Noa, uccisa da società incapaci di prendersi cura dei più fragili (Prof. Filippo M. Boscia, AMCI)

L’Associazione Medici Cattolici Italiana è dolorosamente accanto al mondo della fragilità e denuncia la mancata prevenzione e la mancata messa in atto di interventi appropriati, in sostegno e in aiuto ai più deboli. Ogni Stato è titolare di una funzione principale, deputata ad aiutare gli individui e ad alleviare le loro intime sofferenze con ogni mezzo a disposizione. Uno Stato che si rispetti deve obbligatoriamente aiutare quegli individui che vogliono morire a scegliere di vivere.
 
La storia di Noa Pothoven e il suo epilogo interpellano il mondo intero! E’ una storia, quella di Noa, che richiama vergogna su tutti coloro che avrebbero dovuto opporsi ed imporsi e non l’hanno fatto. Siamo sicuramente di fronte ad un caso di suicidio assistito, del quale l’ingrediente di base è il dolore mentale insopportabile, determinato dalla vergogna, dalla colpa, dalla rabbia, dalla solitudine e dalla disperazione.
 
Siamo di fronte ad una vera e propria sconfitta di una società, continuamente in cerca di orientamento, incapace di dare senso alla solitudine, alla rabbia e ai sensi di colpa. Sì questa è la storia del male di vivere, fatto di solitudine e di emarginazione, cui è mancato in modo assoluto quell’ingrediente di amore che nelle più controverse condizioni psichiatriche può rappresentare l’unica terapia salvavita.

 
Sconfitta è la medicina incapace di dare sostegno a quell’insopportabile dolore psicologico, determinato da bisogni frustati e negati e per i quali l’unica via di uscita è stata la morte, peraltro annunciata. La sconfitta della medicina è ancora più cogente perché sempre più si parla di relazione, sempre più ci si riempie la bocca nel proclamare che va promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra medico e paziente e che il tempo della comunicazione tra medico e paziente costituisce tempo di cura, e sempre più ci si trova sguarniti di fronte a queste tragedie. E’ una certezza che l’alleanza terapeutica qui non abbia per nulla funzionato.
 
Non hanno funzionato nemmeno le tecniche concomitanti perché è la medicina che si è stancata nella società attuale di sostenere le esistenze avare e faticose e che si limita con enfasi ad assistere al suicidio, codificando la sua presenza in quel contesto come forma di assistenza, divenuta vergognosa testimonianza di una incapacità a gestire situazioni borderline. E’ quella stessa medicina che si lamenta della carenza normativa rispetto alle condizioni di fine vita ma che non si è fatta carico di tutte quelle competenze emotive, pregiudizievoli all’atto di fine vita.
 
Sconfitta poi è la scienza che parla e sproloquia ma mai incorpora nella sua ricerca interventi appropriati per prevenire l’esplosione di queste umane fragilità e di queste umane esistenze che si frammentano in schegge impossibili da mettere a posto.
Sconfitti siamo tutti noi che proclamando adattamenti passivi inutili abbiamo zittito le nostre coscienze.
Sconfitto è tutto il mondo perché in questa storia che sintetizza il male di vivere, fatto di solitudine e di emarginazione è mancato in modo assoluto quell’ingrediente di amore che nelle più controverse condizioni psichiatriche può rappresentare l’unica terapia salvavita.
Sconfitte sono tutte le realtà umane e laiche che mostrano la loro incapacità ad agire nelle situazioni di fragilità, di dolore e di depressione per porre conforto e conseguentemente elaborare percorsi di sostegno.
Siamo davvero in una società in declino nella quale anziché produrre sollievo alle sofferenze siamo capaci solo di aiutare a gestire la fine della propria vita.
 
Quella decisione, che molti affermano essere stata presa in libertà, in autonomia, in autodeterminazione era una urgente, grave richiesta di aiuto, proclamata ad alta voce e per nulla esaudita… e in mancanza di aiuto si è trasformata in una pianificazione anticipata della morte.
La vergogna per la nostra società è che parliamo di preferenze del paziente, come se stessimo ordinando un pranzo, per poi assistere inermi quando proprio a noi tocca di occuparci di quelle problematiche cogenti che coinvolgono la persona umana e tutti gli attori che assistono al dramma di chi muore per un dolore silenzioso.
 
La medicina fa statistica, descrive le caratteristiche di questi soggetti, si orienta ad individuare le fasce di età più a rischio e tante altre cose insieme, ma è incapace di stendere un mantello di protezione che dovrebbe rappresentare importante sinergia in ogni risposta aiutante. La realtà è che si è spezzata vergognosamente ogni dimensione etica nel rapporto di cura. Si è spezzata la circolarità e la consapevolezza di quella realtà arricchente che è la realtà tecnico-medico-psico-sociale orientata al bene reciproco. E’ spezzata la spiritualità che non si identifica più in un’appartenenza religiosa, ma che è mediata dalla cultura e si risolve in un rapporto personale profondo, non più intimamente connesso a relazioni di speranza.
Annientati sono i sentimenti, le motivazioni, le aspettative, i ruoli, forse diventati tutti meccanismi di compromesso, di razionalizzazione e di negazione del problema. La evoluta Europa indossa a partire da oggi una maschera nera e bieca, predisponendosi ad un vergognoso esodo da quel dolore che strappa l’animo, infrange la vita, proclamando a gran voce di aver appositamente addestrato i medici a fornire prestazioni nei suicidi assistiti.
 
L’AMCI alza la voce per comunicare al mondo intero che questi pazienti sono uccisi da società economicamente opulenti, assolutamente incapaci e indisponibili a prendersi cura dei più fragili!


Prof. Filippo M. Boscia 
Presidente Nazionale AMCI 

 

tratto da quotidianosanità.it

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=74803&fr=n
 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI