Essere insieme ed essere indipendenti (Nicoletta Cinotti)

(...) Ci sono macchine che hanno il turbo. Il mio turbo è la gratitudine per la saggezza collettiva che si sprigiona nei gruppi. Per quella possibilità di essere insieme ed essere indipendenti: uno stato che ho cercato di coltivare per tutta la vita.

Tornare a casa è sempre tornare alla vita personale, quella dei sentimenti intimi. Tornare a casa è anche tornare al cambiamento che la vita ci propone, ci invita ad incontrare. Non sono due vite separate le mie. Sono due vite che si intrecciano e si mischiano. Oggi la vita mi invita a guardare la battaglia tra dipendenza e indipendenza. L’indipendenza che i miei genitori mi hanno tenacemente insegnato, tanto da farmi temere, qualche volta, che più che volermi indipendente mi volessero lontana. Oggi li vedo lottare per mantenere la loro indipendenza, la loro autonomia. È una battaglia che stanno perdendo – forse mio padre ha già ceduto le armi – ma la tenacia con la quale mia madre prova a difenderla mi fa capire che per lei è un valore assoluto.

È vero: l’indipendenza è un valore. Per una donna un valore doppio perché una donna che non ha indipendenza è una donna che non ha scelta e per secoli le donne non hanno avuto indipendenza e non hanno avuto scelta se non quella di essere “oggetti di famiglia”. L’indipendenza ci rende liberi, rende leggero il nostro cammino. Toglie i freni. Libera dall’altalena dell’approvazione e disapprovazione. Apre prospettive di significato personale e sostiene la nostra motivazione. Una persona indipendente sa che cosa vuole e conosce i mezzi per raggiungere quello che desidera, per coltivare la propria intenzione.

Chi corre veloce però corre da solo. Tante volte il prezzo dell’indipendenza è la perdita di intimità, di empatia, di sintonia. Come se il tempo dell’ascolto degli altri fosse tempo tolto alla propria vita. Come se l’intimità fosse un’invasione. Un ristagno rispetto all’andare. Perché gli indipendenti hanno sempre un piano, una direzione, un luogo da raggiungere. Anche da soli. Non importa. Questa è l’indipendenza che mi hanno insegnato ma non è quella che coltivo. L’indipendenza che coltivo è quella che si realizza quando si cresce insieme e c’è spazio per la diversità di ognuno. È l’indipendenza che si nutre di tolleranza per i tempi diversi ma soprattutto è l’indipendenza che si ha quando si è liberi – malgrado tutto – di dichiarare i nostri bisogni. L’indipendenza non può nascere dalla soppressione dei bisogni: quella non è indipendenza: è orgoglio.

Abbiamo bisogno di coltivare questo tipo di indipendenza che è crescita condivisa perché chi ci dice che gli altri sono un fardello, un peso, è un cattivo maestro che conosce solo l’indipendenza dei vincitori. Io coltivo e amo l’indipendenza che non fa distinzione tra vinti e vincitori.

La vita è un processo del divenire, una combinazione di stati che dobbiamo attraversare. Dove la gente fallisce è quando le persone vogliono scegliersi uno stato e restarci. Questo è un tipo di morte. Anais Nin

 

tratto da

https://nicolettacinotti.net/essere-insieme-ed-essere-indipendenti/

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

39374

TOTALE VISITE

57507

Dati aggiornati

al 14-09-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Gyalwa Dokhampa

LA MENTE TRANQUILLA

Un nuovo modo di pensare, un modo nuovo di vivere

 

Astrolabio-Ubaldini Editore

 

collana: Civiltà dell'Oriente
pagine: 168
prezzo: € 16.00 

 

Nella tradizione buddhista la mente tranquilla è aperta, attiva, pronta a ricevere e dare. Conoscere la mente è il primo e fondamentale passo per indirizzare pensieri, parole e azioni e concentrarsi su ciò che davvero si può cambiare nella propria vita. Questo libro offre al lettore una serie di strumenti, teorici e pratici, per comprendere la vera natura di noi stessi e degli altri. Attraverso la respirazione, la meditazione, la contemplazione e la presenza mentale sarà possibile portare tranquillità alla mente agitata dalle contingenze del quotidiano, e semplicemente essere, aprendosi al mondo e alla vita.

 

 

http://www.astrolabio-ubaldini.com/scheda_libro.php?libro=1386

 

Turismo
in Langa

Inaugurazione del Museo della Battaglia di Ceresole d’Alba

A seguito del lavoro svolto dal Comune di Ceresole d’Alba, dal Comune e dall’Ufficio del Turismo di Saint – Paul – de – Vence all’interno del progetto europeo SuCCeS, venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 settembre 2019 verrà inaugurato il Museo della Battaglia di Ceresole d’Alba (muBATT).
Per l’occasione saranno organizzate numerose attività, pubbliche e riservate, per visitare il nuovo spazio espositivo e per scoprire le vicende e le curiosità di una delle più importanti battaglie combattute da eserciti stranieri in territorio italiano.

 

Per saperne di più

http://www.turismoinlanga.it/it/inaugurazione-del-museo-della-battaglia-ceresole-dalba/

LA CUCINA LIGHT DI GELSO

TIRAMISÙ CREMOSO ALLA PANNA

Cari lettori,

in molti mi chiedete di svelarvi il segreto per preparare un tiramisù cremoso e compatto, ma allo stesso tempo leggero e spumoso. Per questo ho pensato di pubblicare la ricetta del mio tiramisù cremoso alla panna! In questa ricetta la panna montata prende il posto degli albumi montati a neve e il risultato è davvero sorprendente! Di norma non amo preparare il tiramisù in pirofila, preferendo invece le monoporzioni al bicchiere o in barattolo, proprio perché difficilmente il tiramisù classico riesce a reggere la prova taglio con conseguenti crolli e sbavature che preferisco evitare essendo una fobica della precisione, in senso buono, ovviamente 😉 La ricetta del tiramisù cremoso alla panna, al contrario, vi permetterà di ottenere una bella fetta regolare e stabile. Ecco come procedere!

CLICCA SU:

http://blog.giallozafferano.it/gelsolight/tiramisu-cremoso-alla-panna/