Il diritto negato di piangere la morte del proprio figlio (Paola Farinetti)

Il diritto negato di piangere la morte del proprio figlio: CarovaneMigranti arriva ad Alba

 

di Paola Farinetti.

Stasera devo assolutamente raccontare una storia, quella che ho sentito questo pomeriggio e che non conoscevo. CarovaneMigranti ha fatto tappa ad Alba e con lei due messicani e due tunisini e le loro vite complicate. Sono andata ad ascoltarli. Eravamo in pochi e allora voglio farmi portavoce. Raccontatela anche voi dopo che l'avrete letta da me, facciamo un tam tam ...

Alla tv o sui giornali si parla di numeri, di masse informi e senza nome rovesciate sulle nostre coste, c'è chi dice sia un'invasione, che noi abbiamo già i nostri problemi e non possiamo occuparci anche dei loro, ma non si pensa mai -o quasi mai- al fatto che ognuno di loro, ognuno di quei senza nome ha una storia, un passato di ricordi bambini e un groviglio di sogni sul futuro.
Non si pensa mai, soprattutto, che ognuno di loro ha dei parenti, mamme, mogli, figli, fratelli, uno zio amato, un amico del cuore e del dolore del distacco. Oggi io quella storia l'ho sentita incarnata, mi era proprio di fronte, e non posso restare indifferente.

Dei due tunisini, una era una mamma, il vestito lungo fino ai piedi, due scarpe bianche di poco prezzo, il foulard in testa, un volto scuro, solcato dalle pieghe delle rughe, devastato dal dolore, e stretta in mano la foto gigante di suo figlio, partito dall'altra parte del mare il 14 marzo 2011 a trent'anni e da allora sparito, fantasma del mare. Con lui, altri 504 scappati alla rovina delle primavere arabe, stipati in 4 barconi. Anche loro sono diventati fantasmi del mare. Da quel marzo di loro non si sa più nulla, se sono arrivati, se sono morti in mare, se sono in qualche centro o in prigione. Nessuna certezza. Le 504 mamme prima hanno pianto tutte le lacrime che avevano, poi hanno iniziato a prendere coscienza dell'ingiustizia, si sono unite e provano a combattere, ogni giorno, per chiedere verità. Ci sono voci, addirittura, dicono, prove, che in Italia, a Lampedusa o in Sicilia chissà, quei 504 siano arrivati davvero, qualcuno li ha visti in un servizio del TG5, ma nessuno, nessuno, né il governo tunisino, né quello italiano fino ad ora ha detto una parola definitiva, nessun tentativo, anche sbiadito, di risposta. Desaparecidos, una parola che sembrava appartenere al passato, all'Argentina di Videla, e che invece torna ad essere nostra contemporanea. 504 persone non sono poche, più o meno come se sparissero tutti assieme gli abitanti di Castiglion Falletto, eppure non esistono più, neanche "Chi l'ha visto?" se ne occupa.


"Se mio figlio è morto - dice la mamma che non ha più lacrime- voglio saperlo e voglio poterlo seppellire, voglio portargli dei fiori e voglio poterlo piangere come morto". E allora a me viene in mente la tragedia greca di Antigone, della ragazza che ha sfidato il re di Tebe per dare sepoltura a suo fratello Polinice perché i morti vanno rispettati, vanno sepolti e bisogna poterli piangere. Tutti i morti, quelli da questa parte del mare e quelli da quell'altra. Il livello di civiltà di un popolo si capisce anche dal rispetto per i morti.

Io conosco il peso e il mistero della morte, lo conosco bene, niente e nessuno può alleviare il mio dolore, ma sono circondata da persone che quel dolore lo rispettano, lo riconoscono e, per quanto possono o sono capaci, lo accarezzano. 
Quella madre, no. Quella madre, no. Quella madre, no. 
E io mi sento tutto il peso dell'ingiustizia sulle spalle.


Io conosco il peso e il mistero della morte, lo conosco bene, niente e nessuno può alleviare il mio dolore, ma sono circondata da persone che quel dolore lo rispettano, lo riconoscono e, per quanto possono o sono capaci, lo accarezzano. 
Quella madre, no. Quella madre, no. Quella madre, no. 
E io mi sento tutto il peso dell'ingiustizia sulle spalle.

 

da www.altritasti.it

http://www.altritasti.it/…/3514-il-diritto-negato-di-piange…

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:43972

 

TOTALE VISITE: 63902

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni33

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:44

 

Dati aggiornati

al 28-01-2020

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie-France Hirigoyen

Molestie morali

La violenza perversa nella famiglia e nel lavoro

 

Einaudi editore

 

Questo libro affronta un tema di drammatica attualità, che comincia a essere studiato dagli psicologi e considerato anche dalle organizzazioni del lavoro. Il "mobbing" è al centro dell'attenzione di molte riviste e giornali.

È possibile distruggere qualcuno con le parole, gli sguardi, i sottintesi: espressioni come violenza perversa o molestia morale si rifescono a questo tipo di situazioni.

Con l'apporto di numerose testimonianze, l'autrice analizza le peculiarità dei rapporti perversi e mette in guardia contro ogni tentativo di banalizzazione. Che si tratti di una coppia, di una famiglia o degli impiegati di un'azienda, il processo che porta le vittime nella spirale della depressione, se non al suicidio, è lo stesso.

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento!

 

Gazpacho

La ricetta che seguo da anni è quella che più mi piace portare a tavola quando i pomodori sono al giusto grado di maturazione e la calura estiva ha bisogno di una zuppa fredda rinfrescante come questa! Di solito porto in tavola il Gazpacho con crostini e cubetti di cetriolo o di peperone verde. La cremosità e il gusto di questo piatto sapranno conquistarti, è semplice da preparare e non occorre cottura, ma un riposo in frigo di circa un’ora prima della sua consumazione. Se non disponi di mixer con lama grande, puoi sempre usare un frullatore classico!

 

Per la ricetta e la preparazione clicca su

https://unabloggerincucina.it/gazpacho-2/