SCELTE E DIPENDENZE: IL RUOLO DELLA MEMORIA DI LAVORO (Cufrad.it)

Secondo un nuovo studio realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna, il possibile sviluppo di comportamenti disadattivi potrebbe essere collegato ad una minore capacità di ricordare e gestire le informazioni necessarie per prendere una decisione. Un risultato che può rivelarsi utile per mettere a punto nuove forme di trattamento delle dipendenze


La memoria di lavoro – ovvero la capacità di ricordare e gestire le informazioni necessarie per compiere una scelta – gioca un ruolo importante nella possibilità di sviluppare comportamenti disadattivi come la dipendenza da stupefacenti e la ludopatia, o anche disturbi d'ansia o fobici. È quanto emerge da un nuovo studio realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna.

I risultati della ricerca – pubblicati sulla rivista del gruppo Nature Scientific Reports – mostrano come gli individui con una memoria di lavoro più sviluppata siano in grado di gestire in modo più mirato i tanti stimoli ambientali che ci circondano e che inevitabilmente influenzano le scelte che compiamo ogni giorno. Vedere il logo di una barretta di cioccolato, ad esempio, può spingerci a mangiare anche se non siamo affamati: chi però ha una maggiore memoria di lavoro si concentrerà su quella specifica barretta, mentre chi ha una memoria di lavoro più debole sarà portato ad una più generica ricerca di cibo. Una scoperta, questa, che può rivelarsi utile per mettere a punto nuove forme di prevenzione e nuovi trattamenti per far fronte al problema delle dipendenze.

MECCANISMI DI APPRENDIMENTO
Tutto parte dai due meccanismi basilari di apprendimento che si attivano quando dobbiamo compiere una scelta:l’apprendimento strumentale l’apprendimento pavloviano. Il primo ci permette di collegare una determinata azione all’ottenimento di una ricompensa: ad esempio, premendo il tasto verde ricevo una caramella. L’apprendimento pavloviano, invece, ci permette di prevedere le conseguenze associate alla presenza di segnali esterni: ad esempio, una luce rossa lampeggiante può comunicarci che dobbiamo metterci al riparto da un pericolo imminente.


Questi due meccanismi non agiscono in modo isolato; al contrario, le conoscenze acquisite possono essere utilizzate in modo integrato quando dobbiamo prendere una decisione: uno schema molto utile per facilitare e velocizzare le scelte quotidiane, ma che in alcuni casi può rivelarsi pericoloso. "Meccanismi del genere sono spesso sfruttati ad esempio nelle strategie di marketing, per influenzare le scelte dei consumatori", spiega Sara Garofalo, ricercatrice dell'Università di Bologna e prima autrice dello studio. "Ma possono avere anche importanti ripercussioni in campo clinico, alimentando condotte patologiche come la dipendenza da sostanze e il gioco d'azzardo, o aggravando i disturbi d’ansia o fobici".

IL RUOLO DELLA MEMORIA DI LAVORO
Per indagare la maggiore o minore propensione degli individui ad essere guidati dagli stimoli ambientali nelle loro scelte, gli studiosi si sono concentrati sul ruolo della memoria di lavoro: una capacità cognitiva fondamentale nel processo decisionale, strettamente associata alle abilità attentive, logiche e di pianificazione del comportamento che permette di mantenere in memoria un certo numero di informazioni e manipolarle per il tempo necessario a svolgere il compito richiesto.


La ricerca ha coinvolto cento volontari ai quali è stata innanzitutto presentata una scelta tra più risposte, due delle quali portavano alla vincita di una ricompensa in cibo (un caso di apprendimento strumentale). In seguito, sono state mostrate una serie di immagini astratte associandone alcune alla vincita delle stesse ricompense (un caso di apprendimento pavloviano). Infine, la scelta iniziale tra più risposte è stata riproposta mentre ai soggetti venivano mostrate anche le immagini “pavloviane”.

"Misurando la memoria di lavoro dei soggetti coinvolti – dice ancora Sara Garofalo – abbiamo rilevato che una maggiore capacità di memoria di lavoro è associata ad una influenza puntuale, e non generica, degli stimoli esterni verso un particolare tipo di ricompensa. In altri termini, in persone con alti livelli di memoria di lavoro, un richiamo esterno verso una specifica barretta di cioccolato può sì indurre alla scelta di quella specifica barretta, ma non è accompagnato da un più generico aumento della ricerca di cibo".

SCELTE E DIPENDENZE
Il riconoscimento di queste differenze individuali legate alla memoria di lavoro può portare ad importanti ripercussioni in campo clinico. La propensione, legata ad una minore memoria di lavoro, a collegare gli stimoli ambientali con influenze generiche può essere infatti associata ad una maggiore inclinazione a sviluppare comportamenti disadattivi come la dipendenza da sostanze stupefacenti e la ludopatia.


(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://magazine.unibo.it/archivio/2019/06/10/scelte-e-dipendenze-il-ruolo-della-memoria-di-lavoro

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

---------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:46797

 

TOTALE VISITE: 68332

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 54

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni: 92

 

Dati aggiornati

al 31-03-2020

---------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Anna Bravo Daniele Jalla 

LA VITA OFFESA

Storia e memoria dei Lager nazisti nei racconti di duecento sopravvissuti

 

Franco Angeli

 

"Raccontare poco non era giusto, raccontare il vero non si era creduti. Allora ho evitato di raccontare. Sono stato prigioniero e bon - dicevo".

Il cammino percorso dalia memoria dei Lager è in gran parte indicato da questa oscillazione tra il bisogno di verità e la difficoltà ad affermarla, tra lo sforzo di contrastare l'indifferenza del mondo e il silenzio come protesta; ma anche tra la spinta soggettiva a ricordare e quella opposta a dimenticare. Ostacoli esterni e interni non hanno interrotto questo cammino, facendo arrivare fino a noi un grande e inespresso patrimonio di esperienze.

A quarant'anni di distanza, la raccolta delle storie di vita degli ex deportati promossa dall'Aned in Piemonte, l'ha trasformato in racconto dando voce a tutti, in particolare a coloro - e sono la stragrande maggioranza - che non avevano mai trovato ascolto al di fuori della famiglia e del piccolo gruppo degli amici. Dalla stessa volontà nasce questo libro in cui parlano 200 sopravvissuti, in un montaggio di più di 900 brani tratti dalle 10.000 pagine di trascrizione delle loro testimonianze.

E' un accumulo enorme di notizie, episodi, giudizi, riflessioni ed emozioni; un coro che nasce dall'incontro di voci diverse, un primo abbozzo di memoria collettiva. E insieme, uno spaccato della deportazione italiana, con la sua fisionomia complessa e con i suoi tanti e diversi protagonisti: giovani partigiani e partigiane, intere famiglie ebree, antifascisti di vecchia data, militanti operai, soldati renitenti ai bandi, gente presa a caso nei rastrellamenti. Dalle loro voci - perché di voci si tratta in questa ricerca di storia orale - lo studio dei campi di sterminio può trarre moltissimi spunti capaci di allargarne radicalmente la conoscenza e di rimettere in discussioni valutazioni consolidate.

Ma oggi, in un panorama culturale e politico che inventa un volto umano al fascismo e tollera di convivere con prospettive di distruzione irreversibile, queste testimonianze hanno anche il valore di una denuncia e di un ammonimento.

 

Anna Bravo insegna storia sociale all'Università di Torino; si è occupata, tra l'altro, di resistenza, di cultura dei gruppi non omogenei e di storia orale, pubblicando diversi lavori su questi temi. Ha fatto parte del comitato scientifico che ha diretto la raccolta delle storie di vita promossa dall'Aned del Piemonte.

 

Daniele Jalla lavora presso la Regione Piemonte, dove si occupa di storia e culture locali. Ha svolto ricerche e pubblicato vari lavori di storia orale della cultura operaia.

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 Risotto allo zafferano con cook expert

Ricetta perfetta con Cook Expert Magimix!   Risotto allo zafferano

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

320 g di riso Arborio o Carnaroli 700 ml di brodo vegetale 1 cipolla 50 g di grana grattugiato 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 1 noce di burro ghiacciato 1 bustina di zafferano in polvere o zafferano in pistilli 1 presa di sale grosso.

Per la ricetta clicca

https://unabloggerincucina.it/risotto-allo-zafferano-cook-expert/