13 PSICHIATRI TEDESCHI A SCUOLA DI INSERIMENTI (Comunicato ASL TO3)

Importante incontro a Collegno, presso l’ASL TO3, nei giorni scorsi nell’ambito  della Psichiatria ed in particolare degli inserimenti supportati dei pazienti adulti  in carico.

 Una delegazione di 13 Specialisti Psichiatri tedeschi  provenienti dall’area di Stoccarda  è stata accolta dal Direttore Generale Dr. Flavio Boraso e dal Direttore del Dipartimento di salute mentale Dr. Enrico Zanalda, per un incontro di un’intera giornata, compresa una tavola rotonda, nel quale è stato illustrata nel dettaglio l’organizzazione ed il funzionamento, nell’ASL TO3, del sistema degli inserimenti di pazienti adulti (IESA) .

 

Un contesto di scambio di conoscenze e di esperienze nel quale anche gli Psichiatri tedeschi hanno potuto illustrare le loro attività, tenuto conto che la Psichiatria tedesca a 40 anni dalla loro riforma  sta attraversando un momento di ripensamento  nell’organizzazione del sistema :  è anche per questo che gli Specialisti di quel Paese stanno analizzando i modelli stranieri ritenuti di eccellenza nel contesto europeo; portavoce della delegazione tedesca  è stato  il Prof. Jürgen Armbruster  la cui relazione è stata appezzata ed oggetto di vivace dibattito   .

 

La delegazione è stata poi accompagnata a visionare “sul campo” alcune realtà lavorative del servizio di salute mentale nell’ASL TO3 ed è stata ospitata in un pranzo di lavoro  preparato dagli  stessi  pazienti in carico presso il Centro Semiresidenziale Collegno Piossasco (cooperativa Progest) ,  nell'ambito dell'esperienza lavorativa "Orto che cura", considerato da tutti di alto livello qualitativo fra l’altro con prodotti a Km. Zero.

Molto chiara la  ragione  per la quale l’esperienza dell’ASL TO3 è stata prescelta  dagli Specialisti tedeschi  come modello di riferimento: il Servizio IESA dell'ASL TO3, diretto dal Dr. Gianfranco Aluffi, fa infatti parte del  gruppo europeo di progettazione e rappresenta l’Italia al tavolo di progetto con Germania, Francia e Belgio. Il servizio  IESA dell’ASL TO3  è dunque  riconosciuto come esperienza di eccellenza  in ambito psichiatrico europeo e naturalmente come modello guida nell’ambito del sistema sanitario piemontese.

 

E’ stato sottolineato fra l’altro che  il   progetto IESA per gli inserimenti eterofamigliari dell’ASL TO3,  contiene dal  2016 anche una  importante novità, che non ha molti precedenti nell’organizzazione dei servizi pubblici di salute mentale : l’inserimento dei pazienti nelle famiglie, si sta rivolgendo non  più solo ai pazienti dei servizi di salute mentale, come avvenuto negli anni precedenti, ma progressivamente stanno accedendo   anche i pazienti  in carico ai servizi per le dipendenze patologiche , le disabilità, la geriatria, ovviamente nell’ambito di percorsi di cura che vengono  condivisi  con i  rispettivi servizi di riferimento.

 

Ai colleghi tedeschi appartenenti non solo al sistema sanitario pubblico ma anche a Cooperative  ed Associazioni  specializzare negli inserimenti ( es. Caritas tedesca e Associazione Evangelica Europea) gli Psichiatri dell’ASL TO3 hanno dunque  illustrato le “buone pratiche” relative al  funzionamento di un sistema  che al momento attuale segue contemporaneamente 370  percorsi di supporto, articolati fra 50 inserimenti  in famiglie di volontari,  70 inserimenti di pazienti  in alloggi supportati e gruppi appartamento  e 250 inserimenti lavorativi e borse lavoro, il tutto in collaborazione e sinergia  con le cooperative Il Margine e Progest.

Un sistema quello degli inserimenti nel quale l’Azienda sanitaria investe circa 200.000  euro ogni anno , tenuto conto che    l’inserimento degli ospiti  in Istituti  avrebbe un costo per la collettività   più che doppio rispetto a quello oggi sostenuto per il rimborso spese assegnato alle  famiglie.

 

Ma l’incontro non è stato solo un’occasione di scambio di conoscenze ed esperienze professionali: sotto la  regia del Direttore Generale dell’ASL Dr. Flavio Boraso insieme ai Responsabili della nostra salute mentale, l’ASL TO3 ha condiviso con gli ospiti tedeschi la volontà di predisporre a tempi brevi  un progetto comune ( Italia- Germania e Polonia)  per attingere a specifici  finanziamenti europei  attualmente disponibili sul fronte dei sistemi di inserimento dei pazienti in modo alternativo all’istituzionalizzazione; un progetto nel quale  l’interesse degli specialisti tedeschi sarà incentrato al  superamento  dell’attuale realtà tedesca nella quale, a differenza dell’Italia,  sono ancora oggi presenti gli Ospedali psichiatrici. Un progetto che verrà formalizzato   nel corso di due prossimi incontri, già definiti, che si terranno a Stoccarda e Cracovia.

 

Ultimo particolare interessante : il responsabile del servizio IESA dell’ASL TO3 Dr. Aluffi è appena stato nominato Direttore scientifico della nuova rivista europea di salute mentale non a caso intitolata “IESA” che da fine Ottobre 2017  verrà diffusa in varie lingue in tutti i sistemi di salute mentale europei costituendo uno strumento-guida ( oggi inesistente)   in grado di far circolare le informazioni sulle rispettive esperienze negli Stati membri nel campo degli inserimenti di pazienti adulti;   il “ caso” vuole che il debutto di apertura in ambito europeo  della rivista  illustrerà ampiamente  l’esperienza IESA presso l’ASL TO3 !

 

 

19 settembre 2017

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

---------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:46797

 

TOTALE VISITE: 68332

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 54

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni: 92

 

Dati aggiornati

al 31-03-2020

---------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Anna Bravo Daniele Jalla 

LA VITA OFFESA

Storia e memoria dei Lager nazisti nei racconti di duecento sopravvissuti

 

Franco Angeli

 

"Raccontare poco non era giusto, raccontare il vero non si era creduti. Allora ho evitato di raccontare. Sono stato prigioniero e bon - dicevo".

Il cammino percorso dalia memoria dei Lager è in gran parte indicato da questa oscillazione tra il bisogno di verità e la difficoltà ad affermarla, tra lo sforzo di contrastare l'indifferenza del mondo e il silenzio come protesta; ma anche tra la spinta soggettiva a ricordare e quella opposta a dimenticare. Ostacoli esterni e interni non hanno interrotto questo cammino, facendo arrivare fino a noi un grande e inespresso patrimonio di esperienze.

A quarant'anni di distanza, la raccolta delle storie di vita degli ex deportati promossa dall'Aned in Piemonte, l'ha trasformato in racconto dando voce a tutti, in particolare a coloro - e sono la stragrande maggioranza - che non avevano mai trovato ascolto al di fuori della famiglia e del piccolo gruppo degli amici. Dalla stessa volontà nasce questo libro in cui parlano 200 sopravvissuti, in un montaggio di più di 900 brani tratti dalle 10.000 pagine di trascrizione delle loro testimonianze.

E' un accumulo enorme di notizie, episodi, giudizi, riflessioni ed emozioni; un coro che nasce dall'incontro di voci diverse, un primo abbozzo di memoria collettiva. E insieme, uno spaccato della deportazione italiana, con la sua fisionomia complessa e con i suoi tanti e diversi protagonisti: giovani partigiani e partigiane, intere famiglie ebree, antifascisti di vecchia data, militanti operai, soldati renitenti ai bandi, gente presa a caso nei rastrellamenti. Dalle loro voci - perché di voci si tratta in questa ricerca di storia orale - lo studio dei campi di sterminio può trarre moltissimi spunti capaci di allargarne radicalmente la conoscenza e di rimettere in discussioni valutazioni consolidate.

Ma oggi, in un panorama culturale e politico che inventa un volto umano al fascismo e tollera di convivere con prospettive di distruzione irreversibile, queste testimonianze hanno anche il valore di una denuncia e di un ammonimento.

 

Anna Bravo insegna storia sociale all'Università di Torino; si è occupata, tra l'altro, di resistenza, di cultura dei gruppi non omogenei e di storia orale, pubblicando diversi lavori su questi temi. Ha fatto parte del comitato scientifico che ha diretto la raccolta delle storie di vita promossa dall'Aned del Piemonte.

 

Daniele Jalla lavora presso la Regione Piemonte, dove si occupa di storia e culture locali. Ha svolto ricerche e pubblicato vari lavori di storia orale della cultura operaia.

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 Risotto allo zafferano con cook expert

Ricetta perfetta con Cook Expert Magimix!   Risotto allo zafferano

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

320 g di riso Arborio o Carnaroli 700 ml di brodo vegetale 1 cipolla 50 g di grana grattugiato 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 1 noce di burro ghiacciato 1 bustina di zafferano in polvere o zafferano in pistilli 1 presa di sale grosso.

Per la ricetta clicca

https://unabloggerincucina.it/risotto-allo-zafferano-cook-expert/