ADULTESCENTI: TRA ETERNA ADOLESCENZA E MANCANZA DI IDENTITÀ (Dario Montano)

Dal tema della neotenia in Hobbes al problema dell'identità personale in Feuerbach, il saggio "Adolescenti senza tempo" di Massimo Ammaniti ripropone in chiave attuale problemi che hanno da sempre caratterizzato il pensiero umano.

 

 

Massimo Ammaniti, professore di Psicopatologia dello Sviluppo presso l’università La Sapienza di Roma, ha pubblicato recentemente il suo ultimo libro“Adolescenti senza tempo”. Il testo, scritto sotto forma di saggio, affronta la condizione degli adulti di oggi che, citando le parole dell’autore, si trovano a “vivere un’adolescenza eterna”Ammaniti li definisce infatti “adultescenti”“Sono adulti che cronologicamente potrebbero essere dei genitori, ma continuano ad avere delle caratteristiche adolescenziali”. A questo perpetuarsi della condizione giovanile è connesso il tema dell’identità personale.

 

Il raggiungimento di una identità personale, condizione necessaria per entrare nel mondo degli “adulti”, ritarda sempre più il momento della sua consapevolezza. Alla base di questo mutamento umano troviamo quelle che posso essere definite come “distrazioni sociali”, ovvero i social network, lo spasmodico utilizzo della tecnologia e il consumismo omologante.

L’uomo è un essere neotenico

Tema centrale del saggio risulta essere dunque la neotenia. Con questo termine si intende la tendenza che hanno alcuni organismi di mantenere in età adulta le caratteristiche infantili della propria specie. Nell’uomo questa condizione è di gran lunga più marcata e decisiva che in altri esseri viventi. Già Hobbes, nel “De Cive”, si era soffermato su questo argomento poiché è uno dei motivi per cui la società risulta necessaria per il nostro genere. L’uomo infatti acquisisce autosufficienza nel vivere ad un età molto avanzata. I bambini non sono capaci di orientarsi da soli nel mondo come avviene invece per i cuccioli di altre specie animali. Data questa dilatazione temporale della condizione di immaturità risulta allora necessario per la sopravvivenza costruire una società che si renda garante della conservazione della vita di ognuno, anche dei più piccoli. E forse non è un caso che questa condizione umana si stia allungando in corrispondenza ad un declino della nostra società nella capacità di garantirci un certo sostegno.

IL PROBLEMA DELL’IDENTITÀ

“In passato i genitori affrontavano un percorso che li portava ad essere adulti. Ora si vestono tutti allo stesso modo (…) Tende ad esserci un’omologazione che riguarda fasi diverse.” Questo è l’altro tema centrale affrontato da Ammaniti nel suo saggioL’omologazione è divenuta ormai l’unica forma di risposta all’inquietudine che comporta la progressiva conoscenza di se stessi. La società si sta evolvendo e quelle strutture di pensiero che hanno da sempre promosso la formazione di una coscienza di sé stanno scomparendo. Rousseau, nel porre un problema di identità, avrebbe tirato in ballo le piccole patrie ed i costumi connessi ad esse. Avrebbe posto quella vicinanza fisica e mentale che accomuna chi abita lo stesso luogo come valore per il formarsi di una coscienza identitaria. Machiavelli avrebbe parlato parimenti della patria ed avrebbe aggiunto la religione come momento di coesione sociale capace di orientare la nostra direzione nel mondo. Concezioni forse troppo lontane dal nostro tempo, dove termini come patria e religione sembrano anacronismi.

IL VALORE DELLA DIFFERENZA

Una risposta alla tendenza omologante della nostra società potremmo trovarla negli scritti di Feuerbach. Sebbene “l’allievo” di Hegel abbia vissuto in un’epoca ancora estranea a queste prospettive di massificazione del desiderio e del gusto, la sua teoria può ugualmente fornire ottimi spunti di considerazione sui quali strutturare nuove idee. Sostenitore di un’eguaglianza ontologica degli uomini, in quanto ogni uomo è un momento di un principio comune a tutti, ovvero il genere umanoFeuerbach definisce, molto hegelianamente, un piano di acquisizione dell’identità sulla base del differenziarsi. Infatti egli sostiene che si sviluppa una propria identità in quanto ci si differenzia da ciò che è altro da noi stessi. Io posso dunque essere in identità con me stesso solo nella misura in cui mi differenzio da tutto ciò che non sono io. Ed è proprio il determinarsi di pluralità differenziate a fornire una propria identità ad ognuno e a manifestare ogni possibilità di ciò che ci accomuna in quanto siamo tutti esseri umani.

 Dario Montano

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37623

TOTALE VISITE

55298

Dati aggiornati

al 17-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza