Noa, uccisa da società incapaci di prendersi cura dei più fragili (Prof. Filippo M. Boscia, AMCI)

L’Associazione Medici Cattolici Italiana è dolorosamente accanto al mondo della fragilità e denuncia la mancata prevenzione e la mancata messa in atto di interventi appropriati, in sostegno e in aiuto ai più deboli. Ogni Stato è titolare di una funzione principale, deputata ad aiutare gli individui e ad alleviare le loro intime sofferenze con ogni mezzo a disposizione. Uno Stato che si rispetti deve obbligatoriamente aiutare quegli individui che vogliono morire a scegliere di vivere.
 
La storia di Noa Pothoven e il suo epilogo interpellano il mondo intero! E’ una storia, quella di Noa, che richiama vergogna su tutti coloro che avrebbero dovuto opporsi ed imporsi e non l’hanno fatto. Siamo sicuramente di fronte ad un caso di suicidio assistito, del quale l’ingrediente di base è il dolore mentale insopportabile, determinato dalla vergogna, dalla colpa, dalla rabbia, dalla solitudine e dalla disperazione.
 
Siamo di fronte ad una vera e propria sconfitta di una società, continuamente in cerca di orientamento, incapace di dare senso alla solitudine, alla rabbia e ai sensi di colpa. Sì questa è la storia del male di vivere, fatto di solitudine e di emarginazione, cui è mancato in modo assoluto quell’ingrediente di amore che nelle più controverse condizioni psichiatriche può rappresentare l’unica terapia salvavita.

 
Sconfitta è la medicina incapace di dare sostegno a quell’insopportabile dolore psicologico, determinato da bisogni frustati e negati e per i quali l’unica via di uscita è stata la morte, peraltro annunciata. La sconfitta della medicina è ancora più cogente perché sempre più si parla di relazione, sempre più ci si riempie la bocca nel proclamare che va promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra medico e paziente e che il tempo della comunicazione tra medico e paziente costituisce tempo di cura, e sempre più ci si trova sguarniti di fronte a queste tragedie. E’ una certezza che l’alleanza terapeutica qui non abbia per nulla funzionato.
 
Non hanno funzionato nemmeno le tecniche concomitanti perché è la medicina che si è stancata nella società attuale di sostenere le esistenze avare e faticose e che si limita con enfasi ad assistere al suicidio, codificando la sua presenza in quel contesto come forma di assistenza, divenuta vergognosa testimonianza di una incapacità a gestire situazioni borderline. E’ quella stessa medicina che si lamenta della carenza normativa rispetto alle condizioni di fine vita ma che non si è fatta carico di tutte quelle competenze emotive, pregiudizievoli all’atto di fine vita.
 
Sconfitta poi è la scienza che parla e sproloquia ma mai incorpora nella sua ricerca interventi appropriati per prevenire l’esplosione di queste umane fragilità e di queste umane esistenze che si frammentano in schegge impossibili da mettere a posto.
Sconfitti siamo tutti noi che proclamando adattamenti passivi inutili abbiamo zittito le nostre coscienze.
Sconfitto è tutto il mondo perché in questa storia che sintetizza il male di vivere, fatto di solitudine e di emarginazione è mancato in modo assoluto quell’ingrediente di amore che nelle più controverse condizioni psichiatriche può rappresentare l’unica terapia salvavita.
Sconfitte sono tutte le realtà umane e laiche che mostrano la loro incapacità ad agire nelle situazioni di fragilità, di dolore e di depressione per porre conforto e conseguentemente elaborare percorsi di sostegno.
Siamo davvero in una società in declino nella quale anziché produrre sollievo alle sofferenze siamo capaci solo di aiutare a gestire la fine della propria vita.
 
Quella decisione, che molti affermano essere stata presa in libertà, in autonomia, in autodeterminazione era una urgente, grave richiesta di aiuto, proclamata ad alta voce e per nulla esaudita… e in mancanza di aiuto si è trasformata in una pianificazione anticipata della morte.
La vergogna per la nostra società è che parliamo di preferenze del paziente, come se stessimo ordinando un pranzo, per poi assistere inermi quando proprio a noi tocca di occuparci di quelle problematiche cogenti che coinvolgono la persona umana e tutti gli attori che assistono al dramma di chi muore per un dolore silenzioso.
 
La medicina fa statistica, descrive le caratteristiche di questi soggetti, si orienta ad individuare le fasce di età più a rischio e tante altre cose insieme, ma è incapace di stendere un mantello di protezione che dovrebbe rappresentare importante sinergia in ogni risposta aiutante. La realtà è che si è spezzata vergognosamente ogni dimensione etica nel rapporto di cura. Si è spezzata la circolarità e la consapevolezza di quella realtà arricchente che è la realtà tecnico-medico-psico-sociale orientata al bene reciproco. E’ spezzata la spiritualità che non si identifica più in un’appartenenza religiosa, ma che è mediata dalla cultura e si risolve in un rapporto personale profondo, non più intimamente connesso a relazioni di speranza.
Annientati sono i sentimenti, le motivazioni, le aspettative, i ruoli, forse diventati tutti meccanismi di compromesso, di razionalizzazione e di negazione del problema. La evoluta Europa indossa a partire da oggi una maschera nera e bieca, predisponendosi ad un vergognoso esodo da quel dolore che strappa l’animo, infrange la vita, proclamando a gran voce di aver appositamente addestrato i medici a fornire prestazioni nei suicidi assistiti.
 
L’AMCI alza la voce per comunicare al mondo intero che questi pazienti sono uccisi da società economicamente opulenti, assolutamente incapaci e indisponibili a prendersi cura dei più fragili!


Prof. Filippo M. Boscia 
Presidente Nazionale AMCI 

 

tratto da quotidianosanità.it

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=74803&fr=n
 

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37834

TOTALE VISITE

55588

Dati aggiornati

al 21-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza