7 MINUTI. Rassegna cinematografica “Cinema insieme” (Comunicato stampa MenteInPace)

Comunicato stampa

 

 

Venerdì 15 marzo, presso la Casa del Quartiere Donatello, ore 21.00, è in programma il secondo film della rassegna cinematografica “Cinema insieme” proposta da MenteInPace, Centro Diurno S.S.Mentale, Casa del Quartiere Donatello, Comune di Cuneo, Cooperative Sociali Momo, Proposta 80 e Colibrì, ACLI, le Associazioni Amnesty International, Se non ora quando?, Arci Gay, con il sostegno di Fondazione CRC e CSV Società Solidale, all’interno del progetto “Ancora Insieme”.
Accanto a iniziative ( Laboratorio di fotografia, Laboratorio di cucina, Uscite del sabato per visite a musei e luoghi di arte, Karaoke) che coinvolgono persone in cura presso il Servizio di Salute Mentale, quest’anno parliamo di vite in bilico, rapporti in continua tensione tra necessità di certezze e bisogni di cambiamento. Storie che si raccontano, attraverso le immagini, per ricordarci la complessità della vita.
Sarà proposto “7 minuti” di Michele Placido, con Ambra Angioini, Cristiana Capotondi, Fiorella Mannoia, Violante Placido, Ottavia Piccolo. Film del 2016 che tratta la vicenda di un'azienda tessile italiana acquistata da una multinazionale. Non sono previsti licenziamenti, ma c'è una piccola clausola nell'accordo che la nuova proprietà vuole far firmare al Consiglio di fabbrica. Undici donne dovranno decidere per sé e in rappresentanza di tutta la fabbrica, se accettare la richiesta. A poco a poco il dibattito si accende, ad emergere prima del voto finale saranno le loro storie, fatte di speranza e ricordi. Un caleidoscopio di vite diversissime e pulsanti, vite di donne, madri, figlie. Da una storia vera.

Per le tematiche affrontate, strettamente legate alla condizione femminile, il film fa parte di “8 marzo e dintorni”, che comprende varie iniziative coordinate dall’Assessorato alle pari opportunità del Comune di Cuneo. 


Appuntamento quindi

 

VENERDI' 15 MARZO ore 21.00,

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

 

come sempre, ad ingresso gratuito.

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30084

TOTALE VISITE

45592

Dati aggiornati

al 19-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?