Essere insieme ed essere indipendenti (Nicoletta Cinotti)

(...) Ci sono macchine che hanno il turbo. Il mio turbo è la gratitudine per la saggezza collettiva che si sprigiona nei gruppi. Per quella possibilità di essere insieme ed essere indipendenti: uno stato che ho cercato di coltivare per tutta la vita.

Tornare a casa è sempre tornare alla vita personale, quella dei sentimenti intimi. Tornare a casa è anche tornare al cambiamento che la vita ci propone, ci invita ad incontrare. Non sono due vite separate le mie. Sono due vite che si intrecciano e si mischiano. Oggi la vita mi invita a guardare la battaglia tra dipendenza e indipendenza. L’indipendenza che i miei genitori mi hanno tenacemente insegnato, tanto da farmi temere, qualche volta, che più che volermi indipendente mi volessero lontana. Oggi li vedo lottare per mantenere la loro indipendenza, la loro autonomia. È una battaglia che stanno perdendo – forse mio padre ha già ceduto le armi – ma la tenacia con la quale mia madre prova a difenderla mi fa capire che per lei è un valore assoluto.

È vero: l’indipendenza è un valore. Per una donna un valore doppio perché una donna che non ha indipendenza è una donna che non ha scelta e per secoli le donne non hanno avuto indipendenza e non hanno avuto scelta se non quella di essere “oggetti di famiglia”. L’indipendenza ci rende liberi, rende leggero il nostro cammino. Toglie i freni. Libera dall’altalena dell’approvazione e disapprovazione. Apre prospettive di significato personale e sostiene la nostra motivazione. Una persona indipendente sa che cosa vuole e conosce i mezzi per raggiungere quello che desidera, per coltivare la propria intenzione.

Chi corre veloce però corre da solo. Tante volte il prezzo dell’indipendenza è la perdita di intimità, di empatia, di sintonia. Come se il tempo dell’ascolto degli altri fosse tempo tolto alla propria vita. Come se l’intimità fosse un’invasione. Un ristagno rispetto all’andare. Perché gli indipendenti hanno sempre un piano, una direzione, un luogo da raggiungere. Anche da soli. Non importa. Questa è l’indipendenza che mi hanno insegnato ma non è quella che coltivo. L’indipendenza che coltivo è quella che si realizza quando si cresce insieme e c’è spazio per la diversità di ognuno. È l’indipendenza che si nutre di tolleranza per i tempi diversi ma soprattutto è l’indipendenza che si ha quando si è liberi – malgrado tutto – di dichiarare i nostri bisogni. L’indipendenza non può nascere dalla soppressione dei bisogni: quella non è indipendenza: è orgoglio.

Abbiamo bisogno di coltivare questo tipo di indipendenza che è crescita condivisa perché chi ci dice che gli altri sono un fardello, un peso, è un cattivo maestro che conosce solo l’indipendenza dei vincitori. Io coltivo e amo l’indipendenza che non fa distinzione tra vinti e vincitori.

La vita è un processo del divenire, una combinazione di stati che dobbiamo attraversare. Dove la gente fallisce è quando le persone vogliono scegliersi uno stato e restarci. Questo è un tipo di morte. Anais Nin

 

tratto da

https://nicolettacinotti.net/essere-insieme-ed-essere-indipendenti/

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

34268

TOTALE VISITE

50979

Dati aggiornati

al 15-06-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

Pronto intervento emozioni

Strategie di mindfulness per affrontare con serenità le difficoltà della vita

Il volume affronta le principali e più diffuse emozioni dolorose, descrivendone sintomi, rimedi e terapie.

La paura, l’abbandono, l’insuccesso o il dolore sono un’esperienza comune nella vita di chiunque. Eppure, spesso facciamo poco o niente per riparare i danni che queste emozioni procurano. Perché? Semplicemente, perché non abbiamo gli strumenti adatti per gestirle: ci sembra eccessivo ricorrere a uno psicanalista, e insufficiente parlarne a un amico.

Così accade che trascuriamo le nostre ferite psicologiche perché pensiamo che non esistano rimedi semplici, rapidi ed efficaci per guarirle.

Primo soccorso emotivo
Ognuno di noi può imparare facilmente tecniche e interventi di primo soccorso emotivo, accelerando la «guarigione» dalle proprie ferite e prevenendo l’arrivo di quelle future. Il volume propone tecniche ispirate alla mindfulness, l’approccio che consente di sviluppare la flessibilità mentale e aumentare l’autoconsapevolezza, per permettere a ognuno di noi di costruirsi il personale  kit essenziale di primo soccorso emotivo, da tenere sempre a portata di mano.