Psichiatria a senso unico (Metello Corulli)

Lunedì mattina 2 luglio a Palazzo Lascaris, sede della Regione Piemonte, si svolge un interessante Convegno sul tema del Piano d’ Azione per la Salute Mentale. Vorrei consigliare agli interessati all’argomento di cercare in internet il testo del Piano di azione per la salute mentale 2013-2020 pubblicato a gennaio 2016 dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (vedi anche su https://www.menteinpace.it/e-book/) ove viene sottolineato “il ruolo essenziale della salute mentale ai fini della realizzazione dell’obbiettivo della salute per tutti. Si basa infatti su un approccio che dura tutta la vita, che punta a raggiungere l’uguaglianza attraverso la copertura sanitaria universale e che sottolinea l’ importanza della prevenzione.
Definisce quattro obbiettivi principali:
1. ottenere una leadership e una governance più efficaci nell’ ambito della salute mentale
2. riuscire ad offrire servizi di salute mentale e servizi sociali completi, integrati e capaci di rispondere ai bisogni della comunità
3. mettere in campo delle strategie di promozione e prevenzione
4. rafforzare i sistemi informativi, raccogliere sempre più evidenze scientifiche ed implementare la ricerca.
Gli obbiettivi di questo piano sono certamente ambizioni, ma l’ Organizzazione Mondiale della Sanità ed i suoi stati membri si sono impegnati a raggiungerli”.
Volendo riassumere il documento dell’OMS, credo che basterebbero poche parole: studio del fenomeno, democrazia delle scelte operative.
Credo che tutti i lettori conoscano, almeno sommariamente il conflitto che si è aperto dal 2015 tra l’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte e le associazioni dei familiari, gli enti gestori delle strutture della psichiatria residenziale, persino con i comuni di Torino e della regione. Un conflitto aperto ove l’Assessorato alla Sanità ha prodotto numerose delibere regionali per “migliorare” la Dg. 30 del giugno 2015 e le numerose controparti continuano a manifestare il dissenso ed a rivolgersi al Tribunale Amministrativo, al Consiglio di Stato e stanno lavorando ad interpellanze parlamentari. È normale che ci si rivolga ad un Terzo quando non si trova ascolto.
Le tre principali DG. 30/2015, Dg.29/2016, Dg 41/2018 si caratterizzano per alcuni aspetti: riduzione della spesa dell’ Assessorato e scarico di una ampia fetta sui familiari e Comuni, riduzione del personale specialistico (psichiatri, psicoterapeuti, educatori, artisti..), un sistema di governance fortemente centralizzato e burocratizzato, scarsa interlocuzione con gli enti operanti, nessuna ricerca ed esame della efficacia dei servizi.
Un fenomeno regionale complesso per una popolazione di quasi cinque milioni di abitanti: 50.000 pazienti presso i Dipartimenti di Salute Mentale, la maggior parte con cure ambulatoriali, ma per i pazienti in condizioni più gravi: 12.000 ricoveri nel 2017 nei repartini ospedalieri della durata di 12 giorni; 8.000 ricoveri nel 2017 nelle case di cura della durata di 42 giorni: 2500 ricoveri nelle cosiddette strutture residenziali (comunità terapeutiche, comunità alloggio, gruppi appartamento) e pazienti in numero sconosciuto “resistenti al trattamento” che urlano, si aggirano smarriti, dormono per strada o non escono dalle loro abitazioni.
Ricerca per studiare il fenomeno zero, formazione per gli operatori zero, interlocuzione con i gestori scarsissima, burocrazia molto elevata, risparmio della spesa per la psichiatria lodevole. 
L’Assessorato alla Sanità ha evidentemente scelto un indirizzo di azione fortemente antagonista a quello indicato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche un indirizzo antagonista a quello indicato dalla legge nazionale italiana sui LEA del marzo 2017 ove si parla di “psicoterapia individuale, di gruppo, di famiglia” (il termine psicoterapia non compare mai nelle varie DG). Anche una linea antagonista agli accordi Stato Regione del 2000 che prevedevano un impegno del 5% della spesa sanitaria per le problematiche psichiatriche, mentre la Regione Piemonte spende il 3,2 %.
Lunedì i relatori parleranno del Piano di Azione per la Salute mentale in Piemonte, ma i relatori che parleranno sono quasi esclusivamente gli autori e promotori dell’orientamento dell’Assessorato. Dunque un convegno senza interlocutori del contradditorio. Si tratta dunque di un curioso convegno, un po’ come se Erdogan organizzasse ad Istanbul un convegno sui principi della democrazia di Montesquieu.


Metello Corulli, presidente Il Porto onlus; presidente Fenascop Piemonte

 

articolo apparso su LO SPIFFERO del 30-06-2018

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.020

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 57

Dati aggiornati

al 25-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI