Disciplina regionale delle case di cura psichiatriche (nota del Consiglio Regionale del Piemonte)

Nota in merito alla disciplina regionale delle case di cura psichiatriche

 

Il Consigliere Gianluca Vignale, nel corso della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari del 15 maggio 2018, ha avanzato nei confronti degli uffici del Consiglio regionale una richiesta di chiarimento in merito alla disciplina delle case di cura psichiatriche alla luce del quadro normativo di riferimento intervenuto successivamente alla deliberazione della Giunta regionale n. 29-3944 del 19 settembre 2016.

Al fine di inquadrare meglio la tematica oggetto di esame, è opportuno richiamare il panorama normativo nel quale si colloca l'argomento medesimo. La DGR 29 del 2016, ponendosi in continuità con la precedente deliberazione di Giunta regionale 30-1517 del 2015 dà attuazione alla deliberazione del Consiglio regionale 23 dicembre 2013, n. 260-40596 che, recependo il modello AGENAS-GISM di cui all’Accordo Stato Regioni del 17 ottobre 2013, demanda a successivi provvedimenti della Giunta regionale, da adottarsi previo parere della commissione consiliare competente, l’attuazione dei contenuti di cui all’Accordo stesso. Suddetta deliberazione 29 ridisegna in maniera completa la rete dei servizi di residenzialità psichiatrica. Sulla base di tale modello, la tipologia delle strutture residenziali psichiatriche viene distinta sia per il livello di intervento terapeutico-riabilitativo, correlato al livello della compromissione di funzioni e abilità del paziente e alla sua trattabilità, sia per il livello di intensità assistenziale offerto, correlato al grado di autonomia complessivo. In base all’intensità riabilitativa dei programmi attuati e al livello di intensità assistenziale presente, si individuano tre tipologie di struttura residenziale:  Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere intensivo(SRP1).

 Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere estensivo (SRP2).

Struttura residenziale psichiatrica per interventi socioriabilitativi, con differenti livelli di intensità assistenziale, articolata in tre sottotipologie, con personale sociosanitario presente nelle 24 ore, nelle 12 ore, per fasce orarie (SRP3).

 

L’accordo a cui la DGR 29 del 2016 fa riferimento prevede espressamente che queste siano le sole tipologie a cui le Regioni e le Province Autonome devono fare riferimento nel caso in cui decidano di riconvertire le case di cura psichiatriche in strutture residenziali psichiatriche a differente livello di intensità di cura ed infatti la DGR 29 dedica un paragrafo specifico ai percorsi di inserimento nelle case di cura neuropsichiatriche.

 

La successiva deliberazione di Giunta regionale n. 73-5504 del 3 agosto 2017 (Approvazione delle nuove regole di finanziamento per l'acquisto di prestazioni sanitarie di ricovero e di specialistica ambulatoriale da erogatori privati accreditati per le annualità 2017-2018-2019, dello schema di contratto e dei tetti di spesa della Regione Piemonte e delle Aziende sanitarie regionali per l'annualità 2017), dà conto dell’intenzione dell’amministrazione regionale di procedere ad una progressiva riqualificazione delle attività di lungodegenza psichiatrica al fine di ricollocare gradualmente, nell’arco di un triennio, dette attività nell’ambito più appropriato dell’assistenza sanitaria territoriale rivolta alla salute mentale superando la distinzione tra risorse assistenziali ospedaliere e residenziali territoriali. La proposta di deliberazione della Giunta regionale di modifica della DGR 29 del 2016, ora sottoposta al parere della IV Commissione, introduce modifiche di natura testuale alla deliberazione radice puntualizzando espressamente che tale provvedimento non andrà a sostituire interamente la DGR 29, in quanto quest’ultima, per le parti non espressamente modificate o integrate, continuerà a disciplinare l’impianto del nuovo modello di residenzialità per la salute mentale, comprensivo quindi, in quanto atto di recepimento del modello AGENAS-GISM, della riconduzione delle case di cura psichiatriche alla tre tipologie di struttura residenziale, ossia SRP1, SRP2 e SRP3. In assenza di una diversa specifica previsione, non presente nella proposta di delibera di Giunta ora sottoposta al parere della Commissione, continua pertanto a trovare piena applicazione la riconduzione delle case di cura psichiatriche alle tre fattispecie previste dalla DGR 29 del 2016 ed ai relativi limiti di posti di letto e di regime tariffario. Resta da comprendere, perché non ancora disciplinato da atti ufficiali, l’evoluzione del percorso ipotizzato dalla DGR 73 del 2017 preordinato ad una revisione della rete di post-acuzie ospedaliera e ad una riqualificazione delle attività di lungodegenza psichiatrica, specialmente sotto il profilo della riconduzioni di tali attività nell’ambito dell’assistenza sanitaria territoriale con conseguente superamento della distinzione tra risorse assistenziali ospedaliere e residenziali territoriali. Un eventuale provvedimento che uscisse dall’alveo dell’attuazione della DCR 23 dicembre 2013, n. 260-40596 sarebbe da considerarsi certamente un nuovo atto di programmazione regionale e quindi, in quanto tale, riservato alla competenza del Consiglio regionale ai sensi dell’articolo 28 dello Statuto.

 

Torino 17 maggio 2018

 

AJ/FP/RC

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------