UN'APP GRATUITA PER L'ADERENZA TERAPEUTICA (Caterina Canale)

Al giorno d’oggi parlare di Disturbo Bipolare risulta di fondamentale importanza.

Molto spesso quando questa malattia viene menzionata la società cataloga le persone come pazze o violente. Spesso vengono loro dette frasi del tipo “Guarda che è tutto nella tua mente”, “Hai bisogno di uscire di più”, “Sei solo alla ricerca di attenzioni”.

Avere un disturbo mentale, sia esso Disturbo Bipolare, depressione o altro, è estremamente debilitante, soprattutto in mancanza del corretto trattamento e della terapia adeguata. Ed il fatto che la maggior parte della societá semplicemente non capisca come ci si senta ad avere un disturbo di questo tipo, rende le cose peggiori, minimizzando e svilendo o addirittura deridendo la condizione in cui queste persone si trovano.

La Giornata Mondiale del Disturbo Bipolare è stata pensata appunto per aumentare la consapevolezza ed eliminare lo stigma sociale a cui il Disturbo Bipolare è associato.

Ciò che per molte persone risulta difficile da comprendere è che il Disturbo Bipolare è più di “semplici sbalzi d’umore”. Coloro che convivono con questa malattia soffrono di episodi depressivi o maniacali incontrollabili, cosa che spesso li porta a tentare il suicidio in quanto non sono in grado di gestire e far fronte alla malattia.

In molti casi questo disturbo riceve una diagnosi errata, molto spesso viene infatti confuse con la Sindrome del deficit di Attenzione (ADHD).

Esistono due tipi di Disturbo Bipolare:

- Tipo 1: caratterizzato da gravi episodi maniacali e depressivi

- Tipo 2: caratterizzato da episodi depressivi e forme maniacali meno gravi chiamate Ipomanie

Come altre malattie, il Disturbo Bipolare richiede un trattamento continuativo e costante nel tempo. Il disturbo può essere controllato tramite l’utilizzo dei farmaci corretti.

La cosa più importante è che le persone affette da Disturbo Bipolare non abbandonino il trattamento, non importa quanto bene si stiano sentendo in quel momento. Nella maggior parte dei casi la terapia dura tutta la vita, e quando i medicinali vengono accompagnati da attività e stile di vita corretti, l’individuo può vivere una vita sana e piena.

Chi vive con questo disturbo necessita tutto l’aiuto, il supporto e l’incoraggiamento possibile, per questo è importante che il team di medici lavori congiuntamente seguendo il paziente da vicino, spiegandogli che cosa significa essere bipolare e come i farmaci lo possono aiutare. Le persone con Disturbo Bipolare hanno bisogno di empatia e di essere incoraggiate a cercare un trattamento adeguato. La famiglia e le persone care sono essenziali in questo processo.

Il fattore che risulta più efficace in caso di Disturbo Bipolare sono proprio i farmaci, per questo l’aderenza terapeutica del paziente è di fondamentale importanza. I medicinali per il Disturbo Bipolare funzionano, ma solo se presi correttamente e responsabilmente.

Potrebbe sembrare irrilevante, ma avere un promemoria o una sveglia che ricordi alla persona di prendere i suoi medicinali può fornire un grande supporto nella gestione della malattia. La diffusione delle applicazioni relative alla salute da scaricare sul proprio telefono dà la possibilità a tutti di far fronte alla malattia.

Mentre una semplice sveglia potrebbe trarre in inganno, un’app promemoria farmaci per lo Smartphone come MyTherapy, é affidabile e mette a disposizione funzioni tra le quali:

monitor dei sintomi e dell’umore, che può aiutare coloro che convivono con Disturbo Bipolare a capire se i farmaci stanno avendo effetto. Per quanto riguarda il monitoraggio dei farmaci, basta semplicemente inserire i dati richiesti (es. nome del farmaco) e l’app continuerà a ricordare all’utente di assumere il medicinale.

Inoltre, l’app é progettata per regimi terapeutici complessi, utile per chi ha una terapia caratterizzata da diversi farmaci e dosaggi.

La sensibilizzazione sul Disturbo Bipolare é importante in particolare per porre fine agli stereotipi nei confronti delle persone affette da questa malattia e soprattutto per riuscire a fornire loro un supporto e delle cure adeguate, incoraggiandoli a cercare una cura e a non arrendersi alla malattia.

Se tu o qualcuno che conosci necessita uno strumento che lo supporti nell’aderenza alle terapie, MyTherapy è disponibile gratuitamente per Android e Apple.

 

Per approfondimenti 

https://itunes.apple.com/it/app/mytherapy-meds-pill-reminder/id662170995?mt=8

https://play.google.com/store/apps/details?id=eu.smartpatient.mytherapy&referrer=utm_source%3Dwebsite-it&hl=it 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37894

TOTALE VISITE

55652

Dati aggiornati

al 22-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Vittorino Andreoli

LA GIOIA DI VIVERE

A piccoli passi verso la saggezza

 

Rizzoli Editore

283 pagg. € 12,00

 

https://www.rizzolilibri.it/libri/la-gioia-di-vivere-3/

 

Di fronte allo scorrere del tempo e alle difficoltà la maggior parte di noi si lascia schiacciare dalla “fatica di vivere”: siamo sempre in azione e mai soddisfatti, continuamente spinti – e insieme sopraffatti – dalle ambizioni, dalle circostanze, dalle paure. C’è però chi, al contrario, sa reagire anche nei momenti più complicati, confrontandosi con ciò che l’esistenza dona e trovando l’equilibrio che porta alla “gioia di vivere”. Proprio questa “gioia di vivere” è al centro del libro di Andreoli, che qui delinea un percorso per aiutarci a sviluppare la capacità, che tutti abbiamo dentro, di passare dalla dimensione dell’“io” a quella del “noi”, di coltivare i nostri legami e guardare in faccia il presente, liberandoci dai desideri irrealizzabili che rimandano sempre la gioia al futuro e dai rimpianti che ci respingono nel passato. Perché la scelta tra vivere male e vivere bene è nelle nostre mani e, se lo vogliamo, è possibile imparare a godere in tutta la sua pienezza di ciò che accade dentro e fuori di noi.

 

Note sull'Autore

Vittorino Andreoli, psichiatra di fama mondiale, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona - Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. Tra le sue ultime opere pubblicate in BUR: Le nostre paure (2011), Elogio dell’errore (2012, con Giancarlo Provasi), Il denaro in testa (2012). Con Rizzoli ha pubblicato decine di saggi. Tra gli ultimi compare L'educazione (im)possibile (2014).