NUOVO VIDEOGAME E IL PERICOLO DELLA CANNABIS LIGHT (Cufrad.it)

Si chiama Avakin Life, è il nuovo video game online che sta spopolando tra i giovani. Riprende quanto visto anni fa in “Second Life” e “The Sims”, dove i giocatori possono crearsi una vita parallela, virtuale, dove tutto è mediamente concesso (GUARDA SERVIZIO TV). Fin qui nulla di strano. L’inghippo nasce quando in questo nuovo fenomeno in voga tra gli adolescenti, 13, 14 anni, compare chi, con messaggi per nulla sibillini, invita i giocatori a consumare la cannabis light. Lo ha fatto un commerciante di Roma, che ha un negozio che vende questi prodotti e su Avakin Life ha provato a far abboccare numerosi ragazzini, tra cui anche molti veronesi.

"Ci siamo preoccupati al punto tale - ha spiegato il direttore del dipartimento dipendenze dell'Ulss 9, Giovanni Serpelloni - che abbiamo fatto una segnalazione ai nas di Roma per dire che c'è questo gioco che può indurre, soprattutto dei minori, all'uso di cannabis. Tutto ciò, violando gli articoli 82 e 84 della legge sulla droga, che dicono che non si può fare pubblicità indiretta e nemmeno proselitismo".

La propaganda sull’utilizzo della cannabis light, veicolata su Avakin Life, riaccende l’attenzione su questa sostanza i cui effetti sembrano a livello superficiale non essere rilevanti, ma che in realtà, possono causare non pochi problemi. Perché, se lavorata, anche la cannabis light può dare effetti potenti sui giovani.

"La cannabis light - continua Serpelloni - non è un gioco e può essere potenzialmente pericolosa. Abbiamo dimostrato scientificamente che si può estrarre il principio attivo, ossia il thc, raggiungendo delle dosi droganti. Siamo riusciti a ricavare quattordici milligrammi di principio attivo, quando la dose minima drogante e di quatto milligrammi. Quello che ci preoccupa maggiormente è la pubblicità che viene fatta, anche lungo le strade di Verona e che porta ad avere una percezione del rischio ridotta nei ragazzi.

Insomma, la semplificazione per cui, se vicino alla parola cannabis viene messa la parola light, questa sostanza non sia pericolosa sta fuoviando i ragazzi, che fanno poca distinzione tra la maria leggera e quella illegale. Ma questa, dicono gli esperti, è solo un piccolo segnale di quella che potrebbe diventare a tutti gli effetti un’emergenza.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.tgverona.it/pages/787607/attualita/videogame_e_il_pericolo_della_cannabis_light.html

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

134.784

Dati aggiornati al 17-8-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

GUARIRE SI PUÒ

Persone e disturbo mentale

 

di Izabel Marin e Silva Bon

D. Borca (Curatore)

Edizioni Alpha & Beta, 2012

 

Frutto di riflessione individuale e collettiva, questo libro conclude il lavoro di una ricerca avviata all’interno di un Centro di salute mentale di Trieste. Il confronto tra persone con esperienza e operatori dei servizi ha approfondito la riflessione intorno al disturbo mentale, alla sua natura, ai modi singolari di affrontarlo e alle possibilità di guarigione.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------