Le Terapie Immaginative | Workshop (Istituto di Psicologia Applicata, Torino)

Orario & Sede

27 set, 10:00 – 28 set, 17:00
IPA Istituto Psicologia Applicata,

Via Vassalli Eandi 27

 

Torino, TO, Italia

L'evento

La storia delle terapie immaginative ha radici remote. Fin dall’antichità – in Egitto, in Grecia, nell’estremo Oriente, nell’America precolombiana – fu chiaro che fantasie, visioni e immagini dell’inconscio possiedono un potenziale curativo.

 

Secoli più tardi, la nascente psicologia strutturò una varietà di approcci all’immagine mentale e una conseguente diversità di tecniche: allucinosi ipnotiche, sogni a occhi aperti, immaginazioni libere, visualizzazioni guidate, meditazioni immaginative e altro ancora.

 

Inizialmente questi procedimenti immaginativi condivisero una stessa finalità: estendere il potere dell’io per contenere la potenza dell’inconscio. 

 

Ma, agli inizi del XX secolo, metodi come l’immaginazione autogena di I.H. Schultz o l’immaginazione attiva di C.G. Jung introdussero un’innovazione radicale: l’atteggiamento verso l’inconscio non fu più unicamente di controllo e di contrasto, ma di rispetto e di collaborazione.

 

Il mondo immaginale divenne, allora, lo sfondo psichico da cui le immagini affiorano a configurare e a plasmare l’individualità. Attraverso la forza dei simboli s’imprimono sulla vita psichica e scandiscono ogni passaggio esistenziale e ogni involuzione patologica.

 

Collocata entro questa prospettiva, l‘immaginazione attiva di Jung costituisce il punto più avanzato nell’evoluzione delle terapie immaginative e l’approccio più rispettoso dell’attività immaginativa diretta dall’inconscio.

 

DOCENTE

 

Claudio Widmann, analista junghiano con funzioni di docenza, è associato al CIPA e alla IAAP.

 

E' docente presso varie Scuole di Specializzazione in Psicoterapia, dove tiene corsi e seminari soprattutto  sulla funzione simbolica e sulla vita immaginativa.

Alla vita simbolica ha dedicato volumi come Il simbolismo dei colori o Gli arcani della vita: una lettura psicologica dei tarocchi. Alla vita immaginativa è dedicato in particolare il volume Le psicoterapie immaginative. 

 

Attualmente ha in preparazione una rilettura della Divina commedia come descrizione simbolica del processo di individuazione.

Vive ed opera a Ravenna.

 

IL WORKSHOP

 

Il seminario si articola in due giornate ad impostazione combinata, espositiva ed esperienziale.

 

Alle generalità sull’immaginazione (ceni storici, antropologici, psicologici e simili) fa seguito una rassegna dei principali filoni di terapie immaginative, seguendo il file rouge del setting che è loro proprio.

Le forme di immaginazione guidata (visualizzazioni guidate, proiezione di simboli, sensibilizzazione e desensibilizzazione etc.) muovono da precise condizioni preliminari per realizzare uno stato di coscienza immaginativa. Contemplano una gamma di modalità operative, che tra di loro presentano similarità procedurali, ma anche diversità teoriche.

Un saggio esperienziale focalizza alcune delle procedure appartenenti a questa categoria di tecniche.

 

L’immaginazione dialogica  (Reve éveillé dirigé di Desolle, katymes Bildereben di Leuner, Psychoimagination therapy di Shorr e altre) muove da un diverso stato di coscienza, per adottare una diversa relazione sia tra soggetto ed operatore, sia tra soggetto e immaginario. Accanto ad un repertorio di interventi condivisi, esistono tecniche specifiche dei diversi orientamenti.

Il saggio esperienziale illustra l’approccio specifico di questo filone immaginativo.

 

L’immaginazione autogena presenta una specificità concettuale che impronta modalità procedurali del tutto originali. La tecnica originaria di Schultz si sviluppa su un livello “inferiore” (o standard) ed uno “superiore” e si apre a forme meno diffuse quali l’abreazione autogena di Luthe o l’immagogica autogena di Thomas.

Il saggio esperienziale, limitato ad aspetti del livello standard, chiarisce la specificità di questo metodo.

 

L’immaginazione attiva è una modalità originale di C. G. Jung. Ha origine dall’esperienza privata dell’analista svizzero e presuppone un preciso approccio teorico e un atteggiamento mentale del tutto particolare. Operativamente, una “attivazione dell’immaginazione” (Kast) può essere propedeutica alla “immaginazione attiva” vera e propria.

Il saggio esperienziale intende illustrare la specificità di atteggiamento endopsichico coltivato da questa tecnica. 

 

In conclusione, si intende evidenziare come i vari filoni si rivolgano ad ambiti applicativi diversi (clinici e non-clinici), assumendo modelli di riferimento distinti (pragmatici, psicodinamici, simbolici), ma soprattutto presuppongono -implicitamente o esplicitamente- concezioni dell’uomo e della psiche grandemente diversificate.

 

PROGRAMMA DI LAVORO

 

VENERDI' 27 SETTEMBRE

 

Generalità sull’immaginazione:  definizione, cenNi storici, antropologici, psicologici; tipi di setting e loro significatività

 

L’immaginazione guidata: condizioni preliminari e coscienza immaginativa, varietà delle tecniche (visualizzazioni guidate, proiezione guidata di simboli, sensibilizzazione e desensibilizzazione), modalità operative, similarità procedurali e diversità teoriche;  

SAGGIO ESPERIENZIALE

 

L’immaginazione dialogica: condizioni applicative, principali scuole (Reve éveillé dirigé di Desolle, katymes Bildereben di Leuner, psychoimagination therapy di Shorr), repertorio di interventi comuni e condivisi, tecniche originali e particolari   

SAGGIO ESPERIENZIALE

 

SABATO 28 SETTEMBRE

 

L’immaginazione autogena: specificità concettuale, particolarità procedurali, livello “inferiore” e “superiore” di Schultz, neutralizzazione autogena e abreazione autogena di Luthe, immagogica autogena di Thomas  

SAGGIO ESPERIENZIALE

 

L’immaginazione attiva: origine del metodo nell’esperienza di Jung, immaginazione attiva (Jung) e attivazione dell’immaginazione (Kast), affinità e differenze con le altre procedure immaginative, punti nodali dell’atteggiamento mentale

SAGGIO ESPERIENZIALE

 

CONCLUSIONI:  modelli di riferimento: pragmatici, psicodinamici e  simbolici; ambiti applicativi: clinici e non-clinici

 

Per maggiori informazioni e iscrizioni

https://www.istitutopsicologia.com/events/le-terapie-immaginative-workshop

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    ilaria (venerdì, 13 settembre 2019 19:59)

    vorrei iscrivermi al workshop sulle terapie immaginative, posso avere indicazioni del bonifico da fare? Grazie
    Ilaria bagni

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 108.382

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 118

Dati aggiornati

al 17-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Michele Zappella

BAMBINI CON L’ETICHETTA

Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione

Feltrinelli

Una nuova emarginazione, basata su diagnosi erronee di disabilità trasformate in etichette di “diversità” irrecuperabile, è in pieno sviluppo nel nostro paese e coinvolge un numero crescente di bambini e ragazzi. Si riferiscono ad abilità considerate oggi importanti anche in una prospettiva lavorativa, come leggere bene e relazionarsi agli altri adeguatamente. Spesso, infatti, ritardi di lettura vengono confusi con sintomi di dislessia, oppure si certifica l’autismo mentre si è di fronte a difficoltà del linguaggio, depressioni, mutismo selettivo, o persino transitorie timidezze. Come può avvenire tutto ciò? E con quali conseguenze? Cosa ha portato all’esplosione di diagnosi, spesso senza fondamento, negli ultimi anni? Come liberare i bambini da etichette che compromettono l’intera loro esistenza e quella delle loro famiglie? A queste e a molte altre domande risponde Michele Zappella. La ricca casistica e la profonda esperienza clinica e di ricerca dell’autore chiamano in causa la scuola, gli operatori professionali e le politiche di “sostegno” alla diversità. Zappella invita i genitori e gli educatori ad aprire gli occhi e a non cedere al fascino (in)discreto dell’etichetta, e i professionisti a mantenere aggiornata la cultura specialistica, sperimentando nuove modalità di approccio ai bambini che ne stimolino fantasia e creatività. Gli effetti possono essere sorprendenti!

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI