PROIEZIONE DEL FILM "IL DIRITTO DI CONTARE"

“Il diritto di contare”, già in programma lo scorso 1° dicembre presso la Casa del Quartiere Donatello e rinviato a causa della nevicata che aveva reso le strade difficilmente praticabili, viene nuovamente proposto venerdì 12 gennaio 2018 alle 21,00, sempre presso la Casa del Quartiere.   

Il film conclude il Progetto “PERSONE”.
Menteinpace - Forum per il ben-essere psichico, Centro Diurno S.S.Mentale ASLCn1, Casa del Quartiere Donatello, Agedo, Amnesty International, Aria Aperta, Se non ora quando?, Cooperative Sociali   Momo, Proposta 80 e Colibrì, con il patrocinio del Comune di Cuneo ed il sostegno del Csv Società Solidale hanno organizzato una rassegna che invita a fermarsi, ascoltarsi, osservarsi per aiutare a capire quei pregiudizi che spingono ad isolare, a non vedere, ad alzare muri per difendersi dalle paure, dalle diversità, dimenticando che “visto da vicino nessuno è normale”(F.Basaglia).

IL DIRITTO DI CONTARE, diretto da Theodore Melfi, con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Jannella Monae e Kevin Kostner narra la Virginia segregazionista degli anni sessanta: la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. La NASA non fa eccezione. I neri sono considerati una forza lavoro di cui disporre a piacimento e sono disprezzati più o meno sottilmente. Katherine. Dorothy e Mary sono determinanti per la NASA per raggiungere importanti obiettivi: inviare un uomo in orbita e poi sulla luna. Sono donne, nere, si battono contro le discriminazioni e saranno capaci di far cadere barriere razziali

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28553

TOTALE VISITE

43558

Dati aggiornati

al 22-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Famiglie sospese. Sostenere la genitorialità di fronte ai disturbi mentali degli adulti

 

di F. TasselliM. PercudaniA. Zanobio (a cura di)

 

Descrizione del libro

I figli di persone affette da disturbo mentale sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare a loro volta una qualche forma di malessere psichico. Inoltre, come si può facilmente immaginare, per questi genitori è significativamente più difficile provvedere alle esigenze di natura fisica, psicologica ed emotiva dei propri figli durante il percorso di crescita. Questo volume vuole analizzare la tematica del riconoscimento e del sostegno alla genitorialità di quanti sono affetti da una psicopatologia così che, attraverso un lavoro di ordine educativo e riflessivo, si possa raggiungere una finalità preventiva e protettiva rispetto alla trasmissione di una sofferenza psichica ai figli. Negli ultimi decenni, infatti, in molti Paesi si sono realizzati interventi preventivi per questi minori e per le loro famiglie proprio al fine di incrementare i fattori protettivi, promuovere un sano sviluppo e ridurre conseguentemente il rischio di sviluppare disturbi mentali. Il libro raccoglie molteplici contribuiti di esperti nazionali e internazionali - con puntuali riferimenti a modelli preventivi fondati su evidenze scientifiche - e offre una diversa prospettiva della trasmissione transgenerazionale delle problematiche psichiche. Molteplici sono i destinatari di questo testo: in primis, gli operatori della salute (psichiatri, neuropsichiatri infantili, psicologi, medici di medicina generale, pediatri, infermieri, educatori, assistenti sociali) che troveranno, per la prima volta, indicazioni aggiornate e sistematizzate per lavorare anche in direzione preventiva. Inoltre, il libro vuole essere un utile strumento per insegnanti e operatori delle scienze dell'educazione interessati e coinvolti nelle problematiche relative alla prevenzione dei disturbi mentali nei bambini e negli adolescenti. Infine, il libro è dedicato ai genitori che presentano un disturbo psichico: anche se non sono in cura, sanno di essere sofferenti ed è importante che inizino a preoccuparsi e ad occuparsi della salute mentale dei loro figli.