SENTIRSI A CASA...FUORI CASA. Tavola rotonda sulla residenzialità in Psichiatria (Associazione +Diritti, Settimo Tor.se)

 Con la presente Vi invitiamo a partecipare alla Tavola Rotonda organizzata dalla nostra Associazione sul tema della RESIDENZIALITA’ in ambito PSICHIATRICO

 

Sentirsi a Casa … Fuori Casa

Esperienze sul territorio di Settimo Torinese

 

Giovedì 15 marzo 2017 dalle 17 alle 20

presso la Biblioteca Archimede di Settimo Torinese.

 

 Riteniamo che in questa fase di revisione della legislazione sia importante sviluppare il massimo confronto tra enti pubblici, enti gestori, operatori, cittadinanza, utenti e famigliari.

 

 Nell’organizzare l’evento siamo partiti da alcune osservazioni :

 

üLa residenzialità, nelle sue varie declinazioni di alloggio supportato, gruppo appartamento, comunità, ha assunto un ruolo centrale nei percorsi di cura delle persone con disagio psichico.

 

üNegli ultimi 20 anni si è assistito, sul nostro territorio, alla creazione di una rete di appartamenti che costituiscono un importante supporto per gli utenti e i loro famigliari.

 

 

üNel corso degli ultimi due anni le delibere della Regione Piemonte in materia di riordino della residenzialità psichiatrica (DGR n° 30 del 3/06/2015 e DGR n°29 del 19/09/2016) sono state sospese dal TAR.  Entrambe le DGR sono state impugnate e il TAR ha valutato che:” può ritenersi sussistente il danno grave e irreparabile dedotto dalla parte ricorrente”.

 

 

 Sono stati invitati a partecipare alla tavola rotonda  gli Enti Pubblici (ASL e Comune), gli operatori degli enti gestori, gli operatori del Dipartimento di Salute Mentale, utenti e familiari.

                   

Si porgono Cordiali Saluti.

 

                                                                        

Settimo T.se, 22/2/2017                                               

 

Maura FORMICA

Presidente      Associazione +DIRITTI   

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.609

Dati aggiornati al 04-10-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Ivan Cavicchi

Oltre la 180
 
Castelvecchi editore

 

Sono passati più di quarant’anni da quando Franco Basaglia, coraggioso riformatore, ha realizzato il sogno di curare la malattia mentale senza i manicomi. La “sua” legge 180 doveva rivoluzionare l’intera cultura psichiatrica, ma la riforma del 1978 si è presto incagliata in ostacoli culturali, sociali, ideologici e organizzativi ed è ormai inadeguata nel fronteggiare i problemi della società contemporanea e dei nuovi malati. Ivan Cavicchi spiega perché il progetto di Basaglia è in realtà incompiuto e come la psichiatria sia ancora in larga parte da riformare, e propone di andare “oltre la 180”, rimuovendone le contraddizioni interne e sfondando il muro dell’apologia per evitare il rischio di regressività o di controriforma. Particolare attenzione va riservata ai professionisti sanitari che si occupano delle esistenze delle persone e dei loro “equilibri” nei contesti di vita e di lavoro, di ogni età e di ogni condizione sociale: un’adeguata riforma delle prassi degli operatori della salute mentale è infatti la più grande sfida del futuro della psichiatria e di tutta la medicina.

 

L’Autore

Ivan Cavicchi è filosofo della medicina, sociologo e antropologo; insegna all’Università Tor Vergata di Roma. 

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------