DOVE SON FINITI I SOGNI DI BASAGLIA? Convegno a Torino

Il nostro paese è stato teatro di un evento storico che non ha eguali nel resto del mondo: la chiusura dei manicomi. Questo atto conclusivo di un lungo processo ha cambiato radicalmente l’immagine e il vissuto collettivo della malattia mentale. I processi di trasformazione successivi: legge 194 a tutela della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza e la legge 833 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, hanno contribuito a dare un volto nuovo all’insieme delle istituzioni sanitarie.

Il convegno, partendo da una analisi storica delle dimensioni sociali e politiche che hanno caratterizzato quell’epoca, propone una lettura della situazione attuale dei servizi, sottolineando criticità, risultati e prospettive future.

 

 

 

 

 

Programma

 

10 ottobre 2018

Giornata mondiale per la salute mentale - 9.00 – 17.00

Aula Magna Città della Salute e della Scienza AOU Molinette -

Corso Bramante, 88/90, Torino

 

Ore 9.00

Saluti della Direzione

Dr. Valerio Alberti

Dr. Roberto Testi

Dr.ssa Vilma Xocco

 

Ore 9.30

"Legge Basaglia e istituzione del SSN, cosa succedeva nel '78? Quali indicazioni e prospettive per il presente e il futuro dei servizi sanitari e sociosanitari"

Dr. Filippo Palumbo

 

Ore 10.15

Basaglia e le metamorfosi della psichiatria

Dr. Piero Cipriano

 

Ore 10.45

Intervallo

 

Ore 11.00

TSO: cosa potrebbe cambiare?

Dr. Vincenzo Villari

 

Ore 11.30

La parola ai famigliari e ai pazienti

Rossella Biagini

Roberto Rolli

 

Ore 12.00

Qualcosa di nuovo sul fronte occidentale

Piano d’azione per la salute mentale Regione Piemonte

Gianfranco Pomatto

Chiara Rivoiro

IRES. Piemonte

 

Ore 12.30

Dibattito

 

Ore 13.00

Pausa Pranzo

 

Ore 14.00

Radio OHM intermezzo

 

Ore 14.30

Tavola rotonda: L’integrazione tra i servizi per promuovere la salute mentale

- Dr. Carlo Romano (Direttore Distretto ASL Città di Torino)

- Dr.ssa Maria Rosa Giolito (Direttore Dipartimento Materno Infantile)

- Dr. Antonino Matarozzo (Direttore Dipartimento Dipendenze)

- Dr. Pirro Orazio/Dr.ssa Baiona Maria (NPI)

- Dr.ssa Vilma Xocco (Direttore Dipartimento Salute Mentale)

- Serena Vadrucci (SSD Coordinamento e Piano di Prevenzione)

 

Ore 16.00/17.00

Sintesi e prospettive a cura della Dr.ssa Vilma Xocco

 

MODALITA’ DI ISCRIZIONE

L’ iscrizione è gratuita e dovrà essere effettuate ECLUSIVAMENTE on line entro il 05/10/2018

• PERSONALE DEL S.S.R.:

L’iscrizione dovrà essere effettuata tramite il sito Regionale per la formazione con la seguente procedura: Collegarsi al sito www.formazionesanitapiemonte.it - Inserire nome Utente e Password nell’area riservata in alto a destra e cliccare su "login" - Selezionare “OFFERTA FORMATIVA” dalla pagina "utente".

Per il personale ESTERNO all’ASL Città di Torino: Selezionare "Corsi Regionali residenziali” ed impostare il filtro “fuori sede”

Per il personale INTERNO all’ASL Città di Torino: Selezionare "Corsi Regionali residenziali” e mantenere il filtro “in sede”

Individuare il titolo del convegno, e cliccare l’icona “Iscriviti” e, successivamente cliccare sull’icona per iscriversi - Seguire le procedure per l’iscrizione - Il sistema rilascia un modulo di pre-iscrizione - L’iscrizione sarà confermata via mail.

Se non si è ancora registrati - Collegarsi al sito www.ecmpiemonte.it - Selezionare in basso a sinistra il link “Registra Professionista” e seguire le istruzioni - Procedere con l’iscrizione.

PERSONALE ESTERNO AL S.S.R. (persone di qualsiasi profilo professionale e non) :

 

Collegarsi al sito www.formazionesanitapiemonte.it selezionando in basso a destra "Albo Provider Regione Piemonte" - Scegliere come organizzatore ASL Città di Torino - Selezionare "offerta formativa" - Individuare il titolo del convegno e proseguire con la procedura di iscrizione come "Esterno". - Il sistema rilascia un modulo di pre-iscrizione - L’iscrizione sarà confermata via mail

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 108.382

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 118

Dati aggiornati

al 17-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Michele Zappella

BAMBINI CON L’ETICHETTA

Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione

Feltrinelli

Una nuova emarginazione, basata su diagnosi erronee di disabilità trasformate in etichette di “diversità” irrecuperabile, è in pieno sviluppo nel nostro paese e coinvolge un numero crescente di bambini e ragazzi. Si riferiscono ad abilità considerate oggi importanti anche in una prospettiva lavorativa, come leggere bene e relazionarsi agli altri adeguatamente. Spesso, infatti, ritardi di lettura vengono confusi con sintomi di dislessia, oppure si certifica l’autismo mentre si è di fronte a difficoltà del linguaggio, depressioni, mutismo selettivo, o persino transitorie timidezze. Come può avvenire tutto ciò? E con quali conseguenze? Cosa ha portato all’esplosione di diagnosi, spesso senza fondamento, negli ultimi anni? Come liberare i bambini da etichette che compromettono l’intera loro esistenza e quella delle loro famiglie? A queste e a molte altre domande risponde Michele Zappella. La ricca casistica e la profonda esperienza clinica e di ricerca dell’autore chiamano in causa la scuola, gli operatori professionali e le politiche di “sostegno” alla diversità. Zappella invita i genitori e gli educatori ad aprire gli occhi e a non cedere al fascino (in)discreto dell’etichetta, e i professionisti a mantenere aggiornata la cultura specialistica, sperimentando nuove modalità di approccio ai bambini che ne stimolino fantasia e creatività. Gli effetti possono essere sorprendenti!

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI