LE VOCI DI PROMETEO (Associazione Arcobaleno onlus, Torino)

MERCOLEDI' 17 MAGGIO 2017 

presso il Circolo Bloom,

Via Challant 13, Torino

ORE 18.00
PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE
"E TU SLEGALO SUBITO"
PROMOSSA DAL FORUM DELLA SALUTE MENTALE



ORE 19.30
Spettacolo Teatrale - Le Voci di Prometeo
L'associazione Arcobaleno onlus mette in scena uno spettacolo teatrale che è una denuncia della pratica inumana e degradante della contenzione meccanica. 
Un testo che è stato scritto partendo dalle testimonianze delle persone che hanno subito questo trattamento durante i ricoveri in reparto psichiatrico.
Abbiamo messo in scena Il fantasma di Basaglia, la signora follia e Prometeo per raccontare fatti veri che sembrano non appartenere a questo tempo, ma forse appartengono a tutti i tempi poichè il rischio di costruire muri, lacci e prigioni per allontanare da noi ciò che ci fa paura come il diverso e la follia, è un pericolo sempre presente.
TESTO : Raffaella Dal Toso , Alberto Righetti, Enea Solinas, Samael Coral 
REGIA: Raffaella Dal Toso
LUCI: Franco Lupi
MUSICHE : Lab. Polifonia
PROTAGONISTI : GianLuca Fruscio, Giovanna Lazzara, Valter Ripoli, Silvia Pavia, Serena Cambareri, Alberto Righetti, Silvia Del Sarto, Samael Coral, Chiara Frulla, Patrizia Casagrande, Massimo De Marie, Francesca Gabanino

Iniziativa sostenuta dalle ACLI Provinciali di Torino
Progetto "Un passo in più", finanziato dalla Città di Torino

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

Danilo Di Gangi

NEPAL fra terra e cielo

Edizioni Il Ciliegio

2015, pag.326

 

Mustang-Everest-Annapurna. Storia-Natura-Spirito. Tre nomi, tre temi, tre racconti, tre parti di un’unica composizione. A legarli, un filo teso tra le valli delle montagne himalayane, simbolo di un pellegrinaggio letterario che parte dallo stupore del cammino terreno per elevarsi alla riconquista del sé più profondo.

 

Un filo che conduce il lettore all’incontro con una natura smisurata che amplia i confini della coscienza e mette in contatto con potentissime energie. Un filo che tesse un ritratto accurato degli usi e delle tradizioni di genti lontane, delle loro religioni e dei loro miti, delle loro montagne e dei loro dèi. Un filo che collega e ripercorre tragici avvenimenti – come la disperata guerriglia tibetana–scopre meravigliose gioie e narra di incontri straordinari.