Essere insieme ed essere indipendenti (Nicoletta Cinotti)

(...) Ci sono macchine che hanno il turbo. Il mio turbo è la gratitudine per la saggezza collettiva che si sprigiona nei gruppi. Per quella possibilità di essere insieme ed essere indipendenti: uno stato che ho cercato di coltivare per tutta la vita.

Tornare a casa è sempre tornare alla vita personale, quella dei sentimenti intimi. Tornare a casa è anche tornare al cambiamento che la vita ci propone, ci invita ad incontrare. Non sono due vite separate le mie. Sono due vite che si intrecciano e si mischiano. Oggi la vita mi invita a guardare la battaglia tra dipendenza e indipendenza. L’indipendenza che i miei genitori mi hanno tenacemente insegnato, tanto da farmi temere, qualche volta, che più che volermi indipendente mi volessero lontana. Oggi li vedo lottare per mantenere la loro indipendenza, la loro autonomia. È una battaglia che stanno perdendo – forse mio padre ha già ceduto le armi – ma la tenacia con la quale mia madre prova a difenderla mi fa capire che per lei è un valore assoluto.

È vero: l’indipendenza è un valore. Per una donna un valore doppio perché una donna che non ha indipendenza è una donna che non ha scelta e per secoli le donne non hanno avuto indipendenza e non hanno avuto scelta se non quella di essere “oggetti di famiglia”. L’indipendenza ci rende liberi, rende leggero il nostro cammino. Toglie i freni. Libera dall’altalena dell’approvazione e disapprovazione. Apre prospettive di significato personale e sostiene la nostra motivazione. Una persona indipendente sa che cosa vuole e conosce i mezzi per raggiungere quello che desidera, per coltivare la propria intenzione.

Chi corre veloce però corre da solo. Tante volte il prezzo dell’indipendenza è la perdita di intimità, di empatia, di sintonia. Come se il tempo dell’ascolto degli altri fosse tempo tolto alla propria vita. Come se l’intimità fosse un’invasione. Un ristagno rispetto all’andare. Perché gli indipendenti hanno sempre un piano, una direzione, un luogo da raggiungere. Anche da soli. Non importa. Questa è l’indipendenza che mi hanno insegnato ma non è quella che coltivo. L’indipendenza che coltivo è quella che si realizza quando si cresce insieme e c’è spazio per la diversità di ognuno. È l’indipendenza che si nutre di tolleranza per i tempi diversi ma soprattutto è l’indipendenza che si ha quando si è liberi – malgrado tutto – di dichiarare i nostri bisogni. L’indipendenza non può nascere dalla soppressione dei bisogni: quella non è indipendenza: è orgoglio.

Abbiamo bisogno di coltivare questo tipo di indipendenza che è crescita condivisa perché chi ci dice che gli altri sono un fardello, un peso, è un cattivo maestro che conosce solo l’indipendenza dei vincitori. Io coltivo e amo l’indipendenza che non fa distinzione tra vinti e vincitori.

La vita è un processo del divenire, una combinazione di stati che dobbiamo attraversare. Dove la gente fallisce è quando le persone vogliono scegliersi uno stato e restarci. Questo è un tipo di morte. Anais Nin

 

tratto da

https://nicolettacinotti.net/essere-insieme-ed-essere-indipendenti/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI