LE VOCI DI PROMETEO (Associazione Arcobaleno onlus, Torino)

MERCOLEDI' 17 MAGGIO 2017 

presso il Circolo Bloom,

Via Challant 13, Torino

ORE 18.00
PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE
"E TU SLEGALO SUBITO"
PROMOSSA DAL FORUM DELLA SALUTE MENTALE



ORE 19.30
Spettacolo Teatrale - Le Voci di Prometeo
L'associazione Arcobaleno onlus mette in scena uno spettacolo teatrale che è una denuncia della pratica inumana e degradante della contenzione meccanica. 
Un testo che è stato scritto partendo dalle testimonianze delle persone che hanno subito questo trattamento durante i ricoveri in reparto psichiatrico.
Abbiamo messo in scena Il fantasma di Basaglia, la signora follia e Prometeo per raccontare fatti veri che sembrano non appartenere a questo tempo, ma forse appartengono a tutti i tempi poichè il rischio di costruire muri, lacci e prigioni per allontanare da noi ciò che ci fa paura come il diverso e la follia, è un pericolo sempre presente.
TESTO : Raffaella Dal Toso , Alberto Righetti, Enea Solinas, Samael Coral 
REGIA: Raffaella Dal Toso
LUCI: Franco Lupi
MUSICHE : Lab. Polifonia
PROTAGONISTI : GianLuca Fruscio, Giovanna Lazzara, Valter Ripoli, Silvia Pavia, Serena Cambareri, Alberto Righetti, Silvia Del Sarto, Samael Coral, Chiara Frulla, Patrizia Casagrande, Massimo De Marie, Francesca Gabanino

Iniziativa sostenuta dalle ACLI Provinciali di Torino
Progetto "Un passo in più", finanziato dalla Città di Torino

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.