L'AUMENTO DELLA TEMPERATURA METTE A RISCHIO IL FUTURO (Ivan Manzo)

I ricchi sfuggiranno agli impatti negativi dei cambiamenti climatici, il resto del mondo verrà lasciato in balia di fame e conflitti. È lo scenario tracciato dal Consiglio Onu sui diritti umani. 2/7/2019

Le Nazioni Unite tornano ad ammonire i governi di tutto il mondo, colpevoli di trascurare le politiche a sostegno della battaglia climatica, in modo di evitare i peggiori impatti che il fenomeno del riscaldamento globale è in grado di generare. 

Questa volta, l’allarme è stato lanciato da Philip Alston, “special rapporteur on extreme poverty and human rights” per il Consiglio Onu sui diritti umani, nel rapporto  “Climate change and poverty” pubblicato il 24 giugno. Viene esaminata la relazione tra cambiamento climatico, povertà e diritti umani: fattore poco approfondito e poco discusso sul piano mediatico, ma che rappresenta una grande minaccia per il benessere collettivo. 

Secondo il rapporto, infatti, milioni di persone in tutto il mondo saranno costrette a fare i conti con l’insicurezza alimentare, la migrazione forzata, il diffondersi di malattie e le morti premature per via del riscaldamento globale. Il cambiamento climatico, si legge nel documento, “metterà a rischio gli ultimi 50 anni di progressi compiuti nello sviluppo in generale, nella salute globale e nella riduzione della povertà”. 

Un disastro non solo da un punto di vista sociale ma anche economico, come ricorda Alston: “una ricetta per la catastrofe economica. La crisi climatica spingerà più di 120 milioni di persone sotto la soglia di povertà entro il 2030, con impatti ancor più importanti nei Paesi più poveri e nei luoghi dove vivono e lavorano i poveri”. 

Effetti che avverranno anche nel caso riuscissimo a stare nel range di 1,5 gradi centigradi (inteso come aumento medio della temperatura globale rispetto all’epoca pre-industriale) entro fine secolo, scenario definito però dal rapporto stesso come “irrealistico” e non più raggiungibile.

Per contenere il più possibile l’aumento della temperatura, e quindi gli effetti dannosi del cambiamento climatico, lo studio ricorda che va trasformato il modo in cui beni e servizi approdano oggi sul mercato. È necessario un cambio di paradigma orientato alla conversione ecologica, e serve disaccoppiare economia e gas serra attraverso l’abbandono dei combustibili fossili, senza dimenticare la questione della giusta transizione. 

Acqua, cibo, alloggio, qualsiasi cosa collegata ai diritti umani verrà pesantemente colpita, un elemento capace di destabilizzare le democrazie in tutto il mondo. Un vero e proprio “apartheid climatico”, dove i ricchi saranno in grado di pagare e sfuggire alla crisi climatica e dove il resto del mondo viene lasciato da solo, in balia della fame e dei conflitti. 

Un rapporto dunque severo, molto critico con le azioni messe in campo dalla politica globale, troppo impegnata su altri aspetti, e dove viene ricordato che gli Stati fino a ora non sono stati in grado di mantenere neanche gli impegni di riduzione delle emissioni climalteranti presi, su base volontaria, a Parigi nel 2015 che, ricordiamo, se attuati ci consegnerebbero un mondo più caldo di almeno 3,5 gradi centigradi entro il 2100. Inoltre, non tutte le soluzioni possono essere affidate al settore privato, che è spesso responsabile dell’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali.

“I discorsi poco chiari da parte dei rappresentanti dei governi alle consuete conferenze non stanno portando a un’azione significativa. Gli Stati hanno superato ogni limite e ignorato ogni allarme scientifico, e quello che una volta era considerato un riscaldamento catastrofico, ora sembra essere uno scenario migliore a cui aggrapparsi. Ancora oggi, troppi Paesi stanno facendo passi miopi e nella direzione sbagliata”, conclude Philip Alston. 

 

di Ivan Manzo

 

tratto da

https://asvis.it/home/46-4292/laumento-della-temperatura-mettera-a-rischio-50-anni-di-progressi#

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI