IL GENIO DI CARAVAGGIO (Conferenza a Fossano)

IL GENIO DI CARAVAGGIO

Una lettura delle sue opere

 

Alla vigilia dell’apertura al pubblico dell’esposizione “Caravaggio. La mostra impossibile” in programma a Fossano presso il Castello degli Acaja e nel Museo Diocesano dal 10 marzo al 2 luglio, è previsto un incontro con un ospite d’eccezione che metterà a disposizione dei partecipanti la propria competenza artistica.

È stato infatti invitato il prof. Timothy Verdon, statunitense di nascita (New Jersey, 1946), uno storico dell’arte formatosi alla Yale University (Ph.D. 1975), che vive in Italia da più di 50 anni, e che dal 1994 è sacerdote a Firenze, dove dirige sia l’Ufficio Diocesano dell’Arte Sacra e dei Beni Culturali Ecclesiastici, sia il Museo dell’Opera del Duomo. Tra le sue numerose pubblicazioni, va segnalatata “Caravaggio e l’avventura della fede” Edizioni Musei Vaticani, 2011.

Giovedì 9 marzo dalle ore 20.45 presso il cinema teatro “I Portici”, introdurrà l’opera e lo stile del Caravaggio, così da permettere a tutti coloro che vorranno intervenire di ricevere le coordinate storiche e artistiche entro le quali si muove la genialità del Merisi con le sue opere (oltre 40), che si potranno ammirare in questi mesi a Fossano.

Oltre ad una preparazione culturale di indiscusso valore, Verdon riesce ad analizzare la simbologia che un artista adopera quando realizza un’opera, unitamente alla sua intenzione, con chiarezza e passione, e nel caso del Caravaggio farà emergere la sua singolare spiritualità, capace di accostare nel dipinto posto in una Chiesa, ambienti profani come un’osteria, ad una pagina evangelica.

Verdon proporrà non soltanto una lezione teorica ma un percorso spirituale all’interno delle opere del Caravaggio, coniugando la genialità dell’artista e le sue intuizioni: una pittura impastata di colore e di sangue, ma anche di lacrime e di risate, di cielo e di terra, per dire disagio esistenziale insieme alla gioia di vivere. Ne coglierà infine la disperazione alternata alla speranza, e l’esuberante carnalità accanto alla spiritualità più elevata; in termini cristiani, l’abisso del peccato sovrastato dal vertice della redenzione.

La serata, il cui ingresso è libero, è promossa in collaborazione tra il Comune di Fossano, la Diocesi di Fossano e ProgettoMondo Mlal.

 

COMUNICAZIONE BREVE

 

Con la presente vorrei invitarti giovedì 9 marzo alle ore 20.45 presso il cinema teatro “I Portici” a Fossano per la conferenza dal titolo “Il genio di Caravaggio. Una lettura delle sue opere”, a cura del prof. Timothy Verdon, direttore del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze. Un ospite d’eccezione alla vigilia dell’apertura dell’esposizione “Caravaggio. La mostra impossibile”.

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.