LA DIPENDENZA DA VIDEOGIOCHI È UNA MALATTIA, LO DICE L’OMS (Cufrad.it)

I 194 MEMBRI DELL'OMS SI SONO PRONUNCIATI: ORA IL GAMING DISORDER È RICONOSCIUTO UFFICIALMENTE COME UNA MALATTIA

 

 

Ora è ufficiale, la dipendenza da videogiochi è una vera e propria malattia. Lo ha stabilito l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel corso della 72ª World Health Assembly. Come riportato sulle pagine del sito Game Industry, i 194 membri si sono dichiarati, sentenziando una decisione storica per l’intero medium in poligoni e pixel. E che, per certi versi, cambia definitivamente la sua stessa percezione da parte del grande pubblico.

Già un anno fa – era il mese di giugno del 2018 – il “gaming disorder” venne inserito, quasi a sorpresa, nell’undicesima revisione della ICD-11 (International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems). L’OMS, in quella occasione, descriveva la dipendenza da videogiochi come uno spettro ben preciso di comportamenti legati al gaming, e naturalmente ad un suo abuso compulsivo. Comportamenti caratterizzati da un alterato controllo del gioco, in cui viene data maggiore priorità al “videogiocare” rispetto ad altri interessi ed attività quotidiane, nonostante il manifestarsi di conseguenze negative. Affinché possa essere diagnosticata la dipendenza dai videogiochi, tale comportamento deve essere abbastanza severo da alterare la vita personale, familiare, sociale, educativa e lavorativa della persona interessata, ed essere evidente per almeno un anno – dunque 12 mesi.

Immediata la reazione di alcuni tra i più importanti organi videoludici, come ESAISFE e UKIE, che si sono schierati apertamente contro la decisione dell’OMS di ufficializzare come malattia la dipendenza da videogiochi. Questo perché, a loro dire, questa avrà un decisivo impatto negativo sulla percezione dell’intero medium, oltre che sui versanti economici e creativi. Nonostante l’opposizione, durante la sua ultima assemblea, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha optato per la completa approvazione dell’ICD-11, in vigore dal prossimo 1 gennaio 2022. La dipendenza da videogiochi è dunque ora riconosciuta a tutti gli effetti come una malattia, che può essere diagnosticata seguendo le linee guida riportate poco più sopra.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://www.optimagazine.com/2019/05/26/ora-la-dipendenza-da-videogiochi-e-una-vera-e-propria-malattia-lo-dice-loms/1472915

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91105

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 04-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI