IL TRENO E' SVILUPPO ECONOMICO DEL TERRITORIO (Associazione ALTRITASTI)

 

 

 

da Associazione ALTRITASTI
informazione & formazione
della provincia di Asti e Cuneo 
per un altro mondo possibile

 

Mercoledì 21 Giugno 2017

 

di Gianni Rinaudo.

Il convegno del 30 giugno a Narzole "Il treno è sviluppo economico del territorio" non è un titolo scelto a caso, bensì il motivo che spinge numerosi cittadini della zona ad occuparsi ormai da più di dieci anni di rilancio economico sostenibile della bassa Val Tanaro. Questi cittadini e cittadine per passione civica, esclusivamente, non vogliono assistere inermi all’opera amministrativa di rendere marginali questi luoghi rivolti sulla valle del Tanaro. Da Cherasco fino a Bastia ed anche oltre ...

Si tratta di una bestemmia contro le generazioni passate e future agire per non voler il ritorno del treno sulla vecchia Bra-Ceva. Treno e bici non sono antitetici, anzi. Inoltre pensare anche solo di spendere 35 milioni per costruire la ciclabile sulla vecchia ferrovia è come darsi la zappa sui piedi. Perché usare tanto denaro per un’opera che non servirà al territorio? La ciclabile si può realizzare esattamente come si è fatta tra Ceva ed Ormea spendendo assai meno ed usando un mix di strade tra cui le interpoderali. Poche storie.

Non volere il treno, non collegare facilmente i nostri paesi con il resto della provincia tramite il progetto MetroGranda o simili, è decretare di far diventare questo territorio, nei prossimi decenni, una riserva per cinghiali e caprioli. Renderlo totalmente marginale, ai margini … Quante case di nuova costruzione di Cherasco, Narzole, Dogliani, Farigliano, Bastia, Monchiero sono sfitte o/e invendute?

I cittadini sanno che il treno renderebbe molto più appetibile questo territorio. Ed ha fatto bene la nuova Amministrazione di Narzole a volere questo convegno perché denota lungimiranza e progettazione.

Certo i paesi, eccetto Monchiero, Dogliani, Farigliano e Bastia, non sono ubicati in fondo valle e quindi ai più non paiono comodi per usufruire della ferrovia. Al presente, basta andare a Bergamo, Potenza, Cuneo o in qualche grande supermercato o metropolitana per vedere che grazie alla tecnologia si superano tutti i dislivelli ed in pochi minuti si superano distanze prima incolmabili.

I gruppi che collaborano a questo convegno ritengono che è ora di dire stop a chi pensa che treno, auto, aereo, nave, bici debbano viaggiare ognuno per conto proprio. Treno contro auto, auto contro treno, nave contro aereo… basta! Un territorio vive e progredisce solo in quanto è anche ben collegato con il resto del mondo attraverso tutti i mezzi della mobilità, nessuno escluso. C’è finalmente la necessità di coniugare sviluppo economico sostenibile con una buona mobilità integrata.

Un treno in val Tanaro significherebbe immediatamente rivalutazione dei terreni e delle case dei paesi che si affacciano sul tracciato della vecchia ferrovia che per prima collegò Torino al mare, ai suoi porti.

In certi paesi della valle se non ci fossero i romantici tedeschi o i cittadini del centro/nord Europa pochissime vecchie case verrebbero ristrutturate. Oggi senza la ferrovia nel fondovalle alcuni paesi, soprattutto dell’Alta Langa, appaiono ancor più isolati e non si sa quanto possano far gola a giovani coppie magari intenzionate (se i servizi ci fossero) a vivere in quei luoghi. La marginalizzazione si combatte anche col treno e i bus integrati.

Non è che eravamo più sviluppati un tempo quando le donne, decenni fa, partivano dalla Langa cariche di uova e tome e andavano a venderle Torino e ritornavano in giornata?

Durante la raccolta firme (oltre tremila cittadini hanno firmato) per il ritorno del treno sulla Bra Ceva diversi tedeschi e non solo ci dicevano che da loro, in Germania, in Svizzera… una linea ferroviaria del genere sarebbe funzionante, almeno per il turismo.

Vogliamo il rilancio economico di questo bel territorio. Con oltre 30 convegni sulla mobilità integrata, organizzati direttamente o con altre realtà associative e istituzionali in Piemonte e in Liguria, senza mai chiedere un soldo di finanziamento pubblico, portiamo avanti la battaglia contro la marginalità dei territori periferici. Il treno è anche un antidoto contro la marginalità.

 

Che il treno fosse, da noi in Piemonte, una buona medicina per lo sviluppo economico di tutte le terre lo sapevano bene grandi statisti dal calibro di Cavour, del presidente Einaudi e tutti coloro che hanno contribuito a mettere in rete i territori grazie a centinaia di km di binari ferroviari. Oggi, impariamo almeno una cosa dai cinesi, dalla nuova via della seta, e investiamo sul trasporto su ferro in sinergia e non in contrapposizione con tutte le altre modalità.

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    NiHAD (lunedì, 26 marzo 2018 20:56)

    E GIUSTO QUELLO CHE SI DICE IL TRENO E UNO SVILUPPO ECONOMICO COME USARE I PIEDI LA BICI E NON LA MACCHINA CHE INQUINA IL TERRITORIO CIRCOSTANTE

ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.