IL WEB SCATENA IL NARCISISMO (Cufrad.it)

IL WEB SCATENA IL NARCISISMO: LO DICONO GLI ESPERTI
GLI STUDIOSI LANCIANO L’ALLARME: STARE TROPPO ONLINE PUÒ COMPORTARE L’AUMENTO DI DIVERSE PATOLOGIE.
Secondo gli psicoanalisti, stare costantemente connessi online mette in crisi il nostro modo di essere. Vivere in un contesto in cui il virtuale prevale sull’aspetto reale, infatti, induce a focalizzare l’attenzione e l’interesse prevalentemente su sé stessi, facendoci perdere interesse per ciò che ci sta intorno e nel mondo reale.

Sarebbe questo il monito lanciato dagli esperti di neuroscienze e psicoanalisti che si sono incontrati a Roma in occasione convegno “Exploring the Self”.

La conseguenza di questo comportamento è un progressivo aumento delle patologie collegate al narcisismo, come la dipendenza da web, nei casi in cui questa arriva a generare problematiche nei confronti dell'interazione con il mondo esterno.

Secondo Claudia Spadazzi, psicoanalista della Società psicoanalitica italiana, anche il ricorso eccessivo ai selfie o un utilizzo anomalo dei social network sarebbero collegati alle patologie narcisistiche. Comportamenti che sussistono per procurarsi like e per mostrarsi, ma che sono sostanzialmente privi di interesse per il mondo esterno.

Le patologie narcisistiche riguarderebbero prevalentemente i più giovani, che risultano avere un grande Ego. Il professor Georg Northoff dell'Università di Ottawa a tal proposito spiega che chi è affetto da queste patologie non risponde correttamente agli stimoli esterni, per capacità ridotta di integrare informazioni esterne e interne.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.105.net/…/il-web-scatena-il-narcisismo-lo-dicon…

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------