Disciplina regionale delle case di cura psichiatriche (nota del Consiglio Regionale del Piemonte)

Nota in merito alla disciplina regionale delle case di cura psichiatriche

 

Il Consigliere Gianluca Vignale, nel corso della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari del 15 maggio 2018, ha avanzato nei confronti degli uffici del Consiglio regionale una richiesta di chiarimento in merito alla disciplina delle case di cura psichiatriche alla luce del quadro normativo di riferimento intervenuto successivamente alla deliberazione della Giunta regionale n. 29-3944 del 19 settembre 2016.

Al fine di inquadrare meglio la tematica oggetto di esame, è opportuno richiamare il panorama normativo nel quale si colloca l'argomento medesimo. La DGR 29 del 2016, ponendosi in continuità con la precedente deliberazione di Giunta regionale 30-1517 del 2015 dà attuazione alla deliberazione del Consiglio regionale 23 dicembre 2013, n. 260-40596 che, recependo il modello AGENAS-GISM di cui all’Accordo Stato Regioni del 17 ottobre 2013, demanda a successivi provvedimenti della Giunta regionale, da adottarsi previo parere della commissione consiliare competente, l’attuazione dei contenuti di cui all’Accordo stesso. Suddetta deliberazione 29 ridisegna in maniera completa la rete dei servizi di residenzialità psichiatrica. Sulla base di tale modello, la tipologia delle strutture residenziali psichiatriche viene distinta sia per il livello di intervento terapeutico-riabilitativo, correlato al livello della compromissione di funzioni e abilità del paziente e alla sua trattabilità, sia per il livello di intensità assistenziale offerto, correlato al grado di autonomia complessivo. In base all’intensità riabilitativa dei programmi attuati e al livello di intensità assistenziale presente, si individuano tre tipologie di struttura residenziale:  Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere intensivo(SRP1).

 Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere estensivo (SRP2).

Struttura residenziale psichiatrica per interventi socioriabilitativi, con differenti livelli di intensità assistenziale, articolata in tre sottotipologie, con personale sociosanitario presente nelle 24 ore, nelle 12 ore, per fasce orarie (SRP3).

 

L’accordo a cui la DGR 29 del 2016 fa riferimento prevede espressamente che queste siano le sole tipologie a cui le Regioni e le Province Autonome devono fare riferimento nel caso in cui decidano di riconvertire le case di cura psichiatriche in strutture residenziali psichiatriche a differente livello di intensità di cura ed infatti la DGR 29 dedica un paragrafo specifico ai percorsi di inserimento nelle case di cura neuropsichiatriche.

 

La successiva deliberazione di Giunta regionale n. 73-5504 del 3 agosto 2017 (Approvazione delle nuove regole di finanziamento per l'acquisto di prestazioni sanitarie di ricovero e di specialistica ambulatoriale da erogatori privati accreditati per le annualità 2017-2018-2019, dello schema di contratto e dei tetti di spesa della Regione Piemonte e delle Aziende sanitarie regionali per l'annualità 2017), dà conto dell’intenzione dell’amministrazione regionale di procedere ad una progressiva riqualificazione delle attività di lungodegenza psichiatrica al fine di ricollocare gradualmente, nell’arco di un triennio, dette attività nell’ambito più appropriato dell’assistenza sanitaria territoriale rivolta alla salute mentale superando la distinzione tra risorse assistenziali ospedaliere e residenziali territoriali. La proposta di deliberazione della Giunta regionale di modifica della DGR 29 del 2016, ora sottoposta al parere della IV Commissione, introduce modifiche di natura testuale alla deliberazione radice puntualizzando espressamente che tale provvedimento non andrà a sostituire interamente la DGR 29, in quanto quest’ultima, per le parti non espressamente modificate o integrate, continuerà a disciplinare l’impianto del nuovo modello di residenzialità per la salute mentale, comprensivo quindi, in quanto atto di recepimento del modello AGENAS-GISM, della riconduzione delle case di cura psichiatriche alla tre tipologie di struttura residenziale, ossia SRP1, SRP2 e SRP3. In assenza di una diversa specifica previsione, non presente nella proposta di delibera di Giunta ora sottoposta al parere della Commissione, continua pertanto a trovare piena applicazione la riconduzione delle case di cura psichiatriche alle tre fattispecie previste dalla DGR 29 del 2016 ed ai relativi limiti di posti di letto e di regime tariffario. Resta da comprendere, perché non ancora disciplinato da atti ufficiali, l’evoluzione del percorso ipotizzato dalla DGR 73 del 2017 preordinato ad una revisione della rete di post-acuzie ospedaliera e ad una riqualificazione delle attività di lungodegenza psichiatrica, specialmente sotto il profilo della riconduzioni di tali attività nell’ambito dell’assistenza sanitaria territoriale con conseguente superamento della distinzione tra risorse assistenziali ospedaliere e residenziali territoriali. Un eventuale provvedimento che uscisse dall’alveo dell’attuazione della DCR 23 dicembre 2013, n. 260-40596 sarebbe da considerarsi certamente un nuovo atto di programmazione regionale e quindi, in quanto tale, riservato alla competenza del Consiglio regionale ai sensi dell’articolo 28 dello Statuto.

 

Torino 17 maggio 2018

 

AJ/FP/RC

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

35954

TOTALE VISITE

53131

Dati aggiornati

al 19-07-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

  Piero Ferrucci

CRESCERE

Teoria e pratica della psicosintesi

 

Astrolabio-Ubaldini Editore

collana: Psiche e coscienza
pagine: 228
prezzo: € 16.00 

 

 

Assieme a un'esauriente esposizione della concezione psicosintetica, integrata da molti insegnamenti inediti di Assagioli, questo libro offre numerosi esercizi psicologici di immediata e semplice attuazione. Chiunque li può usare per esplorare i panorami sconosciuti della psiche, trasformare le emozioni negative, dare impulso alla propria evoluzione personale e attingere alle proprie risorse creative latenti.

 

 

 

http://www.astrolabio-ubaldini.com/scheda_libro.php?libro=428