Smartphone: consigli per evitare la dipendenza (Simone Valesini, Repubblica.it)

SMARTPHONE: CINQUE CONSIGLI PER EVITARE LA DIPENDENZA

 

L’85% degli adolescenti usa quotidianamente il telefonino, il 53% anche a scuola. E in media si perdono sei ore e mezza di sonno a settimana a causa degli smartphone. Un Position Statement presentato al congresso italiano di Pediatria aiuta i genitori a evitare che il telefono si trasformi in dipendenza.

 

di Simone Valesini

 

LO SMARTPHONE è una presenza fissa nella vita degli adulti. Nei ragazzi, adolescenti e preadolescenti, può trasformarsi facilmente in un’ossessione. Non che manchino aspetti positivi in questa vita iper-connessa, visto che la rete offre inedite possibilità di apprendimento e approfondimento, e i social network possono favorire lo sviluppo di relazioni sociali con i coetanei. Ma i rischi non vanno sottovalutati: occhi irritati, dolori al collo e alle spalle causati dalle troppe ore trascorse a fissare lo schermo, distrazioni continue e disattenzione nello studio. Tra abitudine e dipendenza, insomma, il passo è breve. Le ricerche in questo campo non mancano, e la Società Italiana di Pediatria (Sip) ha deciso di raccoglierne le indicazioni in un nuovo documento sull’uso corretto dei media device per adolescenti e preadolescenti tra gli 11 e i 17 anni. Un testo che approfondisce rischi e opportunità e contiene consigli preziosi per i genitori, presentato oggi ufficialmente in occasione del 75esimo congresso italiano di pediatria, che si apre oggi a Bologna. Cinque consigli che ricordano ai genitori di non abbandonare i figli all'uso della tecnologia. E sottolineano quanto sia importante imporre regole, dare il buon esempio, fare rete con gli specialisti e soprattutto parlare con i ragazzi.

LEGGI - Smartphone, la noia scatena l'uso compulsivo


Sempre più adolescenti con lo smartphone sempre in mano

La maggior parte delle ricerche – spiegano gli esperti Sip – è stata condotta negli Usa e in Paesi asiatici come Cina e Corea, che per primi hanno sperimentato la diffusione su ampia scala delle tecnologie digitali. E descrivono gravi rischi di isolamento e dipendenza: un buon esempio è la Corea, dove la dipendenza da smartphone è riconosciuta come una vera e propria patologia al pari di quella dall’alcol o dalla droga, e colpisce l’8,4 % degli adolescenti. Cosa dire invece dell’Italia? Gli studi disponibili non sono moltissimi, ma gli effetti della diffusione delle nuove tecnologie tra gli adolescenti potrebbero vedersi presto, vista l’ascesa continua di questi dispositivi: secondo dati Istat riferiti al 2018, l’85% degli adolescenti tra 11 e 17 anni usa quotidianamente il telefonino. Le più frequenti utilizzatrici sono le ragazze (l’87,5% usa il telefono tutti i giorni), e circa il 60% dei ragazzi controlla lo smartphone come prima cosa appena svegli e come ultima cosa prima di addormentarsi. Il 63% (tra 14 e 19 anni) usa inoltre lo smartphone a scuola durante le lezioni; il 50% dichiara di trascorrere dalle 3 alle 6 ore extrascolastiche al giorno con lo smartphone in mano.

LEGGI - Lo sleep texting, i ragazzi inviano messaggi anche nel sonno

“Servono dialogo e regole chiare” spiega il Presidente della Società Italiana di Pediatria Alberto Villani. “Raccomandiamo ai genitori di mantenere sempre una comunicazione efficace con i propri figli, perché una buona relazione contribuisce a favorire un corretto uso delle tecnologie digitali. Ma è indispensabile anche stabilire regole e limiti chiari nell’utilizzo dei media device”. Il telefono – raccomanda ad esempio l’esperta – non deve mai seguire i giovani a tavola, va eliminato quando si fanno i compiti (a meno che non siano di ausilio per lo studio), nei momenti in cui la famiglia è riunita. Va bandito inoltre prima di andare a dormire, visto che in media si perdono circa sei ore e mezzo di sonno a settimana a causa dell’utilizzo di smartphone e tablet. “Si tratta di regole che valgono prima di tutto per i genitori – aggiunge Elena Bozzola, Segretaria Nazionale Sip – i quali dovrebbero dare il buon esempio. Genitori e pediatri dovrebbero inoltre fare attenzione ad alcuni campanelli d’allarme tra i quali frequenti mal di schiena, mal di testa, modifiche nei ritmi del sonno, bruciore e lacrimazione degli occhi, mancanza di interessi e incapacità di staccarsi dallo smartphone”.

LEGGI - Quando la dipendenza da smartphone diventa malattia
 

Le 5 raccomandazioni dei pediatri

1. Parla con tuo figlio – è importante favorire una comunicazione aperta tra genitore e adolescente, spiegando ai ragazzi cosa vuol dire un utilizzo positivo e intelligente dei media device, prestando attenzione ai contenuti che vengono pubblicati e letti e ricordando loro che è indispensabile proteggere la privacy online per tutelare se stessi e la propria famiglia.

2. Comprendi, impara e controlla – il genitore dovrebbe monitorare il tempo che il proprio figlio spende su tablet, smartphone e pc, imparando per primo le tecnologie a disposizione per poterle comprendere per quanto è possibile, giocando insieme a lui e condividendo per quanto possibile le attività sui media device.

3. Stabilisci limiti e regole chiare – occorre limitare il tempo di utilizzo di smartphone, tablet e pc durante il giorno o nei fine settimana, stabilendo orari precisi di divieto per esempio durante i pasti, i compiti e le riunioni familiari. Considerare i media come un’opportunità per tutta la famiglia per vedere insieme film o condividere contenuti social o messaggi in chat e video

4. Dai il buon esempio – come genitore l’esempio è fondamentale, per questo mamme e papà dovrebbero limitare per primi l’utilizzo di smartphone quando si è in famiglia e durante i pasti; è importante inoltre che i genitori scelgano sempre contenuti appropriati e linguaggi adeguati sui social network

5. Fai rete – è indispensabile la collaborazione tra genitori, pediatri e operatori sanitari per tutelare e sostenere i ragazzi attraverso campagne di informazione che forniscano una maggiore consapevolezza degli aspetti positivi ma anche dei rischi che presenta l’uso eccessivo dei media device.

 

tratto da

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2019/05/29/news/smartphone_i_consigli_dei_pediatri_per_evitare_che_diventi_una_dipendenza-227461963/

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44751

 

TOTALE VISITE: 64940

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni36

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:49

 

Dati aggiornati

al 18-02-2020

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

 

 

Dall'indice: 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento!

 

Gazpacho

La ricetta che seguo da anni è quella che più mi piace portare a tavola quando i pomodori sono al giusto grado di maturazione e la calura estiva ha bisogno di una zuppa fredda rinfrescante come questa! Di solito porto in tavola il Gazpacho con crostini e cubetti di cetriolo o di peperone verde. La cremosità e il gusto di questo piatto sapranno conquistarti, è semplice da preparare e non occorre cottura, ma un riposo in frigo di circa un’ora prima della sua consumazione. Se non disponi di mixer con lama grande, puoi sempre usare un frullatore classico!

 

Per la ricetta e la preparazione clicca su

https://unabloggerincucina.it/gazpacho-2/