L'ULTIMA FOLLIA DI PLAY (QI Centro di Aggregazione Giovanile Cuneo)

A tutte le persone che amano " recitare " ( o meglio )  " giocare " a fare Teatro 

e sono disposte a rinunciare, questa estate, ai 2/3 delle domeniche al mare o in montagna.

 

Domenica 21 maggio 2017, alle ore 17,30 presso il QI di Cuneo  ( corso Vittorio Emanuele II n° 33 ) 

presentazione de

" L'Ultima follia di Play "

 

In che cosa consiste:

 Proposta per 17 domeniche " full immersion " di Teatro di 10 ore cad. 

( orario indicativo: 11,00 - 21,00, comprensive di break pasto e pause ) a partire da domenica 2 luglio per concludersi a fine ottobre 2017  ( escluso il periodo dal 7 al 19 agosto + 2 domeniche a scelta dei partecipanti ) con la realizzazione di uno spettacolo finale, basato su di un testo teatrale, che individuerò in riferimento alla conformazione del gruppo che andrà a costituirsi  ( numero, età e caratteristiche delle attrici e degli attori partecipanti ).

 

Perché questo tipo " folle " di proposta?

 Perché concentrato in soli 4 mesi di tempo a differenza degli 8 canonici  ( da fine ottobre a fine giugno ) dei vari corsi sparsi in giro, con conseguente impegno " massiccio " ma limitato ad 1/3 dell'anno in bella stagione  ( no nebbia, no neve, no ghiaccio, no buio ).

Perché sull'impegno concentrato si ottengono migliori risultati, miglior grado di approfondimento, migliore energia.

Perché con questo tipo d'impostazione ho già realizzato 3 spettacoli: 

" L'Assedio " - 2009, " Massa Zero " - 2010 - " Jokerman " - 2012, gli ultimi 2 visibili come trailer su you tube 

e con risultati di livello e qualità migliori rispetto a qualsivoglia mio saggio  ( da me tenuti in discreta quantità, più di 60, in 35 anni di attività )  in provenienza da corsi di 2 - 2,5 o 3 ore settimanali.

Perché il costo gravato su ogni singolo partecipante è decisamente inferiore a quello di un corso normale

( tenendo conto che quest'ultimo consta all'incirca di 90 ore complessive, rispetto alle 170 da me proposte .... quasi il doppio!!! )

Perché su ogni replica garantita di almeno 3 piazze ( il saggio si effettua una sola volta, gratuitamente! ) 

viene assicurato agli attori ed alle attrici un rimborso, sia pur minimo, di spese.

 

Perché la domenica?

 Perché la domenica, la maggior parte delle persone non lavora o non va a scuola.

Perché dal lunedì al sabato, la maggior parte delle persone lavora o va a scuola e non riuscirebbe quindi a sostenere l'orario su indicato. 

Perché la domenica, conseguentemente, ci si sposta con più tranquillità, senza stress lavorativi o di studio, complice anche il bel tempo e l'ora legale.

Perché la domenica si hanno meno difficoltà rispetto ad un giorno feriale per affrontare tragitti più lunghi di andata e ritorno.

Perché la domenica si può iniziare a fare Teatro anche al mattino ( che ha l'oro in bocca! ) 

con conseguente lucidità e prestazioni migliori che non in orario serale, dopo una giornata di lavoro.

Perché la domenica, iniziando nell'orario su esposto, anche chi dovesse abitare lontano dalla sede delle prove,

può contare su una partenza ed un rientro accettabili.

Perché la domenica, a volte, si perde tempo a far cose che alla fine non danno soddisfazione.....

 

..... 170 ore belle toste per imparare, per giocare a realizzare uno spettacolo 

e soprattutto per divertirsi a costruire qualcosa in cui si crede.

Se sei disposto/a ad infilarti in questa follia vieni alla presentazione di domenica 21 maggio 2017 

( senza impegno e ci sarà pure un piccolo rinfresco! )

chiamami per prenotarti alla presentazione ( è obbligatorio! ) ma per saperne di più ti  invito a venire domenica 21 maggio al QI,

in quella occasione parleremo diffusamente di programma artistico e degli aspetti tecnico / economici.

Prenota e fai prenotare alle persone che conosci e che vogliono cimentarsi in questa impresa, 

    ( anche principianti che non sono mai saliti su di un palcoscenico )

 

MA SOLO se hai compreso e fatto comprendere l'impegno richiesto ( no perditempo! )

 

Prenotare la presentazione solo ed esclusivamente per telefono 

 al 339 3655511 ( NO SMS, NO E.MAIL! ) entro e non oltre giovedì 18 maggio 2017

 

 

   *** Sarebbe auspicabile avere un cenno di risposta

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30034

TOTALE VISITE

45518

Dati aggiornati

al 18-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?