“Pinocchio dal Maghreb” in scena nel Carcere di Ivrea (www.teatroacanone.it)

“Pinocchio dal Maghreb”

in scena nella

Casa Circondariale di Ivrea

il 4 e 5 giugno

ore 14

 

Progetto “Al di là del muro”

diretto dall’Associazione Volontari Penitenziari (AVP) di Ivrea
Regia: Luca Vonella
Costumi, scenografie: Anna Fantozzi
Con: Beata Kalis, Enzo Bertone ed i detenuti della Casa Circondariale di Ivrea. 

 

 

 


FATA TURCHINA: Dove sei stato, figlio mio dagli occhi scuri? Dove sei stato, mio caro ragazzo? 
PINOCCHIO: Ho inciampato sul fianco di dodici montagne brumose, ho strisciato su sei strade tortuose, sono andato dentro a sette cupe foreste, sono stato davanti a una dozzina di oceani morti, mi sono addentrato per diecimila miglia in una tomba.
FATA TURCHINA: E cosa hai udito figlio mio dagli occhi scuri, cosa hai udito?....

Pinocchio è una fiaba che tutti conosciamo. E’ conosciuta persino in Marocco e in Africa centrale. E’ un patrimonio dell’immaginario collettivo. E’ entusiasmante adattare la favola di Pinocchio al contesto in cui prende nuovamente vita. I testi classici, mutano a seconda dell’essere umano che li “calza” e sono sempre capaci di dirci qualcosa di nuovo.

Il Teatro a Canone, con i volontari dell’AVP di Ivrea, ha fatto tutto ciò con i detenuti del carcere di Ivrea grazie al progetto “Al di là del muro”. 

 

vedi anche

http://www.rossetorri.it/pinocchio-dal-maghreb-in-scena-nella-casa-circondariale-di-ivrea-il-4-e-5-giugno/

 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Eugenio Borgna

L'ARCOBALENO SUL RUSCELLO

Figure della speranza

 

Raffaello Cortina Editore

 

Eugenio Borgna concepisce la speranza come un’inclinazione umana solo apparentemente fragile, in realtà continuamente capace di farci accedere alla pienezza dell’esistenza. Che si tratti delle difficoltà della vita quotidiana o degli abissi della psicopatologia, è dalla conoscenza di sé che nasce la spinta ad aprirsi al futuro e alla speranza e a uscire dalla solitudine. 
Borgna descrive le molte declinazioni della speranza a partire dalle intuizioni di grandi filosofi, poeti e scrittori come Leopardi e Kafka, sant’Agostino e Walter Benjamin, oltre che dalla sua lunga esperienza clinica e di pratica della psichiatria fenomenologica. La speranza è da sempre al centro della cura: senza di essa non si riuscirebbe a trovare le parole da rivolgere ai pazienti, quelle più consone a ciascuno. È come una stella cometa che illumina le notti dell’anima.

 

Biografia dell'autore

 Eugenio Borgna, psichiatra, è primario emerito di Psichiatria dell’Ospedale Maggiore di Novara e libero docente. Oltre a opere di carattere scientifico, ha pubblicato una serie di libri di successo presso Feltrinelli e Einaudi.