Finanziata dalla Regione la pista ciclabile Cuneo-Limone (Altritasti.it)

Ha ottenuto il finanziamento, classificandosi al primo posto della graduatoria su un totale di 47 domande presentate, la proposta di realizzazione di un collegamento ciclabile tra Cuneo e Limone Piemonte, lungo l’itinerario internazionale EUROVELO 8. I Comuni di Cuneo, Borgo San Dalmazzo, Roccavione, Robilante, Vernante e Limone Piemonte (questi ultimi tramite l’Unione Montana Alpi Marittime) avevano infatti presentato una manifestazione d’interesse al bando della Regione Piemonte “percorsi ciclabili sicuri”, nell’ambito delle politiche a favore della mobilità ciclabile, per la realizzazione del collegamento Cuneo-Limone, oggi esistente solo in parte, lungo il percorso EUROVELO 8, itinerario internazionale che va da Cadice in Spagna ad Atene in Grecia, attraversando l’Italia del nord seguendo il corso del Po e arrivando dalla Francia in corrispondenza del tunnel del Tenda ...

L’intervento di realizzazione del collegamento ciclabile Cuneo-Limone ha un costo stimato di circa 2,7 milioni di euro e il contributo regionale richiesto, e che verrà erogato, è di 1,5 milioni.

Un progetto importante, come ritenuto dalla stessa Regione Piemonte, che infatti ha ritenuto di metterlo in cima alla classifica, e che avrà una valenza che va oltre all’evidente aspetto turistico. Esso consentirà infatti di creare importanti percorsi funzionali alla mobilità ciclabile sistematica, al pendolarismo e a servizio di nodi di interesse collettivo, in un’ottica di maggiore sicurezza per i ciclisti e risolvendo le criticità presenti sulla rete stradale.

«Il lavoro svolto, che è stato positivamente premiato da questo risultato, è il frutto di una forte sinergia tra le Amministrazioni coinvolte, che ha visto anche il supporto e il sostegno di oltre 20 tra associazioni di categoria, imprese e associazioni culturali e ricreative del territorio coinvolto, nonché della Provincia di Cuneo, dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo e dell’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Marittime_ - spiega Davide Dalmasso, Assessore alla Mobilità del Comune di Cuneo capofila del progetto -. _La pista ciclabile, che consentirà di raggiungere in totale sicurezza l’abitato di Limone Piemonte partendo dal centro di Cuneo, ha un costo complessivo di 2.694.000 €, dei quali 1.500.000 derivanti dal finanziamento regionale e i restanti 1.194.000 messi a disposizione dai Comuni di Cuneo e Borgo e dall’Unione Montana Alpi Marittime per i Comuni di Roccavione, Robilante, Vernante e Limone Piemonte».

Il progetto, oltre a prevedere il collegamento tra i vari comuni, con particolare attenzione anche agli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola, ha risvolti importanti anche in tema di intermodalità tra il treno e la pista ciclabile e, in sinergia con altri bandi europei, è prevista la realizzazione di punti di interscambio (velostazioni) nelle stazioni ferroviarie in modo che chi utilizza la bicicletta possa facilmente anche utilizzare il treno e viceversa, trovando servizi dedicati. Inoltre si è trattato di una progettazione partecipata con i cittadini, che ha permesso di avere molti riscontri ed ha fatto emergere un notevole interesse della popolazione per l’implementazione della rete ciclabile, purché integrata da servizi di custodia controllata, gonfiaggio e manutenzione, accessibili a tutti.

«La proposta progettuale è stata definita raccogliendo le esigenze dal basso, contattando le scuole dell’area, le associazioni di categoria, coinvolgendo le associazioni ciclistiche o legate all’outdoor (FCI e FIAB Bicingiro in primis), ovvero partendo dal presupposto che una progettazione partecipata sia indispensabile per garantire la corretta definizione dei contenuti del progetto e la sua buona riuscita» aggiunge l’Assessore Davide Dalmasso.

Per questo motivo in fase di elaborazione del progetto era stato predisposto anche un apposito questionario online, che ha raccolto le risposte di 8.022 utenti e ha fatto emergere un gradimento della viabilità ciclabile che varia da comune a comune (aspetto che tiene conto dell’attuale offerta di percorsi ciclabili sui diversi territori, diversi anche dal punto di vista morfologico), oltre a rilevare che un campione del 33,7% utilizza la bicicletta da 2 a 3 volte a settimana per i propri spostamenti. La quasi totalità del campione analizzato si è detta convinta della necessità di un miglioramento delle piste ciclabili del proprio comune o dei comuni adiacenti e il 92,7% ha risposto che, una volta migliorata la viabilità ciclabile, utilizzerà la bicicletta nel tempo libero, mentre la bici potrebbe diventare mezzo di trasporto per il tragitto casa-lavoro per il 41,8% del campione e per andare a fare acquisti per il 36%.

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95373

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 10-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI