Campeggio Resistente - Cena di autofinanziamento

L'organizzazione di Campeggio Resistente 2017 è entrata nel momento più caldo. Siamo pronti a celebrare i dieci anni del festival insieme a voi.

Ma si sa, a pancia piena si lavora meglio.
Siamo quindi a invitarvi a prendere posto alla nostra tavola per una cena che sazierà le vostre pance e aiuterà noi a mantenere il festival gratuito e aperto a tutti.

Giovedì 6 luglio

ore 20 presso il centro Don Marro di S. Rocco Castagnaretta (CN)


In collaborazione con Locanda Fungo Reale proponiamo questo menu.
INSALATA NIZZARDA CON BRUSCHETTA
SFORMATO DI ZUCCHINE SU CREMA DI ROBIOLA

STROZZAPRETI ALLA NORMA
 
POLLO AL CURRY CON PATATE AL FORNO

DOLCE
 
La cena sarà accompagnata dalla degustazione di birre del mastro birraio Andrea Bertola.
Il prezzo della cena è di 20 euro a persona.
Il ricavato servirà a finanziare l'edizione 2015 di Campeggio Resistente.
La prenotazione è obbligatoria

Per info e prenotazioni 
info@campeggioresistente.com 
Simone 334 5003892

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.