IL TRENO E' SVILUPPO ECONOMICO DEL TERRITORIO (Associazione ALTRITASTI)

 

 

 

da Associazione ALTRITASTI
informazione & formazione
della provincia di Asti e Cuneo 
per un altro mondo possibile

 

Mercoledì 21 Giugno 2017

 

di Gianni Rinaudo.

Il convegno del 30 giugno a Narzole "Il treno è sviluppo economico del territorio" non è un titolo scelto a caso, bensì il motivo che spinge numerosi cittadini della zona ad occuparsi ormai da più di dieci anni di rilancio economico sostenibile della bassa Val Tanaro. Questi cittadini e cittadine per passione civica, esclusivamente, non vogliono assistere inermi all’opera amministrativa di rendere marginali questi luoghi rivolti sulla valle del Tanaro. Da Cherasco fino a Bastia ed anche oltre ...

Si tratta di una bestemmia contro le generazioni passate e future agire per non voler il ritorno del treno sulla vecchia Bra-Ceva. Treno e bici non sono antitetici, anzi. Inoltre pensare anche solo di spendere 35 milioni per costruire la ciclabile sulla vecchia ferrovia è come darsi la zappa sui piedi. Perché usare tanto denaro per un’opera che non servirà al territorio? La ciclabile si può realizzare esattamente come si è fatta tra Ceva ed Ormea spendendo assai meno ed usando un mix di strade tra cui le interpoderali. Poche storie.

Non volere il treno, non collegare facilmente i nostri paesi con il resto della provincia tramite il progetto MetroGranda o simili, è decretare di far diventare questo territorio, nei prossimi decenni, una riserva per cinghiali e caprioli. Renderlo totalmente marginale, ai margini … Quante case di nuova costruzione di Cherasco, Narzole, Dogliani, Farigliano, Bastia, Monchiero sono sfitte o/e invendute?

I cittadini sanno che il treno renderebbe molto più appetibile questo territorio. Ed ha fatto bene la nuova Amministrazione di Narzole a volere questo convegno perché denota lungimiranza e progettazione.

Certo i paesi, eccetto Monchiero, Dogliani, Farigliano e Bastia, non sono ubicati in fondo valle e quindi ai più non paiono comodi per usufruire della ferrovia. Al presente, basta andare a Bergamo, Potenza, Cuneo o in qualche grande supermercato o metropolitana per vedere che grazie alla tecnologia si superano tutti i dislivelli ed in pochi minuti si superano distanze prima incolmabili.

I gruppi che collaborano a questo convegno ritengono che è ora di dire stop a chi pensa che treno, auto, aereo, nave, bici debbano viaggiare ognuno per conto proprio. Treno contro auto, auto contro treno, nave contro aereo… basta! Un territorio vive e progredisce solo in quanto è anche ben collegato con il resto del mondo attraverso tutti i mezzi della mobilità, nessuno escluso. C’è finalmente la necessità di coniugare sviluppo economico sostenibile con una buona mobilità integrata.

Un treno in val Tanaro significherebbe immediatamente rivalutazione dei terreni e delle case dei paesi che si affacciano sul tracciato della vecchia ferrovia che per prima collegò Torino al mare, ai suoi porti.

In certi paesi della valle se non ci fossero i romantici tedeschi o i cittadini del centro/nord Europa pochissime vecchie case verrebbero ristrutturate. Oggi senza la ferrovia nel fondovalle alcuni paesi, soprattutto dell’Alta Langa, appaiono ancor più isolati e non si sa quanto possano far gola a giovani coppie magari intenzionate (se i servizi ci fossero) a vivere in quei luoghi. La marginalizzazione si combatte anche col treno e i bus integrati.

Non è che eravamo più sviluppati un tempo quando le donne, decenni fa, partivano dalla Langa cariche di uova e tome e andavano a venderle Torino e ritornavano in giornata?

Durante la raccolta firme (oltre tremila cittadini hanno firmato) per il ritorno del treno sulla Bra Ceva diversi tedeschi e non solo ci dicevano che da loro, in Germania, in Svizzera… una linea ferroviaria del genere sarebbe funzionante, almeno per il turismo.

Vogliamo il rilancio economico di questo bel territorio. Con oltre 30 convegni sulla mobilità integrata, organizzati direttamente o con altre realtà associative e istituzionali in Piemonte e in Liguria, senza mai chiedere un soldo di finanziamento pubblico, portiamo avanti la battaglia contro la marginalità dei territori periferici. Il treno è anche un antidoto contro la marginalità.

 

Che il treno fosse, da noi in Piemonte, una buona medicina per lo sviluppo economico di tutte le terre lo sapevano bene grandi statisti dal calibro di Cavour, del presidente Einaudi e tutti coloro che hanno contribuito a mettere in rete i territori grazie a centinaia di km di binari ferroviari. Oggi, impariamo almeno una cosa dai cinesi, dalla nuova via della seta, e investiamo sul trasporto su ferro in sinergia e non in contrapposizione con tutte le altre modalità.

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    NiHAD (lunedì, 26 marzo 2018 20:56)

    E GIUSTO QUELLO CHE SI DICE IL TRENO E UNO SVILUPPO ECONOMICO COME USARE I PIEDI LA BICI E NON LA MACCHINA CHE INQUINA IL TERRITORIO CIRCOSTANTE

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

31658

TOTALE VISITE

47657

Dati aggiornati

al 21-04-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 LA SCIENZA DELLE ORGANIZZAZIONI POSITIVE

Far fiorire le persone

e ottenere risultati

che superano le aspettative

 

Veruscka Gennari 

Daniela Di Ciaccio

 

FRANCO ANGELI editore

 

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Il testo integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese.

 

Siamo sicuri che i modelli organizzativi sui quali abbiamo costruito il mondo del lavoro siano gli unici possibili, i più adeguati a gestire la complessità e a garantirci l'evoluzione?

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Le scienze - dalla chimica all'epigenetica, dalla fisica alla biologia alle neuroscienze - ci offrono informazioni, dati ed esperienze solide e preziose per costruire un nuovo paradigma: la positività e il benessere "pagano" perché attivano i centri dell'apprendimento, della creatività e della concentrazione, innescando un circolo virtuoso che si traduce in maggiore produttività e innovazione. 
Condividere uno scopo forte e collettivo, affiancare il paradigma emozionale a quello razionale, sperimentare la coerenza tra cultura e processi: così si creano organizzazioni in cui le persone fioriscono e ottengono risultati che superano le aspettative. 
Il libro integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo anche un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese. 
Un percorso per quanti vogliano motivare e costruire organizzazioni positive e contribuire a ridisegnare la nostra società intorno ai principi della positività e del benessere.

Il libro è anche un portale digitale a cui potrai accedere liberamente utilizzando i QR Code che si trovano all'interno: risorse e approfondimenti, le case histories complete e mappe multimediali per entrare in relazione con il network. www.2bhappy.it

Veruscka Gennari, filosofa, divulgatrice, trainer e studiosa, è stata co-fondatrice e ha guidato la sede italiana di Six Seconds, network mondiale di Intelligenza emotiva applicata, lavorando per 12 anni come consulente al fianco di aziende, manager e team. Nel 2013 inaugura la fase 3.0 della sua vita: diventa mamma, si specializza in neuroscienze e scienza della Felicità. Nel 2014 fonda con Daniela 2BHappyAgency ed insieme nel 2016 sono invitate all'ONU per presentare il lavoro che svolgono in Italia. www.2bhappy.it


Daniela Di Ciaccio, sociologa, imprenditrice, insegnante yoga e ricercatrice, è stata HR manager, consulente e formatrice, progettando strumenti e metodologie per lo sviluppo di persone e organizzazioni. Dal 2012 si dedica alla ricerca e alla sperimentazione di pratiche spirituali e modelli integrati per il cambiamento positivo di persone e sistemi. Nel 2014 fonda insieme a Veruscka 2BHappyAgency.www.2bhappy.it