FUMO: E SE LE SIGARETTE COSTASSERO IL DOPPIO? (Cufrad.it news)

Ogni anno, solo in Italia, muoiono 70mila persone a causa del fumo. Fra le misure considerate più efficaci per limitare l'impatto devastante del tabagismo vi è l'aumento del prezzo del tabacco. Una recente indagine nazionale condotta da AstraRicerche sui fumatori italiani, le sigarette e il portafoglio, ha mostrato che: 
fuma il 42% per cento degli uomini e il 35% delle donne (e si rileva una tendenza preoccupante all'aumento del numero di sigarette quotidiane). 
la spesa mensile è elevata (sopra i 100 euro) per un terzo dei fumatori e in ben metà dei casi è più alta di quanto immaginato. Invitati a immaginare un impiego alternativo del denaro lasciato al tabaccaio, la maggioranza assoluta sceglie di premiarsi con un viaggio o una vacanza. 
Se i prezzi raddoppiassero il 46% smetterebbe. L'ipotesi vede favorevole il 46.5% della popolazione italiana e contrario il 35%. Ma se le entrate aggiuntive derivanti fossero investite in campagne antifumo e nella prevenzione e cura delle malattie fumo-correlate, i favorevoli sarebbero il 57.3% e i contrari il 21.2%.

Nel 2019 l'OMS dedica il World No Tobacco Day alle malattie respiratorie: il fumo non è solo causa di malattie respiratorie gravi e diffuse, come i tumori e la bronchite cronica; infatti in Italia oltre 30.000 persone soffrono di patologie rare legate al fumo come la fibrosi polmonare idiopatica, la bronchiolite respiratoria e l'istiocitosi polmonare a cellule di Langerhans. Condizioni che compromettono pesantemente la qualità di vita, e in molti casi la cessazione del fumo è la prima terapia per i malati.

IL FUMO È NEMICO DELLA BELLEZZA

Che nuoccia gravemente alla salute è scritto su tutti i pacchetti di sigarette ma che il fumo faccia molto male anche alla pelle non tutti lo sanno. Eppure anche se le cause patologiche di questo danneggiamento dell'epidermide da parte del tabacco, che rende la cute giallo-grigiastra, aumenta le rughe profonde - specie al lato degli occhi e delle labbra - e in alcuni punti la ispessisce, non sono note, gli effetti negativi del fumo possono essere sistemici e/o locali. Una brutta notizia per la bellezza  delle donne fumatrici che, secondo una recente indagine,  in Italia, sono 5,7 milioni con una percentuale più elevata al nord (21,6 per cento).

Continua a leggere

E SE SMETTESSI… SÌ, MA COME?

Il fumatore nervoso, quello rassegnato, l'ex tabagista di successo, l'indeciso, il pentito. Esistono tanti tipi di ex fumatori quante sigarette al mondo, o quasi. Fatto sta che il percorso di un tabagista è fatto di tappe importanti in cui ad un certo punto emerge il desiderio di smettere. Secondo il Centro Nazionale Dipendenze e Doping si inizia a fumare mediamente a diciotto anni e si smette a 42 con una dipendenza di durata ventennale alle spalle e ripetuti tentativi di smettere in cui la ricaduta è dovuta ai motivi più disparati: l'opposizione di un compagno, una necessità medica, la consapevolezza dei rischi, il decesso di un amico, la nascita di un figlio. Quale che sia, prima o poi un fumatore si pone almeno la domanda fatidica: «e se smettessi? Sì, ma come?».

Continua a leggere

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.dica33.it/notizie/35505/fumo-sigarette-costassero-doppio.asp

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37834

TOTALE VISITE

55588

Dati aggiornati

al 21-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza