SALUTE MENTALE: A RISCHIO I GIOVANISSIMI (quotidianosanita.it)

Salute mentale.Confronto a Napoli tra Psichiatri e Regioni: 

“A rischio i giovanissimi tra abuso di sostanze e stress da social network”

 

 

"Abuso di alcol e droghe, stress da social network, ma anche un uso di internet distorto. Sono questi alcuni dei fattori alla base dell’insorgenza di patologie psichiatriche sempre più diffuse tra i giovanissimi”. Di questo e molto altro si è discusso stamane a Palazzo Armieri a quasi due anni dalla presentazione della 'Carta della Salute Mentale'.

 

 

"Abuso di alcol e droghe, stress da social network, ma anche un uso di internet distorto. Sono questi alcuni dei fattori che si stanno innestando nell’insorgenza di patologie psichiatriche sempre più diffuse tra i giovanissimi e non solo. Di questo e molto altro si è discusso stamane a Palazzo Armieri a quasi due anni dalla presentazione alle Istituzioni nazionali della 'Carta della Salute Mentale' messa a punto dalla Società italiana di psichiatria (Sip), in collaborazione con la Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie (Sifo), il Coordinamento toscano delle associazioni per la salute mentale e la Fondazione progetto Itaca onlus". È quanto si legge in una nota della Società italiana di psichiatria.

Anche se i dati disponibili sono pochi e frammentati, dipingono uno scenario allarmante. Nella sola città di Napoli gli esperti stimano 15mila persone con disturbi psichici in cura ai servizi di salute mentale. Un numero enorme e in costante aumento e ciò che lascia molto perplessi è anche l’altissima percentuale di minori (quasi il 12% di questi 15mila) che manifesta disturbi psichici. In più c’è il 'sommerso', ragazzi che non arrivano alle cure, e tutti i giovani che ogni anno finiscono in pronto soccorso per disturbi psichici collegati all’abuso di droghe o di alcol".


"Stiamo lavorando con varie Istituzioni per aggregare i dati - spiega il segretario regionale della Sip Andrea Fiorillo -. Purtroppo i giovani non afferiscono ai Servizi di Salute Mentale, eppure oggi il problema di nuove sostanze psicoattive è molto concreto. In questo senso la rete, che di per sé è uno strumento potentissimo, diviene un luogo di pericolo. Una realtà molto complessa per i ragazzi, che vengono schiacciati dalla pressione dei social, dei like".
 
Fiorillo mette poi in guardia dai pericoli 'virtuali'. "Stando a contatto con i ragazzi si può scoprire che esiste un mondo nel quale, ad esempio, chi soffre di forme gravi di depressione può trovare veri e propri tutorial per il suicidio. O chi ha una dipendenza può individuare 'trucchi' per eludere i controlli e non dare troppo nell’occhio. Alla base di queste situazioni ci sono spesso contesti familiari disgregati, nuclei nei quali manca una comunicazione tra genitori e figli".

Fortunatamente la situazione campana ha molti punti di merito. "La Carta della Salute Mentale - conclude Fiorillo - è stata presentata lo scorso anno e la nostra Regione è stata tra le prime a metterla in pratica. Bisogna anche ricordare che la Campania è stata tra le prime a istituire una rete per i disturbi del comportamento alimentare, che è una vera e propria epidemia, e il centro Vanvitelli ha il ruolo di effettuare un coordinamento tutte le Asl della Campania e anche l’università di Salerno.

Per quel che riguarda la Carta della Salute Mentale, sono 12 punti che prevedono un coinvolgimento massiccio non solo degli psichiatri, ma anche delle altre Istituzioni. In Campania, tra i vari soggetti coinvolti c’è Itaca onlus, che sta lavorando molto bene".

"A gennaio il ministero della Salute ha istituito un tavolo dedicato a questa tematica alla quale anche la Sip è stata invitata a far parte. Già nel 2017 - spiega Enrico Zanalda, presidente della Sip - avevamo le idee chiare: il nostro obiettivo era sensibilizzare le Istituzioni sull’emergenza rappresentata dalle malattie psichiatriche e lo abbiamo fatto mettendo a punto la Carta della Salute Mentale, che è stata presa in considerazione nel modo corretto".

Anche Zanalda mette in luce i problemi legati alla disgregazione dei nuclei famigliari e l’allarme che riguarda i giovanissimi. "I problemi sono molti, abbiamo da un lato nuove sostanze che vengono commercializzate attraverso il web e sono di facile accesso. D’altro canto abbiamo sostanze che un tempo venivano considerate 'droghe leggere' che oggi vengono sintetizzate con quantità di THC molto più elevate di un tempo. Sono droghe tutt’altro che leggere che possono creare grossi danni".

"La Carta della Salute Mentale è figlia di due risoluzioni dell’Oms, che ha predisposto un piano d’azione globale per la salute mentale 2013-2020.
Obiettivo: sollecitare gli stati membri ad adottarlo, a intraprendere le dovute azioni programmatiche e a stanziare le necessarie risorse. Seguendo queste linee- prosegue la nota -, la Carta riassume le priorità di intervento per migliorare la presa in carico e l’assistenza dei pazienti affetti da disturbi mentali in Italia.
 
Tre le macroaree sulle quali lavorare: miglioramento della qualità della vita dei pazienti e dei familiari attraverso nuovi approcci terapeutici, sviluppo di politiche integrate per il recupero del paziente psichiatrico e ripensamento organizzativo, strutturale e funzionale dell’area salute mentale all’interno dei sistemi socio-sanitari regionali.

Ma come funzionano oggi i centri di salute mentale? Giulio Corrivetti, segretario regionale e consigliere nazionale Sip, spiega che "sono aperti 12 ore, con una condizione di accoglienza che non va a prenotazioni, ma a priorità di intervento per i pazienti che hanno più forti esigenze di cura. I centri di salute mentale hanno la caratteristica di programmare, gestire e governare (con una regia centrale) l’erogazione dei trattamenti per le persone che hanno un’esigenza di cura".

"Su questi temi, sugli obiettivi raggiunti in ogni regione e sulle criticità da portare all’attenzione del tavolo ministeriale si è tenuto il confronto partenopeo degli esperti, con la partecipazione dei referenti Sip delle regioni Campania, Sardegna, Piemonte, Lazio, Puglia, Sicilia ed Emilia-Romagna.
 
Uno dei problemi da affrontare è la carenza di psichiatri che mette a rischio le prestazioni rese dal servizio pubblico. Il tema nasce sia dall’aumento esponenziale della depressione anche nei più giovani, sia dal nuovo carico assistenziale per i servizi determinato dalla chiusura degli ospedali giudiziari e dall’incremento delle richieste di un’utenza con disturbi che richiedono competenze specifiche come i disturbi gravi di personalità, del comportamento alimentare, le doppie diagnosi da nuove dipendenze, l’autismo dell’adulto e così via.

I dati nazionali mettono in luce un fenomeno inquietante: il 20% delle persone soffre almeno per un certo periodo di un disturbo mentale per cui in quest’ambito più si acquisiscono competenze di diagnosi e cura e più aumentano le persone o i familiari degli stessi che chiedono di intervenire. Dai dati del sistema informatico salute mentale risultano in carico ai servizi ogni anno oltre 800.000 pazienti in tutta Italia. Di questi oltre 350.000 si rivolgono per la prima volta al servizio nell’anno per cui hanno degli interventi limitati nel tempo per cui su due anni possiamo considerare che vengono assistiti dai nostri servizi pubblici un milione e mezzo di cittadini.
 
In quest’ambito si ritiene che solo una minoranza di soggetti con disagio psichico e soprattutto quelli più gravi vengono intercettati dai Dipartimenti di salute mentale delle Asl. Questo per dare l’idea della rilevanza del problema e dell’impatto che la salute mentale ha sulla salute della popolazione in generale.

Il Tavolo di lavoro voluto dal ministro Giulia Grillo, che avrà durata triennale, prevede un confronto con i principali 'attori' del processo di cura in salute mentale finalizzato all’individuazione di quegli interventi destinati a migliorare la prevenzione, la cura e la riabilitazione dei soggetti portatori di disagio psichico".
 
“Accogliamo con grande favore la decisione del Ministero della Salute - continua Zanalda - di ascoltare diverse esperienze regionali e le molteplici figure professionali coinvolte nell’assistenza di queste patologie - non solo psichiatri, ma anche infermieri, psicologi, epidemiologi, associazioni di famigliari e utenti. Questo consentirà di migliorare la qualità della presa in carico a livello territoriale. Desideriamo infatti un’assistenza equa ed omogenea su tutto il territorio nazionale. In questa prospettiva, siamo qui oggi riuniti con l’obiettivo di individuare quelle priorità di ciascuna Regione che potranno essere oggetto di discussione in seno al tavolo tecnico".

"Tra i compiti del tavolo ministeriale ci sarà anche quello di approfondire l’esistenza di eventuali criticità riscontrate nell’offerta territoriale, elaborando proposte per il loro superamento, e per l’ottimizzazione e il potenziamento della rete dei servizi".
 
"In particolare, lavoreremo per verificare lo stato di implementazione delle linee guida, verificheremo l’appropriatezza dei percorsi terapeutici di diagnosi e cura, analizzeremo le criticità a livello territoriale - continua Giulio Corrivetti, Direttore del Dipartimento Salute mentale Asl Salerno - e ci confronteremo per trovare una soluzione. Ultimo, ma non meno importante, proporremo azioni operative e normative per favorire l’attuazione di modelli
riabilitativi maggiormente adeguati".

"Fondamentale sarà poi identificare azioni operative e normative che favoriscano l’attuazione dei più appropriati modelli di intervento per la diagnosi, la cura e la riabilitazione psicosociale dei portatori di disagio psichico. Poter offrire un servizio omogeneo significa molto anche in termini di prevenzione -conclude Corrivetti - perché una diagnosi tardiva comporta la cronicizzazione del disturbo psichiatrico con gravi conseguenze per il paziente, la famiglia ed anche un rilevante impatto economico per il Servizio sanitario nazionale».

 

 

 

tratto da quotidianosanità.it

http://www.quotidianosanita.it/regioni-e-asl/articolo.php?articolo_id=71989&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:42342

 

TOTALE VISITE: 61718

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni36

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:53

 

Dati aggiornati

al 10-12-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie Francois Delatour

 

Alimentazione e salute mentale

 

Pendragon.Edizioni

 

dalla Newsletter n.623 di PSICORADIO

 

In questa puntata parliamo dei corpi delle persone con un disturbo psichico; quel corpo che è quasi un rimosso, quando si parla di salute mentale. Corpi che troppo spesso sono vittima degli effetti collaterali di psicofarmaci e di cattivi stili di vita di cui ci si occupa troppo poco, come fossero conseguenze inevitabili del disturbo psichico.

Un esempio: alcuni psicofarmaci provocano un forte acquisto di peso, anche 10 o 20 chili, che in breve tempo trasforma il corpo.

Marie Francois Delatour , presidente del CUFO (Comitato Utenti, Familiari e Operatori), che riunisce 34 associazione della salute mentale, insieme alla nutrizionista Anna di Muzio , ha scritto un libro dal titolo “ Alimentazione e salute mentale ”, edito da Pendragon.

“ Lo spunto principale del libro è stata proprio la preoccupazione dei familiari e dei pazienti rispetto agli effetti collaterali di molti psicofarmaci. - racconta Delatour - Da qui nel 2015 è partito un percorso con l’Azienda USL di Bologna, per migliorare il benessere fisico delle persone con disagio psichico, attraverso piani alimentari, diete personalizzate, attività fisica e un continuo monitoraggio degli obiettivi raggiunti dai singoli pazienti.

I risultati sono stati subito evidenti: riduzione del peso, migliore qualità del sonno, un’attività intestinale più regolare e in alcuni casi anche una riduzione delle quantità di farmaci assunti ”. Il programma ha coinvolto famiglie, utenti accolti in gruppi appartamento o in altre strutture residenziali; molti all’inizio del progetto non cucinavano mai in casa e spesso non sapevano realizzare neanche le ricette più semplici. Poi “ hanno scoperto il piacere di cucinare insieme e anche della convivialità della tavola. Il cibo è diventato lo strumento per stare con gli altri”.

“ Alimentazione e salute mentale” non insegna solo a mangiare meglio : una parte del libro è dedicata a teorie di cui oggi si sente parlare sempre più spesso, che collegano alcuni disturbi mentali con il sistema immunitario, lo stato di alcuni organi, primo tra tutti l’intestino, ed i livelli di infiammazione presenti nel corpo. Per esempio, viene ricordata la recente traduzione di un libro di Edward Bullmore - neuropsichiatra, neuroscienziato e dal 1999 professore di psichiatria all'università di Cambridge: La mente in fiamme – un nuovo approccio alla depressione , (Bollati-Boringhieri). Il testo inizia con spiegazioni sul funzionamento del sistema immunitario e con risultati di studi secondo i quali l’infiammazione del corpo puo’ rientrare tra le cause della depressione (per chi vuole approfondire ) .
Secondo questo approccio, curare un disturbo psichico non vuol dire solo attenuarne i sintomi, ma prendersi cura del paziente nel suo complesso, corpo e mente - che non sono ambiti così separati.

 

 

clicca sulla scheda del libro: 

http://www.pendragon.it/libro.do?id=2849

 

Turismo
in Langa

 

Regala un’emozione… nelle Langhe

In occasione del Natale 2019, l’Associazione Turismo in Langa vi propone alcune idee regalo nella meravigliosa cornice delle Langhe e del Roero.

clicca su http://www.turismoinlanga.it/it/regala-unemozione-nelle-langhe/

PANETTONE GELATO

 

Ogni anno a Natale il panettone non può mancare sulla tua tavola, ma quest’anno vorresti cambiare un po’? Eccovi accontentati! Questa è una soluzione velocissima per creare un dessert al cucchiaio goloso e gradito da tutti, a partire da un panettone classico. Ti mostro come preparare il panettone gelato, questa volta farcito con gelato alla stracciatella, ma puoi sbizzarrirti secondo i tuoi gusti, con gelato dai gusti cremosi o alla frutta, oppure utilizzare un panettone al cioccolato, o ancora, un panettone classico all’uvetta, senza canditi, e arricchito con gocce di cioccolato. 

 

Per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/panettone-gelato/