Depressione e ansia: come il nostro modo di pensare mantiene il problema (Nicoletta Savoye)

Lo sapevi che le emozioni che vivi dipendono dal modo in cui tu pensi?
Durante il lavoro da terapeuta, una buona parte del trattamento è mirato ad insegnare alle persone a gestire i propri pensieri.

In linea di massima si procede in questa maniera:
nel primo step si aiuta il paziente a rendersi conto che sta pensando, sembra banale, ma succede che tante volte noi ci parliamo e non ce ne rendiamo conto; successivamente si insegna ad individuare che tipo di pensiero ha, faccio un esempio, se una persona possiede pensieri depressivi, questi sono centrati sul senso di colpa, sull’impossibilità di vedere un futuro per sé e per gli altri, se invece uno formula pensieri ansiogeni, questi sono generalmente catastrofici. Infine, attraverso procedure specifiche, insegno al paziente a trasformare un pensiero doloroso in uno più funzionale ed equilibrato.

Lo psichiatra americano A. Beck ha individuato diversi modi di ragionare, modi che lui chiama “distorsioni cognitive”, ma che possono venire chiamati anche “virus mentali”, quest’ultimo rende meglio l’idea dell’importanza di liberarci dal modo di pensare sbagliato.
Gli errori di ragionamento si formano durante l’infanzia, in parte dai modelli educativi e in parte dall’ambiente in cui cresciamo. Questi schemi tendono a rimanere stabili, perché una volta formati, ogni evento della propria vita viene interpretato e letto in base a questi.

La differenza tra chi sviluppa problemi di ansia o di depressione e chi no, sta proprio nella sistematicità e rigidità in cui questi vengono spontaneamente utilizzati.

Vediamo quali sono gli errori di pensiero più comuni:
Saltare alle conclusioni: “lo ha fatto apposta”, “farò una pessima figura e tutti rideranno di me”, “è tutta colpa mia”. Questo errore sta nel giungere subito a delle conclusione senza considerare le cose in modo più completo.
Leggere la mente: “ce l’ha con me”, è quando diamo per scontato di sapere cosa sta pensando l’altro.
Pensare in modo “tutto o nulla”: è un modo di pensare molto rigido, dove si ritiene per esempio che un lavoro è fatto bene solo se è perfetto.
Generalizzare: questo errore avviene quando nei tuoi pensieri usi paroline come “mai”, “sempre”, “tutti”, “nessuno”. Esempio “Non mi lasciano mai fare quello che voglio”, “non me ne va mai bene una”.
Catastrofizzare: è la tendenza a sopravvalutare le probabilità di un evento spiacevole, senza che questo si sia ancora verificato.
Fare l’oracolo: “farò sicuramente una figura orribile”, “sicuramente mi dirà di no”. Si tratta della tendenza a predire con certezza un futuro che invece è ancora incerto.
Sminuire: consiste nel fare attenzione solo ad alcune parti della realtà, per esempio vedere di se stessi solo i difetti e degli altri solo i punti di forza.
Personalizzare: questo errore avviene quando si pensa di essere l’unico responsabile di un evento negativo “sono io che ho rovinato la cena”.
Il rendersi conto che si sta commettendo un errore di pensiero già aiuta a ridurre la risposta emotiva di fronte ad un evento.
Il risultato di questi ragionamenti è il provare emozioni dolorose, con la conseguenza di stare male e di rimuginare su ciò che è accaduto.

Nicoletta Savoye

tratto da:

https://aostasera.it/rubriche/pensare-bene-per-vivere-meglio/depressione-e-ansia-come-il-nostro-modo-di-pensare-mantiene-il-problema/?fbclid=IwAR14xV7_LAN_NxHp5MDulm0RnUDhfs_LN_GOErjHus-nWqfFM02J81-DGpc

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

34268

TOTALE VISITE

50979

Dati aggiornati

al 15-06-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

Pronto intervento emozioni

Strategie di mindfulness per affrontare con serenità le difficoltà della vita

Il volume affronta le principali e più diffuse emozioni dolorose, descrivendone sintomi, rimedi e terapie.

La paura, l’abbandono, l’insuccesso o il dolore sono un’esperienza comune nella vita di chiunque. Eppure, spesso facciamo poco o niente per riparare i danni che queste emozioni procurano. Perché? Semplicemente, perché non abbiamo gli strumenti adatti per gestirle: ci sembra eccessivo ricorrere a uno psicanalista, e insufficiente parlarne a un amico.

Così accade che trascuriamo le nostre ferite psicologiche perché pensiamo che non esistano rimedi semplici, rapidi ed efficaci per guarirle.

Primo soccorso emotivo
Ognuno di noi può imparare facilmente tecniche e interventi di primo soccorso emotivo, accelerando la «guarigione» dalle proprie ferite e prevenendo l’arrivo di quelle future. Il volume propone tecniche ispirate alla mindfulness, l’approccio che consente di sviluppare la flessibilità mentale e aumentare l’autoconsapevolezza, per permettere a ognuno di noi di costruirsi il personale  kit essenziale di primo soccorso emotivo, da tenere sempre a portata di mano.