - Psichiatra e Referente di Progetto Asl To2
Dott.ssa Chiara TARANTINO - Psicologa e curatrice del libro "Il dialogo aperto, l'approccio finlandese alle gravi crisi psichiatriche" di Jaakko Seikkula

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.