Aiuta DIAPSI: il Mio Dono 2019! (DiAPsi Vercelli)

"Non dimenticare che l'amore è il dono più grande che si possa regalare perché dare gioia dà sempre gioia"

                                               F. Nietzsche

Cari amici, 

vi scriviamo per chiedere il vostro sostegno: anche quest'anno DIAPSI partecipa all'iniziativa ilMioDono con il progetto "Coffee Bag Lab. Percorsi di accompagnamento al lavoro"
PER AIUTARCI BASTA UN CLICK!

AVETE TEMPO FINO AL 31 GENNAIO 2019 PER VOTARE IL NOSTRO PROGETTO. MA NON ASPETTATE, FATELO SUBITO, BASTANO SOLO 2 MINUTI DEL VOSTRO TEMPO!
  
UniCredit ha deciso anche per il 2019 di rinnovare l’iniziativa di sostegno al Non Profit, mettendo a disposizione un importo complessivo di € 200.000, a titolo di donazione, da distribuire tra le Organizzazioni aderenti al servizio www.ilMioDono.it
 
COME FARE PER VOTARE?
 
Votare è semplicissimo! Basta premere qui e cliccare su "Vota e sostieni questa organizzazione"; a questo punto si può decidere se votare tramite e-mail, facebook, twitter o google plus. 

Se riusciremo a raggiungere abbastanza voti, Unicredit trasformerà ogni vostro click in una somma di denaro che verrà devoluta direttamente a DIAPSI!

 
 
Vi informiamo che c'è anche un altro modo per aiutarci: compiendo una Donazione Plus con soli 10 euro potete fare la differenza! Basta  cliccare qui  e inserire  l'importo nel campo "offerta libera" scegliendo, tra quelle proposte, la modalità con cui si preferisce effettuare la donazione.
Per maggiori informazioni potete chiamarci allo 0161 092294 oppure al 393 6096370. 


GRAZIE DI CUORE PER IL VOSTRO SOSTEGNO!

Un caro saluto da DIAPSI Vercelli onlus.

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28553

TOTALE VISITE

43558

Dati aggiornati

al 22-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Famiglie sospese. Sostenere la genitorialità di fronte ai disturbi mentali degli adulti

 

di F. TasselliM. PercudaniA. Zanobio (a cura di)

 

Descrizione del libro

I figli di persone affette da disturbo mentale sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare a loro volta una qualche forma di malessere psichico. Inoltre, come si può facilmente immaginare, per questi genitori è significativamente più difficile provvedere alle esigenze di natura fisica, psicologica ed emotiva dei propri figli durante il percorso di crescita. Questo volume vuole analizzare la tematica del riconoscimento e del sostegno alla genitorialità di quanti sono affetti da una psicopatologia così che, attraverso un lavoro di ordine educativo e riflessivo, si possa raggiungere una finalità preventiva e protettiva rispetto alla trasmissione di una sofferenza psichica ai figli. Negli ultimi decenni, infatti, in molti Paesi si sono realizzati interventi preventivi per questi minori e per le loro famiglie proprio al fine di incrementare i fattori protettivi, promuovere un sano sviluppo e ridurre conseguentemente il rischio di sviluppare disturbi mentali. Il libro raccoglie molteplici contribuiti di esperti nazionali e internazionali - con puntuali riferimenti a modelli preventivi fondati su evidenze scientifiche - e offre una diversa prospettiva della trasmissione transgenerazionale delle problematiche psichiche. Molteplici sono i destinatari di questo testo: in primis, gli operatori della salute (psichiatri, neuropsichiatri infantili, psicologi, medici di medicina generale, pediatri, infermieri, educatori, assistenti sociali) che troveranno, per la prima volta, indicazioni aggiornate e sistematizzate per lavorare anche in direzione preventiva. Inoltre, il libro vuole essere un utile strumento per insegnanti e operatori delle scienze dell'educazione interessati e coinvolti nelle problematiche relative alla prevenzione dei disturbi mentali nei bambini e negli adolescenti. Infine, il libro è dedicato ai genitori che presentano un disturbo psichico: anche se non sono in cura, sanno di essere sofferenti ed è importante che inizino a preoccuparsi e ad occuparsi della salute mentale dei loro figli.