SCELTE E DIPENDENZE: IL RUOLO DELLA MEMORIA DI LAVORO (Cufrad.it)

Secondo un nuovo studio realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna, il possibile sviluppo di comportamenti disadattivi potrebbe essere collegato ad una minore capacità di ricordare e gestire le informazioni necessarie per prendere una decisione. Un risultato che può rivelarsi utile per mettere a punto nuove forme di trattamento delle dipendenze


La memoria di lavoro – ovvero la capacità di ricordare e gestire le informazioni necessarie per compiere una scelta – gioca un ruolo importante nella possibilità di sviluppare comportamenti disadattivi come la dipendenza da stupefacenti e la ludopatia, o anche disturbi d'ansia o fobici. È quanto emerge da un nuovo studio realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna.

I risultati della ricerca – pubblicati sulla rivista del gruppo Nature Scientific Reports – mostrano come gli individui con una memoria di lavoro più sviluppata siano in grado di gestire in modo più mirato i tanti stimoli ambientali che ci circondano e che inevitabilmente influenzano le scelte che compiamo ogni giorno. Vedere il logo di una barretta di cioccolato, ad esempio, può spingerci a mangiare anche se non siamo affamati: chi però ha una maggiore memoria di lavoro si concentrerà su quella specifica barretta, mentre chi ha una memoria di lavoro più debole sarà portato ad una più generica ricerca di cibo. Una scoperta, questa, che può rivelarsi utile per mettere a punto nuove forme di prevenzione e nuovi trattamenti per far fronte al problema delle dipendenze.

MECCANISMI DI APPRENDIMENTO
Tutto parte dai due meccanismi basilari di apprendimento che si attivano quando dobbiamo compiere una scelta:l’apprendimento strumentale l’apprendimento pavloviano. Il primo ci permette di collegare una determinata azione all’ottenimento di una ricompensa: ad esempio, premendo il tasto verde ricevo una caramella. L’apprendimento pavloviano, invece, ci permette di prevedere le conseguenze associate alla presenza di segnali esterni: ad esempio, una luce rossa lampeggiante può comunicarci che dobbiamo metterci al riparto da un pericolo imminente.


Questi due meccanismi non agiscono in modo isolato; al contrario, le conoscenze acquisite possono essere utilizzate in modo integrato quando dobbiamo prendere una decisione: uno schema molto utile per facilitare e velocizzare le scelte quotidiane, ma che in alcuni casi può rivelarsi pericoloso. "Meccanismi del genere sono spesso sfruttati ad esempio nelle strategie di marketing, per influenzare le scelte dei consumatori", spiega Sara Garofalo, ricercatrice dell'Università di Bologna e prima autrice dello studio. "Ma possono avere anche importanti ripercussioni in campo clinico, alimentando condotte patologiche come la dipendenza da sostanze e il gioco d'azzardo, o aggravando i disturbi d’ansia o fobici".

IL RUOLO DELLA MEMORIA DI LAVORO
Per indagare la maggiore o minore propensione degli individui ad essere guidati dagli stimoli ambientali nelle loro scelte, gli studiosi si sono concentrati sul ruolo della memoria di lavoro: una capacità cognitiva fondamentale nel processo decisionale, strettamente associata alle abilità attentive, logiche e di pianificazione del comportamento che permette di mantenere in memoria un certo numero di informazioni e manipolarle per il tempo necessario a svolgere il compito richiesto.


La ricerca ha coinvolto cento volontari ai quali è stata innanzitutto presentata una scelta tra più risposte, due delle quali portavano alla vincita di una ricompensa in cibo (un caso di apprendimento strumentale). In seguito, sono state mostrate una serie di immagini astratte associandone alcune alla vincita delle stesse ricompense (un caso di apprendimento pavloviano). Infine, la scelta iniziale tra più risposte è stata riproposta mentre ai soggetti venivano mostrate anche le immagini “pavloviane”.

"Misurando la memoria di lavoro dei soggetti coinvolti – dice ancora Sara Garofalo – abbiamo rilevato che una maggiore capacità di memoria di lavoro è associata ad una influenza puntuale, e non generica, degli stimoli esterni verso un particolare tipo di ricompensa. In altri termini, in persone con alti livelli di memoria di lavoro, un richiamo esterno verso una specifica barretta di cioccolato può sì indurre alla scelta di quella specifica barretta, ma non è accompagnato da un più generico aumento della ricerca di cibo".

SCELTE E DIPENDENZE
Il riconoscimento di queste differenze individuali legate alla memoria di lavoro può portare ad importanti ripercussioni in campo clinico. La propensione, legata ad una minore memoria di lavoro, a collegare gli stimoli ambientali con influenze generiche può essere infatti associata ad una maggiore inclinazione a sviluppare comportamenti disadattivi come la dipendenza da sostanze stupefacenti e la ludopatia.


(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://magazine.unibo.it/archivio/2019/06/10/scelte-e-dipendenze-il-ruolo-della-memoria-di-lavoro

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:42498

 

TOTALE VISITE: 61937

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni35

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:50

 

Dati aggiornati

al 14-12-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie Francois Delatour

 

Alimentazione e salute mentale

 

Pendragon.Edizioni

 

dalla Newsletter n.623 di PSICORADIO

 

In questa puntata parliamo dei corpi delle persone con un disturbo psichico; quel corpo che è quasi un rimosso, quando si parla di salute mentale. Corpi che troppo spesso sono vittima degli effetti collaterali di psicofarmaci e di cattivi stili di vita di cui ci si occupa troppo poco, come fossero conseguenze inevitabili del disturbo psichico.

Un esempio: alcuni psicofarmaci provocano un forte acquisto di peso, anche 10 o 20 chili, che in breve tempo trasforma il corpo.

Marie Francois Delatour , presidente del CUFO (Comitato Utenti, Familiari e Operatori), che riunisce 34 associazione della salute mentale, insieme alla nutrizionista Anna di Muzio , ha scritto un libro dal titolo “ Alimentazione e salute mentale ”, edito da Pendragon.

“ Lo spunto principale del libro è stata proprio la preoccupazione dei familiari e dei pazienti rispetto agli effetti collaterali di molti psicofarmaci. - racconta Delatour - Da qui nel 2015 è partito un percorso con l’Azienda USL di Bologna, per migliorare il benessere fisico delle persone con disagio psichico, attraverso piani alimentari, diete personalizzate, attività fisica e un continuo monitoraggio degli obiettivi raggiunti dai singoli pazienti.

I risultati sono stati subito evidenti: riduzione del peso, migliore qualità del sonno, un’attività intestinale più regolare e in alcuni casi anche una riduzione delle quantità di farmaci assunti ”. Il programma ha coinvolto famiglie, utenti accolti in gruppi appartamento o in altre strutture residenziali; molti all’inizio del progetto non cucinavano mai in casa e spesso non sapevano realizzare neanche le ricette più semplici. Poi “ hanno scoperto il piacere di cucinare insieme e anche della convivialità della tavola. Il cibo è diventato lo strumento per stare con gli altri”.

“ Alimentazione e salute mentale” non insegna solo a mangiare meglio : una parte del libro è dedicata a teorie di cui oggi si sente parlare sempre più spesso, che collegano alcuni disturbi mentali con il sistema immunitario, lo stato di alcuni organi, primo tra tutti l’intestino, ed i livelli di infiammazione presenti nel corpo. Per esempio, viene ricordata la recente traduzione di un libro di Edward Bullmore - neuropsichiatra, neuroscienziato e dal 1999 professore di psichiatria all'università di Cambridge: La mente in fiamme – un nuovo approccio alla depressione , (Bollati-Boringhieri). Il testo inizia con spiegazioni sul funzionamento del sistema immunitario e con risultati di studi secondo i quali l’infiammazione del corpo puo’ rientrare tra le cause della depressione (per chi vuole approfondire ) .
Secondo questo approccio, curare un disturbo psichico non vuol dire solo attenuarne i sintomi, ma prendersi cura del paziente nel suo complesso, corpo e mente - che non sono ambiti così separati.

 

 

clicca sulla scheda del libro: 

http://www.pendragon.it/libro.do?id=2849

 

Turismo
in Langa

 

Regala un’emozione… nelle Langhe

In occasione del Natale 2019, l’Associazione Turismo in Langa vi propone alcune idee regalo nella meravigliosa cornice delle Langhe e del Roero.

clicca su http://www.turismoinlanga.it/it/regala-unemozione-nelle-langhe/

PANETTONE GELATO

 

Ogni anno a Natale il panettone non può mancare sulla tua tavola, ma quest’anno vorresti cambiare un po’? Eccovi accontentati! Questa è una soluzione velocissima per creare un dessert al cucchiaio goloso e gradito da tutti, a partire da un panettone classico. Ti mostro come preparare il panettone gelato, questa volta farcito con gelato alla stracciatella, ma puoi sbizzarrirti secondo i tuoi gusti, con gelato dai gusti cremosi o alla frutta, oppure utilizzare un panettone al cioccolato, o ancora, un panettone classico all’uvetta, senza canditi, e arricchito con gocce di cioccolato. 

 

Per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/panettone-gelato/