MESCOLATI fest - La scuola popolare di quartiere (Casa del Quartiere Donatello)

La “Scuola popolare di quartiere” è nata nell'ottobre 2016 dall'esigenza di fornire ore di italiano a persone richiedenti asilo politico nell'ambito del progetto CAS.

A fronte dell'impossibilità dei richiedenti asilo di frequentare il Centro Migranti, come l'anno precedente ed il CPIA in quanto i numeri e disponibilità della suddetta scuola non lo permettevano, la Cooperativa Sociale Momo e la Cooperativa Sociale Fiordaliso si sono unite per far fronte a questa problematica ed hanno organizzato una vera propria scuola sul territorio, stipulando una convenzione con il comune e con il CPIA di Cuneo.

Il CPIA ha avuto il compito di somministrare il test d'ingresso, il monitoraggio in itinere e l'esame finale permettendo ad alcuni di raggiungere il livello A2, ad altri di arrivare a quello A1 ed a tutti di ottenere un attestato di partecipazione.

Questa esperienza ha inoltre coinvolto un gran numero di volontari che si sono dati disponibili ad aumentare il monte ore previsto di erogazione di lezioni di italiano coordinati da un'insegnante L2. Ciò ha permesso a circa 40 tra ragazze ed ragazzi, accolti rispettivamente da Cooperativa Momo e Cooperativa Fiordaliso, di poter frequentare tutta la settimana le lezioni e migliorare notevolmente il loro livello di italiano nonché facilitare l'integrazione grazie alla Casa del Quartiere che ha messo a disposizione i locali in ottica di uno scambio di esperienze e di partecipazione, garantendo l'interazione della scuola con il territorio.

 

MESCOLATI fest | la festa della scuola popolare di quartiere

A conclusione dell'anno scolastico la scuola popolare di italiano e i suoi studenti ti invitano ad un momento di festa insieme:

* ore 17.00 |Arte e Musica
* presentazione della scuola popolare di quartiere
* ore 19.30 |
APERICENA ETNICO cucinato dai Richiedenti Asilo delle accoglienze della Cooperativa Momo e Cooperativa Sociale Fiordaliso

Ingresso libero - consumazione a pagamento
* Prenotazione Consigliata entro il 29 giugno : 349.8849401

Speriamo di poter festeggiare con un gran numero di persone!

Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora io dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri” don Lorenzo Milani

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1207

VISITE 1683

aggiornato al 21/02/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------