Depressione e ansia: come il nostro modo di pensare mantiene il problema (Nicoletta Savoye)

Lo sapevi che le emozioni che vivi dipendono dal modo in cui tu pensi?
Durante il lavoro da terapeuta, una buona parte del trattamento è mirato ad insegnare alle persone a gestire i propri pensieri.

In linea di massima si procede in questa maniera:
nel primo step si aiuta il paziente a rendersi conto che sta pensando, sembra banale, ma succede che tante volte noi ci parliamo e non ce ne rendiamo conto; successivamente si insegna ad individuare che tipo di pensiero ha, faccio un esempio, se una persona possiede pensieri depressivi, questi sono centrati sul senso di colpa, sull’impossibilità di vedere un futuro per sé e per gli altri, se invece uno formula pensieri ansiogeni, questi sono generalmente catastrofici. Infine, attraverso procedure specifiche, insegno al paziente a trasformare un pensiero doloroso in uno più funzionale ed equilibrato.

Lo psichiatra americano A. Beck ha individuato diversi modi di ragionare, modi che lui chiama “distorsioni cognitive”, ma che possono venire chiamati anche “virus mentali”, quest’ultimo rende meglio l’idea dell’importanza di liberarci dal modo di pensare sbagliato.
Gli errori di ragionamento si formano durante l’infanzia, in parte dai modelli educativi e in parte dall’ambiente in cui cresciamo. Questi schemi tendono a rimanere stabili, perché una volta formati, ogni evento della propria vita viene interpretato e letto in base a questi.

La differenza tra chi sviluppa problemi di ansia o di depressione e chi no, sta proprio nella sistematicità e rigidità in cui questi vengono spontaneamente utilizzati.

Vediamo quali sono gli errori di pensiero più comuni:
Saltare alle conclusioni: “lo ha fatto apposta”, “farò una pessima figura e tutti rideranno di me”, “è tutta colpa mia”. Questo errore sta nel giungere subito a delle conclusione senza considerare le cose in modo più completo.
Leggere la mente: “ce l’ha con me”, è quando diamo per scontato di sapere cosa sta pensando l’altro.
Pensare in modo “tutto o nulla”: è un modo di pensare molto rigido, dove si ritiene per esempio che un lavoro è fatto bene solo se è perfetto.
Generalizzare: questo errore avviene quando nei tuoi pensieri usi paroline come “mai”, “sempre”, “tutti”, “nessuno”. Esempio “Non mi lasciano mai fare quello che voglio”, “non me ne va mai bene una”.
Catastrofizzare: è la tendenza a sopravvalutare le probabilità di un evento spiacevole, senza che questo si sia ancora verificato.
Fare l’oracolo: “farò sicuramente una figura orribile”, “sicuramente mi dirà di no”. Si tratta della tendenza a predire con certezza un futuro che invece è ancora incerto.
Sminuire: consiste nel fare attenzione solo ad alcune parti della realtà, per esempio vedere di se stessi solo i difetti e degli altri solo i punti di forza.
Personalizzare: questo errore avviene quando si pensa di essere l’unico responsabile di un evento negativo “sono io che ho rovinato la cena”.
Il rendersi conto che si sta commettendo un errore di pensiero già aiuta a ridurre la risposta emotiva di fronte ad un evento.
Il risultato di questi ragionamenti è il provare emozioni dolorose, con la conseguenza di stare male e di rimuginare su ciò che è accaduto.

Nicoletta Savoye

tratto da:

https://aostasera.it/rubriche/pensare-bene-per-vivere-meglio/depressione-e-ansia-come-il-nostro-modo-di-pensare-mantiene-il-problema/?fbclid=IwAR14xV7_LAN_NxHp5MDulm0RnUDhfs_LN_GOErjHus-nWqfFM02J81-DGpc

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI