Come far tacere il proprio grillo parlante ipercritico (Massimo Lattes)

Ma perché la maggior parte dei nostri dialoghi interiori sono negativi? Quali conseguenze portano questi pensieri negativi? Come riuscire a farli smettere?

Tutti abbiamo il nostro personale grillo parlante interiore che continua a sussurrarci nell’orecchio:

Non sei proprio all’altezza di questo. Non riuscirai mai e poi mai a fare quest’altro. Sbagli sempre. Non ne fai mai una giusta. Lui è più intelligente di te. Tu non vali nulla etc. etc.”

In alcuni casi il nostro grillo parlante è utile perché ci sprona a migliorare per raggiungere obiettivi professionali e personali che altrimenti non otterremo ma ahimè spesso e volentieri ci fa solo del male soprattutto quando il nostro grillo parlante è un “insettino” catastrofico e fastidioso. Una maniera per zittirlo potrebbe essere la meditazione vedi articolo.

Una ricerca presso l’Universidad Autónoma de Madrid ha infatti evidenziato come questo dialogo interiore negativo sia altamente dannoso per la nostra salute dal momento che va ad aumentare a dismisura il nostro livello di stress come anche ad abbassare la nostra autostima sabotando quindi l’intera nostra vita. Parte di questo esagerato senso autocritico ahimè è dovuto alla società di oggi che ci vuole sempre al meglio in tutto quello che facciamo vedi articolo. Ma ecco nel dettaglio quali danni – definiti dai ricercatori madrileni – producono i pensieri negativi che ci facciamo da appena svegli al mattino fino a quando ci addormentiamo alla sera:

  • Limitano la nostra vita perché più pensiamo che non riusciamo a fare qualcosa e meno riusciremo a farla per davvero; questo anche perché non saremo più in grado di cogliere le opportunità quando ci si presenteranno.
  • Ci portano ad essere dei perfezionisti e quindi a tirarci sempre indietro ogni qualvolta ci si presenterà l’occasione dal momento che non ci sentiremo mai all’altezza.
  • Causeranno depressione cronica perché ogni giorno ci sentiremo inadeguati per tutto.
  • Isolamento sociale perché questo esagerato auto criticismo ci farà percepire dagli altri come insicuri e bisognosi e li annoierà a tal punto da farli allontanare da noi e l’isolamento sociale creerà a sua volta depressione e così via in un crescendo negativo vedi articolo.

Al contrario un equilibrato dialogo interiore positivo e costruttivo non farà altro che migliorarci come persone portandoci al successo vedi libro Physiology of Sport and Exercise. I due autori Jack H. Wilmore e David L. Costill, docenti presso la Ball State University di Muncie nell’Indiana, hanno infatti confrontato 4 diversi tipi di dialogo interiore di alcuni atleti prima di una gara ed hanno appurato che quegli atleti che avevano avuto un dialogo interiore positivo erano stati i medesimi che avevano ottenuto le prestazioni migliori. Volete sapere come vincere ogni gara? Leggete l’articolo.

Ok abbiamo constatato come auto criticarsi non porti da nessuna parte, anzi ci rovini solo l’esistenza, ma allora come riuscire a mandare in vacanza questo nostro grillo parlante “ipercriticone” affinché smetta di perseguitarci?

Ecco quello che suggeriscono alcuni ricercatori della Liverpool John Moores University:

  1. Cambiare le parole che usiamo nei nostri dialoghi interiori. Sostituire cioè le parole molto negative con altre più neutrali ad esempio invece di usare: “Io odio la pioggia perché mi rende nervoso” molto meglio usare: “A me non piace la pioggia perché mi annoia molto”. Ecco in questo articolo come motivarsi con tre semplici parole.
  2. Sostituire le affermazioni negative con domande. Affermazioni autolimitanti come: “Non sono in grado di farlo” oppure “Questo è impossibile” od ancora “Non ho le competenze”sono dannose perché ci bloccano in uno stallo irremovibile; meglio invece pensare: “Come posso risolvere questa cosa? Come è possibile fare quest’altra? A chi posso chiedere affinché mi spieghi come sistemare questo problema?”.
  3. Parlare a sé stessi come ad un amico. Ci raccontiamo cose orribili che mai e poi mai diremmo ad un amico. Ecco perché la prossima volta che dobbiamo dirci qualcosa di negativo diciamocela come se dovessimo dirla ad un amico.
  4. Cambiare la prospettiva temporale. Quando un problema ci affligge ci mettiamo molta enfasi perché lo vediamo come irrisolvibile ma cosa succederebbe se provassimo a cambiare prospettiva temporale? Ad esempio tra 1 o 5 anni questo problema ci farà ancora così paura? 9 su 10 lo avremmo dimenticato.
  5. Ripeterlo ad alta voce. Si avete capito bene quando un problema vi perseguita potete urlarlo e vedrete che dopo vi sentirete moooolto meglio perché più rincuorati (ovviamente fatelo quando siete da soli altrimenti potreste venir scambiati per degli indemoniati 🙂 ).
  6. Sostituire i brutti pensieri con altri belli. Ogni qualvolta abbiamo un brutto pensiero sostituiamolo subito con uno bello ed incoraggiante – tutti abbiamo dei bei ricordi -. Ma dovete essere costanti nel farlo altrimenti non avrà effetto.

La cosa più importante però è sapersi accettare per quello che si è, come farlo? Beh basta leggere questo articolo.

Massimo Lattes

 

tratto da AudiMente

https://www.audimente.it/2019/04/26/come-far-tacere-il-proprio-grillo-parlante-ipercritico/

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.072

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 26-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI