ABUSO INFANTILE E DEPRESSIONE (Tamara Mathias)

Abuso infantile e depressione, cambiamenti simili nel cervello

 

(Reuters Health) – L’abuso durante l’infanzia può causare cambiamenti anatomici nel cervello, che a loro volta possono rendere gli adulti più vulnerabili alla depressione.
È quanto emerge da uno studio tedesco che ha valutato oltre 100 pazienti di età compresa tra i 18 e i 60 anni.

“Per molto tempo si è pensato che il trauma infantile fosse un importante fattore di rischio per lo sviluppo della depressione e che fosse associato a cambiamenti nel cervello – ricorda l’autore, Nils Opel dell’Università di Münster – Quello che abbiamo fatto è stato mostrare che effettivamente le alterazioni nel cervello sono direttamente collegate al risultato clinico. Questa è la novità”.

Lo studio
Lo studio osservazionale di due anni ha visto coinvolti 110 pazienti di età compresa tra i 18 e i 60 anni, che sono stati ricoverati in ospedale a seguito di una diagnosi di depressione maggiore.

All’inizio, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica del cervello e hanno risposto a un questionario che ha valutato il livello di maltrattamento vissuto da bambini.Nei due anni successivi, oltre due terzi dei partecipanti ha avuto una ricaduta.

Le scansioni del cervello hanno mostrato che l’abuso durante l’infanzia e la depressione ricorrente erano collegati a riduzioni simili nella superficie della corteccia insulare, una parte del cervello che si ritiene contribuisca a regolare le emozioni e l’auto-consapevolezza.

“Penso che l’implicazione più importante del nostro studio sia che possiamo dimostrare che i pazienti traumatizzati differiscono da quelli non traumatizzati in un modo che li espone a un maggior rischio di depressione ricorrente. I pazienti traumatizzati differiscono inoltre in termini di struttura cerebrale e neurobiologia”, aggiunge Opel.

I commenti
Non è chiaro, tuttavia, se i risultati alla fine porteranno a nuovi approcci terapeutici.
Lo psichiatra infantile e dell’adolescenza Morris Zwi, recentemente ritiratosi dal The Whittington Health NHS Trust di Londra, ha detto che i risultati dello studio forniscono comunque un punto di partenza per ulteriori ricerche.

“In questo momento c’è un grande interesse per la plasticità del cervello, cioè la possibilità per le cellule cerebrali di rigenerarsi o modificarsi per soddisfare i bisogni del cervello – ha ricordato Zwi, non coinvolto nello studio – Questo è il motivo per cui è importante sapere se i cambiamenti osservati in associazione a trauma e depressione sono transitori o permanenti, cosa che questo studio non può mostrare”.

Secondo Zwi terapia o farmaci che intervengono sulle modifiche alla struttura del cervello potrebbero dare qualche chance a questi pazienti. Opel vede anche del potenziale nel trattamento su misura per i singoli pazienti sulla base delle informazioni ottenute dalle scansioni cerebrali.
“Sarebbe fantastico se in futuro potessimo utilizzare questi dati per prevedere quale paziente potrebbe aver bisogno di cure intensive o specializzate e poi proporre approcci terapeutici personalizzati”, ha concluso.

 

 

Fonte: The Lancet Psychiatry
Tamara Mathias
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

http://www.popsci.it/abuso-infantile-e-depressione-cambiame…

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------